Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come affrontare il natale dopo un lutto?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

L'essenza del Natale è condividere con i nostri cari la gioia di ritrovarsi dopo tanto tempo, gli abbracci e i gesti di affetto che riceviamo augurandoci il meglio per il prossimo anno...

12 DIC 2019 · Tempo di lettura: min.
Come affrontare il natale dopo un lutto?

La vera essenza del Natale è condividere con i nostri cari la gioia di ritrovarsi dopo tanto tempo, gli abbracci e i gesti di affetto che riceviamo augurandoci il meglio per il prossimo anno, la riunione di famiglia attorno a un tavolo per condividere le prelibatezze che con tanto amore hanno cucinato per noi...

In generale è un momento di gioia e felicità che diventa un inferno per quelle famiglie che hanno appena subito la morte di una persona cara.

Per le persone che sono in lutto, la sofferenza e la nostalgia per l'assenza della persona deceduta possono pesare più che mai nel periodo natalizio. Emozioni come tristezza, paura, rabbia possono sorgere più facilmente ed essere più difficili da controllare in questo momento. Siamo più infastiditi del normale da luci, canti natalizi, pranzi e cene in compagnia...ci infastidisce anche la felicità degli altri.

Il Natale può essere vissuto come un periodo contraddizioni da chi sta affrontando un lutto: vorresti andare a letto e svegliarti solo al termine delle festività. Chi ci circonda ci chiede di stare con loro, di andare avanti con forza o, semplicemente, di stare bene e di sorridere di nuovo... e logicamente, non vuoi rovinare la festa alla famiglia o agli amici, e ancor meno desideri che si preoccupino ulteriormente.

Molte persone o famiglie in lutto, specialmente il primo Natale dopo la perdita, scelgono di non festeggiare nulla. Provano ad andare avanti con le loro vite, fanno come se fosse un giorno normale. Altre famiglie preferiscono fare qualcosa di diverso, come organizzare un viaggio in un posto diverso. Si tende a fare qualcosa che non ricordi queste date, che non ricordi quello che è successo, si tende a stare dove non si conosce nessuno... al sicuro dai rituali di Natale.

Sia la fuga che la negazione sono reazioni umane naturali, e sono parte del processo di gestione della perdita e del dolore. Entrambe le opzioni sono comprensibili. Tuttavia, il dolore si porta dentro, ovunque si vada.

Linee guida per le famiglie in lutto: come affrontare il “nuovo” Natale

Ciò che è chiaro è che dopo la perdita di una persona cara, nulla è più lo stesso. Tuttavia, prima o poi sarai costretto a costruire un nuovo Natale, ad affrontare la celebrazione che si ripeterà anno dopo anno e a creare nuovi modi di vivere queste vacanze.

Se devi affrontarlo, perché non farlo il più presto possibile? Potresti sentire di non avere la forza necessaria, ma sicuramente non sei solo/a e ti sarà permesso di barcollare. Ti suggeriamo di prendere in considerazione alcuni di questi suggerimenti.

  • Abbattere i muri del silenzio: raduna la famiglia per decidere come affrontare la nuova situazione in modo aperto e naturale. È importante che tutti possano esprimere i loro sentimenti e le loro preoccupazioni senza censure, le loro opinioni e i loro desideri su come affrontare queste date, decidere quali tradizioni mantenere e quali no... È un momento al quale ognuno può partecipare ed esprimersi: anziani, adulti, bambini e adolescenti. La cosa più difficile sarà fare il primo passo, ma è importante capire che tutti all’interno della famiglia contano e che tutti hanno il diritto di esprimere le proprie emozioni.
  • Promuovere norme familiari esplicite e consensuali: pensa alle tradizioni che normalmente si mantengono in famiglia: l'albero di Natale, il presepe, i pasti, i doni, le visite alla famiglia e agli amici ... lascia che ognuno esprima i propri sentimenti su ogni abitudine natalizia.  Sebbene possano esserci dei contrasti, è bene creare uno spazio per ascoltarsi a vicenda.
  • Prendere in considerazione l'opinione dei più piccoli e renderli partecipi: non puoi fingere che tutto sia rimasto uguale, che non sia successo nulla. I bambini sono sensibili e percepiranno che la situazione è cambiata. Se nascondiamo i nostri sentimenti, potrebbero rispondere con sospetto e sfiducia. Quando un bambino affronta in una situazione di crisi, di cui non ha riferimenti precedenti, tende a guardare e imitare gli adulti che lo circondano. Se percepisce paura, risponderà con la paura. Se percepisci che stiamo affrontando apertamente la situazione, reagirà allo stesso modo. Un bambino non ha paura della morte se gli adulti intorno a lui non temono le loro domande o se non nascondono i loro sentimenti. Come gli adulti, devono essere presenti ai rituali che riguardano la morte della persona cara, perché anche loro devono interiorizzare la situazione. Il fatto di essere testimoni e partecipanti li aiuterà ad assimilare la situazione in modo più rapido e adattivo.
  • Ricordare simbolicamente la persona assente: forse puoi considerare di introdurre un nuovo rituale nella famiglia, come mettere la foto della persona assente vicino all'albero di Natale o in un luogo significativo con un paio di candele o con i disegni del più piccolo della casa. O prima di iniziare una cena, chiudi gli occhi e sentirai la presenza di chi non c’è più anche se la sua sedia è vuota. Riserva un momento, uno spazio o un luogo specifici per ricordare la persona amata e poterci pensare quando senti nostalgia, ti aiuterà ad annullare il nodo emotivo che ti opprime, o semplicemente uno spazio in cui poterti sfogare se necessario. Vivere momenti come questo o avere la sicurezza di poter avere uno spazio come questo, può aiutarci a vivere il resto del tempo con meno dolore.

È triste dover subire la perdita di una persona cara per renderci conto di come cambi la nostra visione del mondo. Per capire quali sono le cose veramente significative, e per capire cosa significhi vivere la vita pienamente. Per essere in grado di discernere ciò che è veramente importante da quello che non lo è. Impara a goderti i piccoli grandi dettagli della vita: la compagnia dei tuoi cari, un pranzo in famiglia, una cena con gli amici, un momento di pace e tranquillità o semplicemente un gesto di affetto del tuo partner, di tuo figlio o di tua madre...tante cose che giustificano l’essere nati. E il fatto che sicuramente chi non c’è più ha goduto della nostra compagnia.  

Pensa e brinda per la vita piena di chi non c’è più.  

Articolo di Margil Psicología pubblicato su MundoPsicologos.com

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

ultimi articoli su elaborazione del lutto