Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non riesco più a studiare a causa dell'ansia

Inviata da Sara il 28 giu 2015 Ansia

Buonasera,
Sono una ragazza di 27 anni, l'anno scorso ho deciso di riprendere a studiare e terminare l'università ma non riesco più a studiare, mi siedo e passo ore osservando il libro e mi sento in uno stato confusionale. Da quando mio fratello si è suicidato (sono passati 4 anni) ho iniziato ad avere problemi di ansia ed attacchi di panico ma ho cercato di resistere e ho lottato con tutte le mie forze per aiutare i miei genitori, li ho ascoltati spesso ed ero contenta nel vederli accennare un sorriso. Sono tornata in Italia apposta per stargli vicino (io lavoravo e studiavo all'estero). Ho passato quasi tre anni ad ascoltare le loro lamentele, i loro litigi ,urla e minacce..ho accumulato tutto e l'ansia ogni giorno aumenta, ogni volta che litigano mi sento male. Provo rabbia nei loro confronti, in tutti questi anni non mi hanno mai domandato come sto, mi è capitato di chiedere aiuto a mia mamma e la sua risposta è stata : "Io non ti posso fare niente". Per pagarmi gli studi ho fatto la cameriera e mio padre è anche contento di questo ( economicamente stiamo bene, anzi LUI STA BENE), non mi ha mai dato soldi...gli ho parlato del mio progetto di fare un master all'estero ma lui non mi vuole aiutare.
Durante la notte mi sveglio a causa di crisi d'ansia e credo che l'eccessiva ansia sia dovuta alla mia non giovane età e agli studi da portare a termine (oltre che dal rapporto che ho con i miei). Ho vissuto per conto mio, lontano da loro e stavo bene. Tutte le volte che torno da loro mi sento male.
Sono riuscita a dare due esami in un mese ma se tutto va bene riuscirò a laurearmi a dicembre, ho paura di non farcela perchè l'ansia mi provoca stati confusionali e studiare diventa davvero difficile ma io voglio laurearmi e vorrei sapere se secondo voi sono ancora in tempo per seguire i miei sogni o devo volgere la mia mente altrove e riprendere a lavorare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Sara,
c'è sempre tempo per realizzare i propri sogni. Naturalmente è importante avere i piedi per terra e considerare cosa sia fttibile, cosa non lo sia e fare i conti anche con la parte economica.

Mi sembra tu ti sia mossa molto bene, nonostante le grosse fatiche che hai vissuto e che ti meriti la soddisfazione e il successo della laurea.

Tieniti stretta anche un pò di ansia, che ti permetterà di avere prestazioni migliori e arrivare con meno difficoltà alla laurea e, in seguito, di cercare con più efficacia un lavoro.

In questa fase di conclusione del tuo percorso di studi la preoccupazione per il futuro ed un rinnovato senso di responsabilità possono spaventare e bloccare; ma hai avuto tenacia finora e, se mi permetti, sarebbe davvero un peccato mollare.

Pensa a te stessa, ora.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2030 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentilissime, Vi ringrazio a tutte per le vostre risposte.
Alcuni anni fa ho avuto alcuni colloqui con uno psicologo (non ricordo la diagnosi esatta), mi aveva prescritto degli ansiolitici che dopo poco smisi di assumere perchè mi stordivano un po'. I colloqui con lo psicologo furono pochissimi perchè il problema era: " il mio malessere deriva dai miei genitori e finchè sto con loro soffro" perciò iniziai a progettare la mia fuga. In questi giorni ho notato che generalmente il mio umore è stabile/normale ma l'ansia emerge non appena i miei genitori litigano(pesantemente),quando li sento litigare mi manca il respiro ma la cosa peggiore è che questa sensazione di ansia mi dura diversi giorni ed è accompagnata da tremori alle gambe, vertigini e pianti improvvisi. Ho provato a parlarne con mamma ma lei è succube di mio padre. Lui, invece, si arrabbia quando accenno ad un mio malessere e insulta sia me che mio fratello ed in quel momento mi sento morire dentro, vorrei scappare lontano e dimenticare tutto. Sto cercando di resistere almeno fino a settembre perchè se riesco a dare alcuni esami potrò laurearmi a dicembre. I soldi che ho da parte vorrei usarli per un master o per andarmene via definitivamente e soprattutto con una laurea in mano in modo da poter trovare un lavoro nel mio campo. Nel frattempo vi chiedo come posso fare secondo voi a resistere in questi mesi, come faccio a gestire l'ansia che mi perseguita? Ho provato ad "isolarmi" dai miei genitori ma è difficile mantenere la calma con loro che urlano per casa il tutto condito da insulti e minacce di morte. Poi, subentra la tristezza, la voglia di stare con i miei genitori e vederli felici e non sentirli più litigare..ma è solo un sogno.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara
nonostante i tanti problemi di cui parli è stato bellissimo leggere la tua lettera.
Una giovane donna che ha saputo attraversare la vita con tanta passione e forza nonostante le difficoltà e un lutto di grande impatto emotivo da elaborare.
La tua ammirevole dedizione ai tuoi genitori e il tuo coraggio nel portare comunque avanti lo studio, progetti tuoi e una laurea che certamente prenderai.
Quel giorno Sara la corona d'alloro certo l'avrai meritata pienamente!
Ora sei un pochino stanca, non solo dello studio, ma dei continui contrasti e lotte esterne più che interne.
Da sola ti accorgi che è giunto il momento di pensare a te stessa, di vedere davanti a te un cammino e una strada aperta da poter percorrere.
All'estero ti sei trovata bene..perché non tornarci? Pensaci.
Per lo studio non affrontarlo con enorme sforzo mentale...inaspriresti solo la sensazione di stanchezza.
Fai una breve pausa e dedicati solo a te... poi rimettiti a studiare.
Sii paziente e concedi molte pause alla tua mente.
Prova a fare uno studio "dolce" con modalità rilassata. Riposati e fai una passeggiata tutte le volte che lo desideri.
La motivazione a monte deve essere irremovibile ma a valle scorri, stai leggera, la tua mente apprenderà di più e meglio e se i tempi si allungano un poco non importa.
Vogliti molto bene!
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologa-Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6783 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara. Io credo proprio che questo panico e questa ansia che sono esplose siano proprio l'urlo estremo di un Sè profondo che non tollera più di portare pesi che non gli appartengono. Credo quindi che dovresti proprio cominciare a dare priorità a te stessa, ai tuoi bisogni e necessità e mettere da parte quelli altrui. Se da sola non riesci potrebbe essere indicato un percorso psicologico che ti aiuti a sganciarti da questo ruolo di crocerossina che hai assunto su di te

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

318 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sara, capisco il suo stato d'animo e immagino quanto impegno, determinazione, forza d'animo possano essere stati d'obbligo durante il periodo che ha passato.
Ne siete tutti rimasti sconvolti e lei è stata molto brava a preoccuparsi e prendersi cura della sua famiglia.
immagino però anche quanto sacrificio questo le sia costato, lei aveva una vita all'estero, dei sogni e dei progetti personali.
chissà che questa ansia e questa sintomatologia non siano qui per segnalarle che il sacrificio le costa troppo, che lei ha 27 anni e una vita davanti. E che forse dovrà comunque prendere la sua strada, indipendentemente da cio che faranno o diranno i suoi familiari.
Le consiglio di affidarsi a qualcuno, a uno Psicologo, a un terapeuta, insomma a un esperto, perche questo suo sentire è importante e degno di essere guardato da vicino.
Mi contatti pure se ha bisogno.
Dott.ssa Moglie L.

Dott.ssa Lucia Moglie Psicologo a Ancona

110 Risposte

59 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,

da quanto scrivi appare tutta la forza di una persona determinata, autonoma ed intraprendente. Non avere un appoggio dei genitori (emotivo ed economico) nel perseguimento dei propri sogni è qualcosa che crea dolore. Credo che la tua ansia sia legata al portare sulle spalle da sola tutto questo fardello.
Hai altri affetti importanti su cui puoi contare?
Individua quelle che sono le tue priorità.
Rimango a disposizione.
Un sincero augurio di maggior benessere.
Dott.ssa Monica Salvadore

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

841 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Sara,
quanta angoscia traspare da queste righe... Sei una persona forte, hai affrontato dolori immensi mantenendo un'apparente integrità e sforzandoti di dare coraggio ai tuoi cari; ma sei un essere umano e di fronte a tutto questo è difficile fingere che tutto vada bene a lungo. Questo è il momento di chiedere aiuto perchè ti aiuterebbe ad elaborare gli ultimi anni della tua vita e a trovare un modo di andare avanti e perseguire i tuoi progetti. Contatta uno psicologo della tua città, molti (anche su questo sito) offrono tariffe agevolate che, con un piccolo sforzo, potresti affrontare. Il tuo corpo e la tua mente ti stanno mandando dei segnali chiari, è il momento di ascoltarli.
Resto a tua disposizione per qualunque dubbio.
Un caro saluto e un augurio di stare presto meglio.
Dott.ssa Valentina Miceli

Dott.ssa Valentina Miceli Psicologo a Roma

25 Risposte

53 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79250

Risposte