Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Icone rock con disturbi psicologici

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

I casi più conosciuti del mondo della musica del "diavolo", in occasione della giornata mondiale del Rock che si celebra ogni 13 luglio.

15 NOV 2016 · Tempo di lettura: min.
Jimmy Page

In onore al giorno del Rock vi proponiamo le storie di 4 grandi leggende facendovi scoprire come spesso l'estro creativo vada a braccetto con la follia regalandoci però, in questo caso, pezzi musicali magnifici, a volte deliranti o apparentemente privi di senso ma che hanno fatto indiscutibilmente la storia della musica.

Non dimentichiamoci che lo slogan più associato a questo filo musicale è "Sesso, droga e rock and roll", proprio perché la maggior parte dei migliori esponenti della musica rock hanno vissuto vite estreme e torbide finite in, alcuni casi, morti avvolte nel mistero e nell'ambiguità.

Kurt Cobain

Idolo di un'intera generazione ed icona del movimento grunge nei primi anni '90, il cantante si suicidò con un colpo di fucile nel 1994 a soli 27 anni e nel pieno della sua popolarità.

kurt.jpg

Durante l'infanzia, che è stata caratterizzata da diversi conflitti - sia familiari che con il mondo esterno - assunse farmaci per controllare il suo comportamento iperattivo. Fu vittima di bullismo negli anni adolescenziali e, una volta famoso, era abbastanza conosciuto per il suo stato depressivo; soffriva di deficit di attenzione e bipolarismo. Al momento della sua morte era dipendente dalla cocaina e dall'eroina.

Amy Winehouse

La sua immagine, volenti o nolenti, è sempre stata associata al consumo smisurato di droghe e alcool e la sua morte nel 2011 è stata giustificata da un'overdose. Da sempre affetta dalla bulimia che modificava continuamente la sua immagine, Amy cercò nella musica una scappatoia.

amy.jpg

Purtroppo alla malattia si aggiunse l'alcolismo portandola a soffrire di drunkorexia, termine inglese per definire la dipendenza dall'alcool con lo scopo di inibire il desiderio del cibo. Anche lei, al momento della morte, era al picco del successo.

Jim Morrison

Anche conosciuto come il Re Lucertola Jim Morrison, classe '43, ebbe un'infanzia caratterizzata da continui traslochi e cambi di città a causa del lavoro del padre. Nonostante questa instabilità geografica, i suoi risultati scolastici erano ottimi e il suo quoziente intellettivo più alto della media, adorava la lettura e "consumava" libri uno dopo l'altro.

morrison.jpg

Dal 1960 iniziò il suo declino tanto che, l'anno dopo, non si presentò alla ceremonia per la consegna dei diplomi. Nel 1963 venne arrestato per disturbo della quiete pubblica a causa del suo elevato stato di ubriachezza. Il corpo senza vita del leader dei Doors fu trovato nella vasca da bagno del suo appartamento parigino, la causa del decesso fu archiviata come arresto cardiaco dovuto quasi sicuramente all'assunzione di droghe. Era affetto da disturbo borderline, con problematiche elevate nelle relazioni e con se stesso, aveva una personalità autodistruttiva, scontrosa e tormentata.

David Bowie

L'unico caso, tra quelli che vi stiamo esponendo, non finito in tragedia dovuto ad abusi, il cantante icona del rock è morto sei mesi fa a causa di un male incurabile; David Bowie (all'anagrafe David Robert Jones) iniziò la sua carriera di cantante nel 1964 e, da quel momento in poi, il suo personaggio ha subito molti cambiamenti di personalità e stile.

david-bowie.jpg

Bowie era ossessionato dall'occultismo e la sua continua assunzione di droghe pesanti lo portò ad avere manie di persecuzione tanto da isolarsi completamente dal mondo per diversi periodi. I testi delle sue canzoni hanno rispecchiato negli anni i suoi stati d'animo e affrontano temi come la pazzia, l'ambiguità sessuale e la follia. Stesso il cantante asserì che il suo stato psicologico era molto labile in quanto inziò ad avere problemi di sdoppiamento di personalità.

Ci sarebbe ancora da parlare di tanti altri personaggi che hanno abbracciato lo stile del rock morti o ancora in vita che hanno sofferto o soffrono di disturbi psicologici anche se è doveroso dire che non bisogna generalizzare in quanto, purtroppo, non sono caratteristiche esclusive di personaggi famosi.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Salute circa il 10% della popolazione mondiale soffre di qualche disturbo mentale ma non è difficile da capire che, quando si è sotto i riflettori, le storie personali vengono a galla più facilmente.

Ci teniamo a precisare che, nonostante le storie precedentemente raccontate, sono molte le icone del rock che hanno superato i loro problemi cercando aiuto psicologico, un comportamento che qualunque persona - famosa o meno - dovrebbe sempre avere, contando inoltre sull'appoggio ed il sostegno che gli amici e familiari sono disposti a dargli.

Se vuoi maggiori informazioni, consulta il nostro elenco di professionisti esperti in problemi psicologici.

psicologi
Linkedin
Scritto da

Eugenia Marfuggi

Lascia un commento

ultimi articoli su disturbi della personalità