Socialità

Inviata da ValeRi · 3 apr 2023 Relazioni sociali

Ciao, sono una ragazza di 26 anni, vivo da diversi anni una situazione per cui la sera quando dovrei uscire con gli amici preferisco stare a casa, molto spesso di ritorno da una serata mi sento triste e mi viene da piangere e mi riprometto che non uscirò più. Se si tratta di andare a mangiare qualcosa a cena fuori non è un problema ma non mi va mai di continuare poi la serata in qualche bar o in mezzo alla gente...mi sento a disagio e non vedo l'ora di tornare a casa dal mio ragazzo o rintanarmi nella mia stanza. Mi accorgo che cerco spesso la solitudine o la compagnia solo di pochi e non amo stare troppo tra la gente però in passato non ero così. Da qualche anno sto bene nei miei spazi e non mi frega niente di uscire, spesso mi sforzo per paura di perdere le amicizie infatti sono passata da essere una persona con tanti amici ad averne molto pochi, temo di essere considerata una persona noiosa, a volte non ho argomenti a meno che non sono ubriaca... ma per me il divertimento è altro, è svegliarmi presto al mattino e fare una bella camminata quando ancora c'è silenzio, stare nella natura, guardare un bel film, giocare con il mio cane...sto bene così ma vivo male la situazione è come se non accettassi di essere fatta in questo modo e ogni volta dovessi mettere una maschera per sembrare un altra persona e fingermi felice quando esco... non è facile spiegarmi ma non so che fare per non avvertire questo malessere.
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Prenota subito un appuntamento online a 44€

Ricevi assistenza psicologica in meno di 72 ore con professionisti iscritti all’ordine e scegliendo l'orario più adatto alle tue esigenze.

Miglior risposta 4 APR 2023

Buon pomeriggio Valeri,
Le sue parole suggeriscono un senso di frustrazione probabilmente legato all'accettazione di una nuova fase del suo ciclo vitale: durante il percorso di crescita si affrontano numerosi cambiamenti ed è funzionale scegliere di costruire un proprio spazio personale, continuando a coltivare i propri interessi e le proprie passioni ma per farlo è assolutamente necessario scegliere di dedicare del tempo a se stessi, sacrificando parte di quel bisogno di socialità che, invece, risulta particolarmente spiccato nelle fasi precedenti. La terapia individuale potrebbe aiutarla a capire cosa si nasconde dietro questa sua difficoltà di accettare un cambiamento che, comunque, la porta ad essere serena e tranquilla e dietro questo suo bisogno di dimostrare agli altri di voler avere la loro compagnia, tanto da scegliere di indossare una maschera che le permetta di convincere il mondo esterno della sua felicità pur a costo di sacrificarla. Credo che l'importante non è la quantità del tempo che dedichiamo agli altri, quanto piuttosto la qualità dello stesso e che le persone che le vogliono bene le resteranno accanto a prescindere dal numero di uscite che, con fatica, riesce ad organizzare. Attraverso l'approfondimento della sua storia personale, familiare e relazionale, si potrà riuscire a dare una risposta ai suoi dubbi, valutando situazioni che potrebbero averla condotta alla sua situazione attuale e diminuendo il senso di colpa che sembra provare nel riuscire a stare bene da sola, in modo che questo possa essere riconosciuto come un traguardo e non una sconfitta.
Resto disponibile ad ulteriori approfondimenti, anche online.
Un saluto,
Dott.ssa Paola Cutrupi

Dott.ssa Paola Cutrupi Psicologo a Reggio Calabria

223 Risposte

666 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2023

Cara ValeRi,
sembra quasi che per lei esista un modo corretto per divertirsi e stare bene, che però poi non corrisponde a ciò che lei mette effettivamente in atto per sentirsi così, e questo le causa malessere.
Star bene, divertirsi, sono stati talmente soggettivi che non esiste un unico modo per farlo, ma lei questo lo sa già, il punto è che non riesce a sentirsi in pace ed allineata con questo pensiero, qualcosa non le torna.
E allora si costringe a mettere una maschera, logico che poi si senta triste e le venga da piangere: ha fatto qualcosa che non le andava di fare, e un po' ha negato una parte di se stessa, che sarebbe poi quella che la fa sentire più viva.
Potrebbe iniziare a riflettere su questi spunti, se poi avrà voglia di parlarne e approfondirli sono qua.
Un caro saluto,
Alessia Sassano

Dott.ssa Alessia Sassano Psicologo a Padova

38 Risposte

32 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2023

Gentile ValeRi,

Dalle sue parole si percepisce un malessere e una frustrazione che on il tempo si sono fatti più intensi.
I cambiamenti nel suo modo di approcciarsi alle situazioni sociali potrebbero rispecchiare un cambiamento interiore, in cui i suoi bisogni e le sue priorità sono mutate con il tempo. Non c'è niente di sbagliato in tutto ciò; tuttavia, se questa situazione le crea sofferenza, potrebbe essere opportuno osservarla più a fondo. Ha utilizzato un termine molto importante, ovvero "accettazione", ecco, è un buon punto di inizio per intraprendere un percorso di supporto psicologico di riscoperta dei propri equilibri, personali e sociali.
Per qualsiasi dubbio, resto a disposizione, sia online che in studio.

Saluti,

Dott.ssa Gloria Simoncini

Dott.ssa Gloria Simoncini Psicologo a Torino

14 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2023

Non credo che il piacere a stare da soli sia incompatibile con il piacere a stare con gli amici, chi sa stare bene da solo ha una marcia in più perchè non vive male la solitudine che anzi rappresenta un momento di benessere.
Ciò che invece mi sembra disfunzionale sono le tue paure/credenze che tu possa essere percepita dagli altri come una persona noiosa e il fatto che "molto spesso di ritorno da una serata mi sento triste e mi viene da piangere e mi riprometto che non uscirò più" questo che scrivi svela una tua difficoltà a stare bene in mezzo alle persone e su questi aspetti che ti consiglio di lavorare perchè il malessere che provi credo superi la soglia della funfionalità e possa alimentare con il tempo dei comportamenti di evitamento fobici disfunzionali.
Se sei interessata ti informo che lavoro anche online .
Un saluto
Dott.ssa Cristiana Michelucci

Dott.ssa Cristiana Michelucci Psicologo a Pescara

91 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2023

Buonasera.Cara
Ti consiglio.dei colloqui con uno psicoterapeuta
Per superare le tue problematiche


Dott.ssa Patrizia Carboni
Psicologa Psicoterapeuta
Roma

Dott.ssa Patrizia Carboni Psicologo a Roma

1372 Risposte

187 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Gentile Valeri, leggendo il suo commento mi sono chiesta:
“Per quale motivo dovrebbe forzarsi ad uscire se preferisce stare in casa?”, mi sembra di capire che lei abbia molti interessi e conosca bene le sue modalità per lo star bene.
Mi chiederei se per stare con gli amici o per la pressione sociale che spesso sentiamo valga la pena modificare così tanto di sè stessa.
Un aspetto che vorrei approfondire è quello per cui dice che in passato non era così, c’è stato qualche e l’avvenimento specifico che le ha fatto modificare le sue abitudini?
Resto a disposizione per approfondire la tematica

Dott.ssa Margherita Piscini Psicologo a Tolentino

7 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Carissima,
Credo che avere uno spazio per se stessi, di natura psicologico, possa essere utile nel comprendere i nostri meccanismi e le nostre risorse per permetterci di disporci nella direzione che più ci fa sentire bene con noi stessi e con gli altri, verso ciò che il più possibile ci avvicina ad una armonia interna e allo stesso tempo esterna.
Buona fortuna e serenità.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1658 Risposte

934 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Gentilissima ValeRi, grazie della condivisione. Capisco la situazione che descrivi, e comprendo i dubbi, pensieri e fatiche al riguardo. Non deve essere per nulla facile dover fingere di stare bene quando in realtà non lo si è. Credo che potrebbe aiutarti intraprendere dei colloqui di terapia, in modo da comprendere ed esplorare le motivazioni sottostanti queste difficoltà ed isolamento che senti.
Resto a disposizione!
AV

Dott.ssa Antea Viganò Psicologo a Pessano con Bornago

577 Risposte

81 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Gentile ValeRi,
La nostra società non educa alla solitudine sana e a coltivare il rapporto con se stessi, per questo spesso non si riesce a comprendere se quando vogliamo stare da soli abbiamo "un problema" oppure no. Probabilmente questo "confronto sociale" le fa mettere in dubbio proprio questo, infatti da quel che mi sembra di comprendere non sta richiedendo un supporto per uscire maggiormente, ma lo sta richiedendo perché vuole accettare il suo modo di essere.
Pertanto, se, come mi sembra di aver compreso, il suo obiettivo è quello di smettere di fingere di dover indossare la maschera della felicità quando esce, per riuscire finalmente ad apprezzare il suo modo di divertirsi e di star bene con se stessa, senza sentirsi sbagliata, le suggerisco di rivolgersi ad un professionista, che possa supportarla verso il raggiungimento di questo suo obiettivo.
Spero di esserle stata utile e resto a sua completa disposizione per un'eventuale consulenza psicologica, anche online.
Un saluto.
Dott.ssa Deborah De Luca

Dott.ssa Deborah De Luca Psicologo a Monterotondo

805 Risposte

365 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Buongiorno cara,
grazie per aver condiviso il tuo vissuto, dalle tue parole traspare la sofferenza che stai vivendo.
Richiede grande coraggio sapersi ascoltare e soffermarsi su quali siano i tuoi reali bisogni e su ciò che ti fa star realmente bene, e questo rappresenta un primo importante passo.
Un percorso di terapia individuale ti può aiutare a mettere il focus su di te, a dare valore ai tuoi spazi e un significato ai tuoi bisogni per poterli accettare con serenità.
Occorre conoscersi a fondo per rispettare se stessi e amarsi per ciò che si è!

Resto a disposizione, anche online.
Dott.ssa Melania Matzuzzi

Dott.ssa Melania Matzuzzi Psicologo a Cagliari

46 Risposte

122 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Buongiorno Valeri,
da quello che racconta sembra che una parte di lei debba aderire ad uno schema mentale di ciò che dovrebbe fare, mentre un'altra parte sente ciò di cui ha voglia di fare ma non la legittima fino in fondo. Forse crescendo sono cambiate le sue esigenze e il suo modo di vivere i rapporti, non ha tutti piace la confusione e stare in mezzo a tanta gente. Se però per lei questo aspetto rappresenta un disagio può valere la pena rivolgersi ad un professionista per approfondirne il significato.
Cari saluti.
Luisa Festini

Dr.ssa Luisa Festini Psicologo a Verona

41 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 APR 2023

Ciao, capisco che vivi una situazione che ti sta facendo sentire a disagio e che sta influenzando il modo in cui interagisci con gli altri. Mi sembra che tu stia cercando di adattarti alle aspettative degli altri, pur sapendo che ciò che ti rende felice e serena è ben diverso. Il fatto che tu stia cercando una consulenza dimostra che vuoi trovare un modo per superare questa situazione e riprendere il controllo della tua vita. Il primo passo è riconoscere e accettare che quello che stai vivendo è un problema reale che merita la tua attenzione. La terapia individuale può aiutarti a comprendere meglio le tue emozioni, a identificare i fattori scatenanti e a trovare modi per affrontarli. In terapia, potremo esplorare insieme le tue esperienze passate e attuali, le tue abitudini e le tue aspettative, al fine di trovare un modo per superare le difficoltà che stai incontrando.

Dott.ssa Nicoleta Senni Pop-Span Psicologo a Asti

521 Risposte

707 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Se hai bisogno di cure psicologiche immediate, puoi prenotare una terapia nelle prossime 72 ore e al prezzo ridotto di 44€.

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 24500

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 139600

Risposte