Disturbo da stress post-traumatico: come riconoscerlo?

I sintomi del disturbo da stress post-traumatico possono presentarsi immediatamente dopo l'evento o a distanza di tempo.

3 MAG 2018 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Disturbo da stress post-traumatico: come riconoscerlo?

A quale risultato corrisponde il tuo punteggio del test? Scopri di più sul disturbo da stress post-traumatico.

Ancora non hai svolto il test? Puoi farlo cliccando qui.

I risultati del test

0-7 > Improbabile

Le persone che hanno ottenuto un punteggio simile a te in questo test per il disturbo da stress post-traumatico (DPTS) ricevono raramente una diagnosi di DPTS. Nonostante sia possibile che tu possa presentare alcune delle caratteristiche associate con questo disturbo, è improbabile che tu possa soffrirne.

8-13 > Possibile

Le persone che hanno ottenuto un punteggio simile a te in questo test per il disturbo da stress post-traumatico (DPTS), in alcuni casi, possono ricevere una diagnosi di DPTS. Quando i sintomi del DPTS si trovano in questo intervallo possono, talvolta, avere un impatto sulla vita quotidiana, rendendo le attività normali, come il lavoro o la scuola, più difficili rispetto alle altre persone. Mantenere l'attenzione e la concentrazione su un determinato compito da svolgere, a volte, può essere complicato per le persone che hanno raggiunto questo punteggio.

14-27 > Molti sintomi del DPTS

Le persone che hanno ottenuto un punteggio simile a te in questo test per il disturbo da stress post-traumatico (DPTS), potrebbero avere maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di DPTS. Quando i sintomi del DPTS sono così gravi tendono ad avere un impatto sulla vita quotidiana di una persona, rendendo le normali attività, come il lavoro o la scuola, un grande sforzo. Mantenere la concentrazione e l'attenzione su un determinato compito da svolgere può essere una vera sfida per le persone che hanno ottenuto questo punteggio.

shutterstock-611637911.jpg

Disturbo da stress post-traumatico: definizione, sintomi e trattamento

Per disturbo da stress post-traumatico si intende una patologia che si può manifestare dopo aver vissuto un evento traumatico (una guerra, uno stupro, un lutto, un incidente grave, etc.). Si presenta attraverso un forte stress e il timore di essere sempre in pericolo, anche se non esistono rischi reali. Quest'ansia continua mette a dura prova il benessere psico-fisico di chi soffre di questo disturbo in quanto rende difficile svolgere anche le attività più semplici e quotidiane.

I sintomi del disturbo da stress post-traumatico possono presentarsi immediatamente dopo l'evento o a distanza di tempo. In una diagnosi di DPTS questi campanelli d'allarme devono presentarsi per più di un mese ed essere sufficientemente gravi da compromettere la vita del paziente. Ecco alcuni dei principali sintomi del disturbo da stress post-traumatico:

  • senso di colpa;
  • evitare di entrare in contatto con tutto ciò che ricorda l'evento traumatico;
  • ansia continua;
  • sintomi fisici come la tachicardia;
  • difficoltà di concentrazione;
  • attacchi d'ira e tensione costante;
  • apatia e perdita di interesse;
  • difficoltà a ricordare alcuni dettagli dell'evento traumatico;
  • disturbi del sonno e incubi;
  • ritornare a vivere mentalmente l'evento traumatico attraverso flashback o allucinazioni.

Dopo aver escluso possibili cause fisiologiche, è indispensabile diagnosticare il prima possibile questo disturbo in modo tale da poterlo superare con i trattamenti adeguati. Solitamente, il paziente dovrà seguire un percorso di psicoterapia, in alcuni casi accompagnato da un trattamento farmacologico per ridurre i sintomi del DPTS, come ansiolitici o antidepressivi.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in trauma psicologico.

 Articolo rivisto e corretto dal dottor Matteo Monego    

PUBBLICITÀ

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

Commenti 2
  • Rossella Mancini

    Sì ne ho sofferto e purtroppo a distanza di molti anni i disturbi si sono cronicizzati anche se ho fatto un percorso psicoterapeutico di circa 6 anni.

  • Stefano Artioli

    Buongiorno, sono una persona con DPTS cronico diagnosticato e voglio testimoniare che purtroppo questa patologia non viene riconosciuta come dovuto e genera, tipo nel mio caso, un'ulteriore insoddisfazione, mortificazione e senso di rabbia. Saluti e grazie per le vostre mail.

ultimi articoli su psicoterapie