Sono davvero innamorato/a o si tratta di dipendenza affettiva? 7 consigli chiave per superare la dipendenza dall'amore

Che cos'è la dipendenza affettiva? Come si può individuare una dipendenza affettiva? Scoprite i consigli chiave per sapere come superare una dipendenza affettiva e riaccendere l'amore

5 AGO 2022 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Che cos'è la dipendenza affettiva e come superarla?

Nella società odierna, quando si parla di benessere, di solito lo si collega immediatamente all'avere un partner. Tuttavia, da un punto di vista psicologico, è importante prendersi cura di se stessi per raggiungere un maggiore benessere, che si abbia o meno un partner, perché si rischia di cadere nella dipendenza affettiva. Credi che possa essere il tuo caso?

Sono affettivamente dipendente?

Vi state domandando se siete affettivamente dipendenti/e? Scoprite se la vostra relazione è di amore  o di dipendenza leggendo l’articolo. 

Spesso capita che, quando si inizia una relazione, l'innamoramento iniziale ci faccia vedere e pensare solo al partner. Tutto o quasi tutto ruota intorno alla persona che amiamo: pensiamo a lei/lui tutto il tempo, ci sentiamo come se fossimo nelle nuvole, sembra che non possiamo essere più felici perché siamo innamorati. Ma questo rilascio di endorfine spesso fa sì che, poiché ci sentiamo bene con il nostro partner, finiamo per fare tutto con lui/lei e lasciamo molte altre cose in un secondo o terzo piano: hobby, amici, famiglia... Cose che erano appaganti prima di avere quel partner.

Quando una relazione non è di dipendenza affettiva, con il passare del tempo questa sensazione diminuisce d’intensità e si ritorna al "mondo reale". Ci si rende conto che anche questa persona ha dei difetti e si ricomincia a vedere la prospettiva reale. Questo bilancia i pilastri della vita (famiglia, amici, partner, hobby, lavoro...).

Tuttavia, se le persone sono affettivamente dipendenti o attacate in modo morboso al partner, l'individualità e l'identità si perdono gradualmente. Improvvisamente ci si rende conto di non sapere chi si è senza "l'altra metà". La vostra autostima sta crollando, perché non vi siete presi cura degli altri pilastri della vostra vita e sentite che senza quella persona non siete nessuno.

Che cos'è la dipendenza affettiva?

La dipendenza affettiva è uno stato psicologico in cui vi è un estremo bisogno di affetto da parte di una persona nei confronti del proprio partner. Ciò implica un modello di comportamento della persona dipendente di sottomissione, sottovalutazione, idealizzazione del partner, sentimenti costanti di abbandono e pensieri ossessivi verso il partner.

Così, quando esiste una relazione di dipendenza affettiva, per evitare e per paura di perdere il partner si ricorre alla ricerca di attenzioni e a comportamenti sempre più umilianti. La dipendenza affettiva o psicologica da qualcuno è di solito più comune nelle relazioni di coppia, ma può verificarsi anche in altri ambiti della vita, come nei rapporti con i familiari, gli amici o sul posto di lavoro.

una coppia stesa sul letto si guardano reciprocamente

Quali sono i sintomi della dipendenza affettiva?

Alcune delle caratteristiche più rappresentative delle persone che soffrono di dipendenza affettiva e psicologica dal partner sono elencate a continuazione. Ricordate che se soffrite di questo disturbo di dipendenza dall'amore del vostro partner, è consigliabile che cerchiate un aiuto psicologico per poterlo affrontare e trovare una possibile soluzione al problema.

  1. Passività e sottomissione: quando sono con un'altra persona, si sentono incapaci di prendere decisioni proprie e persino di difendere ciò che vogliono o pensano. In questo modo, la persona affettivamente dipendente crea una relazione di dipendenza, poiché richiede l'opinione e l'approvazione del partner per qualsiasi cosa.
  2. Bassa autostima: le persone che soffrono di dipendenza affettiva hanno solitamente una bassa autostima, che le porta a confrontarsi continuamente con altre persone perché si sentono inferiori in ciò che fanno. Hanno bisogno di una persona che li sostenga e che ricordi loro che sono migliori di quanto pensino. In questi casi, le persone affettivamente dipendenti si rivolgono al partner per accrescere la propria autostima, quando invece dovrebbe essere il proprio lavoro e il proprio sforzo personale a farlo. A tal punto che si crea una dipendenza psicologica per cercare la convalida del partner nei momenti difficili.
  3. Gelosia: un altro segnale del dipendere da qualcuno è l'eccessiva gelosia. Quando si ha la sensazione che la propria vita abbia un senso perché si sta con lui/lei, compare la paura di perdere quella persona, che a volte porta a commettere errori come il controllo del partner o dubbi sulla sua fedeltà. Il loro ambiente è sorvegliato (amici, colleghi di lavoro...), il loro cellulare o qualsiasi altro elemento privato è controllato, ecc. Il fatto di essere una persona così insicura, con una bassa autostima e persino con la paura di rimanere da sola, fa sì che voglia sapere sempre dove si trova il partner. Li trattengono emotivamente per paura di dover affrontare una separazione. Questo fattore fa sì che la persona affettivamente dipendente finisca per chiamare o chiedere dove si trova e con chi per paura di essere abbandonata.
  4. Responsabilità nella coppia: rinunciare ai propri sogni e alle proprie illusioni per far sì che il partner sia felice fa sentire che i sogni e le conquiste del partner sono i propri. Anche gioire quando il partner ottiene qualcosa e sentirsi in colpa quando non lo fa. Questa responsabilità per la felicità degli altri causa continui sbalzi d'umore. In queste relazioni di dipendenza, la persona finisce per vivere la vita di chi le sta accanto e non la propria. In questi casi, la chiave per superare la dipendenza affettiva è prendersi cura di se stessi e abbandonare la dipendenza personale e affettiva dal partner. 
  5. Paura dell'abbandono e della solitudine: è un segnale innegabile che c'è una certa dipendenza affettiva quando si sente che la relazione non funziona, o non ci si sente innamorati, eppure si mantiene la relazione per paura della solitudine. Ci sono persone che tollerano umiliazioni e persino abusi per paura di perdere il proprio partner. Il problema principale delle persone affettivamente dipendenti è che la solitudine provoca loro paura e persino ansia, poiché si sentono esposte e non protette. Pertanto, il loro modo di porre rimedio a questa paura è quello di mettere da parte la loro autonomia individuale e di unirsi affettivamente a un'altra persona con la quale possono alleviare questa sensazione.
  6. Ansia da separazione: La persona affettivamente dipendente teme costantemente la possibilità che il partner la lasci. Hanno pensieri come: "Non voglio pensare a cosa mi succederà se lui/lei mi lascia". Questo tipo di pensieri induce queste persone ad accettare qualsiasi tipo di condizione imposta loro pur di mantenere il partner.
  7. Bisogno costante di manifestazioni d'affetto: la persona dipendente ha bisogno di ricevere costantemente espressioni e manifestazioni d'affetto per rafforzare la relazione e diminuire il senso d'insicurezza. Questo eccessivo bisogno di attenzioni li spinge a richiedere continuamente questo affetto, invocando persino l'attenzione quando non lo ricevono.
  8. Ricerca continua di attenzione e ricatto emotivo: la persona dipendente cerca costantemente l'attenzione del partner per consolidare e rafforzare la relazione. Cercano di essere al centro dell'attenzione e della vita del partner. Crede che più attenzioni riceve, migliore sarà la relazione. Questa ricerca costante fa sì che nelle situazioni in cui il partner non dà l'attenzione che la persona dipendente considera, questa si comporti in modo istrionico per riaverla. Questo comportamento nelle relazioni di dipendenza può andare dal ricatto emotivo, incolpando il partner della propria infelicità perché non gli presta attenzione, fino a situazioni estreme come l'autolesionismo o la minaccia di togliersi la vita.
  9. Idealizzazione del partner: questo attaccamento morboso ed affettivo o dipendenza dall'amore del partner finisce per far sì che la persona affettivamente dipendente idealizzi eccessivamente la persona che le sta accanto. In questo modo, l'attaccamento affettivo nella coppia finisce per far vedere uno dei due come "difettoso" e l'altro come "perfetto", danneggiando sia l'autostima che il legame tra le due persone. 

Questi sono alcuni dei segnali dei diversi tipi di dipendenza che si possono trovare in una relazione e che sono dannosi per entrambi i partner. Quando una persona soffre di questo "disturbo da dipendenza" è necessario lavorare sia a livello personale che insieme all'altra parte della relazione. In questi casi, consultare un professionista della salute mentale può essere molto utile.

ragazza seduta con le mani sulla testa e guardando in basso

Quali sono le cause della dipendenza affettiva?

Nella dipendenza affettiva, le cause possono essere molteplici. Tuttavia, ci sono alcune ragioni che si ripetono costantemente nelle persone che diventano affettivamente dipendenti in una relazione. Tra le cause più comuni che portano a soffrire di questa dipendenza dall'amore o dal legame affettivo nella coppia, possiamo evidenziare le seguenti.

  • Bassa autostima
  • Insicurezze
  • Mancanza di fiducia in se stessi
  • Traumi infantili o esperienze negative in ambito relazionale

Questi possono essere alcuni dei motivi per cui si può diventare dipendenti da qualcuno. Pertanto, per rompere la dipendenza affettiva, uno degli elementi chiave è lavorare su questi aspetti con uno psicologo professionista. 

Come superare la dipendenza affettiva?

Se vi identificate con questi aspetti, probabilmente soffrite di dipendenza affettiva. Ecco alcuni consigli che possono aiutarvi a superarla:

una coppia durante la terapia di coppia con un professionista

  1. Cercate di rafforzare i pilastri della vostra vita che avete lasciato da parte: uscite con gli amici, chiedete scusa per esservi allontanati o cercate nuove amicizie, vedetevi con i familiari, trovate un hobby o riprendete quelli che avevate prima di avere un partner... In breve, scoprite chi eravate prima di quella relazione o pensate a chi vorreste essere e mettetevi al lavoro. Questo sarà uno dei metodi per superare la dipendenza emotiva.
  2. Migliorare la propria autostima: per eliminare la dipendenza affettiva, c’è bisogno di lavorare sulla propria autostima. Date valore a ciò che fate, a chi siete, a ciò che avete... indipendentemente dal vostro partner. Aumenta la tua autonomia e il tuo senso di valore. Prendetevi cura di voi stessi dentro e fuori.
  3. Decidere da soli: prendere le proprie decisioni e confidare nella propria responsabilità personale è uno dei modi migliori per sapere come superare la dipendenza affettiva. Non lasciate che nessuno vi dica cosa fare. Una cosa è lasciarsi consigliare e un'altra è smettere di pensare perché lo fanno già per voi. Anche questo ruolo è molto comodo, anche se a volte può essere fastidioso e bisogna uscirne. Se pensate per e su voi stessi, scoprirete cosa vi piace, cosa sentite, cosa volete e cosa non volete.
  4. Cercate nuovi obiettivi nella vostra vita: la chiave per sapere come smettere di essere affettivamente dipendenti è cercare di concentrarsi maggiormente sulla propria vita e mettere da parte (un po') l'attaccamento morboso che abbiamo nei confronti del partner. Potreste anche aver messo da parte aspetti della vostra vita lavorativa o obiettivi personali. Concentratevi su questi obiettivi e iniziate ad andare avanti.
  5. Combattere i pensieri negativi: per sapere come uscire dalla dipendenza affettiva, una delle chiavi è avere un atteggiamento più positivo verso se stessi. In questi casi, l'indipendenza affettiva si ottiene di solito cercando di pensare in modo più positivo rispetto ad avere un dialogo interno negativo. Per farlo, dovete chiedervi se quello che state pensando vi è utile: pensare a questo pensiero negativo mi è utile? Quello che sto pensando è davvero la realtà? Dialogate con i vostri pensieri e vedrete che più di uno è illogico.
  6. Lavorare sulla propria intelligenza emotiva: un'altra delle cause della dipendenza affettiva è la sbagliata gestione delle emozioni. Per non dipendere da nessuno, lavorare sulla propria intelligenza emotiva è uno dei passi da compiere. Iniziate ad analizzare le vostre emozioni e a identificarle, quindi cercate di capirle in ogni situazione in cui non vi sentite a vostro agio.
  7. Cercare un aiuto professionale: se vedete che la situazione è al di sopra delle vostre possibilità, avete provato a fare qualcosa, ma non riuscite a farcela da soli, o se ci sono difficoltà a rompere questa relazione tossica perché l'altra parte vi sta manipolando (per esempio, l'altra persona minaccia di farsi del male se la lasciate), l'opzione migliore è rivolgersi a un professionista nel campo della psicologia. 

È importante sottolineare che per superare la dipendenza affettiva non è necessario lasciare il partner. Concentratevi su voi stessi, per avere una relazione sana dobbiamo innanzitutto sentirci bene con noi stessi. L'amore parte dall'interno.

PUBBLICITÀ

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Bibliografia

  • Raypole, C (2019). How to Recognize and Work Through Emotional Dependency. Healthline. https://www.healthline.com/health/emotional-dependency#signs
  • TD (2019). Emotional dependence. Top Doctors. https://www.topdoctors.co.uk/medical-dictionary/emotional-dependence

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su dipendenza affettiva