Che cos'è l'isolamento esistenziale? I tasti per riconoscerla e sapere come può influenzarci

Che cosa implica l'isolamento esistenziale e come può influire su di noi questa condizione? Scoprite le chiavi per poterlo affrontare e individuare in tempo.

20 GEN 2023 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Isolamento esistencial

Lo studio e la valutazione degli stili di attaccamento hanno rivelato che alcuni di essi correlavano con la variabile solitudine, suggerendo un'altra probabile correlazione: quella dell'isolamento esistenziale (VIA). Ma perché si presenta e come affrontarlo?

Che cos'è l'isolamento esistenziale?

L'isolamento esistenziale si riferisce a una condizione di solitudine fondamentale in cui l'individuo non può sfuggire alla consapevolezza che non sarà mai in grado di condividere pienamente la propria coscienza con gli altri (Mikulincer et. Al, 2014) e che darà vita agli altri (una parte di sé).

La questione dell'isolamento esistenziale è molto controversa, in quanto l'individuo vorrebbe poter attuare una "simbiosi mentale" con le persone, ma allo stesso tempo si frappongono ostacoli formidabili (Marsa et al., 2004). Innanzitutto, la barriera tra immagine e linguaggio: la mente, infatti, pensa per immagini, ma per comunicare con gli altri deve trasformare le immagini in pensieri e poi i pensieri in atti linguistici.

Una strada accidentata, questa, dall'immagine al linguaggio, che appare, infatti, costellata di perdite: la ricca e struggente struttura dell'immagine, la sua straordinaria plasticità e duttilità, le sue sfumature altamente personali ed emotivamente colorate; tutto questo si perde quando l'immagine viene trasposta nel linguaggio (Mikulincer & Shaver, 2016). Dopo aver compreso la controversia dell'Isolamento Esistenziale, resta da capire quale relazione possa avere con l'attaccamento e, in particolare, è interessante analizzare quali fattori di rischio possano essere coinvolti in questa relazione, al fine di intervenire.

Che rapporto ha l'attaccamento con l'isolamento esistenziale?

Per comprendere l'associazione tra l'orientamento all'attaccamento e l'isolamento esistenziale (EIA), può essere istruttivo considerare innanzitutto la relazione coerente tra attaccamento insicuro e solitudine (Weiss, 1973; Hazan & Shaver, 1987).

In particolare, Hazan & Shaver hanno proposto che gli individui che hanno avuto una storia di relazioni significative con persone non disponibili, rifiutanti o incoerenti dovrebbero avere una maggiore vulnerabilità cronica alla solitudine (Rubenstein & Shaver, 1982: Hazan & Shaver 1987: Berlin et al, 1995).

Secondo questa visione, gli individui con attaccamento ansioso tenderebbero a esagerare i loro bisogni insoddisfatti, con conseguente maggiore sofferenza psicologica associata alla mancanza di intimità, vicinanza emotiva e relazioni di attaccamento (Mikulincer & Shaver, 2014; Mikulincer & Shaver, 2016).

Che rapporto ha l'attaccamento con l'isolamento esistenziale?

Alcuni ricercatori hanno sostenuto che l'attaccamento ansioso, rispetto a quello evitante, dovrebbe essere maggiormente correlato alla solitudine (Berlin et al., 1995; Mikulincer e Shaver, 2014).

Tuttavia, le prove a favore di questa posizione sono contraddittorie, in quanto alcuni studi non hanno riscontrato alcuna differenza tra gli stili di attaccamento ansioso ed evitante rispetto al costrutto della solitudine (Goossens et al., 1998), mentre altri studi hanno effettivamente riscontrato una maggiore solitudine tra gli individui con attaccamento ansioso, piuttosto che tra quelli con stile di attaccamento evitante (Man & Hamid, 1998; Marsa et al., 2004).

Perché nasce l'isolamento esistenziale?

È stato ripetutamente sottolineato che le figure di attaccamento, oltre ad avere lo scopo di soddisfare i bisogni (attaccamento infantile), hanno il compito di aiutare a guidare le interpretazioni soggettive della realtà e a convalidare le esperienze degli individui (Ainsworth et al., 1978; Fonagy et al., 2002; Hazan & Shaver, 1987).

La mancanza di validazione, quindi, rappresenta una fonte inesauribile di problemi. Infatti, può contribuire allo sviluppo di una sensazione cronica di incomprensione da parte degli altri, di abbandono. Ciò ha una conseguenza non trascurabile, poiché è chiaro come gli stili di attaccamento ansioso e, in particolare, evitante possano predire esperienze di isolamento esistenziale.

Perché nasce l'isolamento esistenziale?

Infatti, mentre gli individui con uno stile di attaccamento ansioso cercano nuovi legami quando si sentono minacciati, quelli con un attaccamento evitante tendono a ritirarsi socialmente (Hazan & Shaver, 1987); ciò può esacerbare i sentimenti di solitudine nella propria esperienza soggettiva.

Inoltre, va notato che, mentre le persone con un alto livello di attaccamento ansioso percepiscono un bisogno di appartenenza in situazioni di solitudine, quelle con uno stile di attaccamento evitante non provano sentimenti di appartenenza.

Pertanto, tenendo conto di entrambi gli stili di attaccamento (evitante e ansioso), sembrano esserci dei parallelismi tra l'attaccamento evitante e l'isolamento esistenziale (EIA). Questi parallelismi, a loro volta, suggeriscono che l'EIA sarà associata a uno stile evitante e molto probabilmente a un attaccamento insicuro in generale.

Recentemente, un altro studio ha indagato la relazione tra la variabile dell'attaccamento e la solitudine nei giovani adulti con l'obiettivo di verificare se i risultati ottenuti in precedenza fossero affidabili (Rubenstein & Shaver, 1982; Hazan & Shaver, 1987: Berlin et al, 1995; Marsa et al., 2004; Mikulincer & Shaver, 2014; Mikulincer & Shaver, 2016) o, al contrario, rivelare una nuova relazione tra solitudine, isolamento esistenziale e attaccamento. Per questo motivo, nel 2020 Helma et al. hanno condotto uno studio basato sull'isolamento esistenziale, la solitudine e l'attaccamento nei giovani adulti. I risultati di questo studio hanno rivelato una serie di importanti relazioni tra EI, solitudine e orientamenti di attaccamento, confermando quanto riportato nello studio precedente. In effetti, è riemerso che l'attaccamento evitante può essere un fattore di rischio per l'isolamento esistenziale e che questa relazione è più forte di quella dedotta tra lo stile di attaccamento ansioso e l'EI.

In conclusione, sulla base degli studi riportati, si può affermare con una certa sicurezza che un individuo con attaccamento evitante possiede un fattore di rischio significativo per l'isolamento esistenziale, il che significa che è probabile che ne faccia esperienza.

Questi risultati sono indispensabili per medici e psicologi, perché grazie a tali informazioni possono distinguere e riconoscere più facilmente tutte quelle condizioni che richiedono un trattamento immediato.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Francesca Bottazzi

Bibliografia

  • Aartsen, M. & Jylhä, M. (2011). Onset of loneliness in the elderly: results from a 28- year prospective study. Eur J Aging. doi: 10.1007/s10433-011-0175-7.
  • Baltes, P.B. & Reese, H.W. (1984). The life- perspective in developmental psychology. Bornstein, M., Lamb, M. Developmental Psychology: An Advanced Textbooks. Hillsdale: Erlbaum.
  • Berscheid, E. (1984). Interpersonal attraction. In: Lindzey, G., Aronson, E. Handbook Of Social Psychology. Addison Wesley, Reading. doi: 9781137526632
  • Berscheid, E. (1988). Some comments on love's anatomy or whatever happened to old-fashioned lust? In: STERNBERG, R.J., BARNES, M.L. The Psychology of love. New Haven: Yale University Press.
  • Blatt, S.J., et al. (1988). The assessment of Qualitative and Structurale Dimensions of Object Representations. Manoscritto inedito, New Haven: Yale University School of Medicine.

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su crisi esistenziale