Non riesco piú a studiare per colpa dell'ansia

Inviata da beatrice · 18 apr 2016 Orientamento scolastico

Buonasera,mi chiamo Beatrice e frequento la 4° liceo scientifico,da dicembre non riesco piú a studiare,mi spiego meglio...non é tanto il non aver voglia perché non avevo voglia neppure prima ma studiavo lo stesso,il fatto é che alcuni insuccessi scolastici,il solo pensiero del dover essere giudicata da un professore e il pensiero di non farcela mi creano un'ansia,un'angoscia tali che quando mi dico"ora vado a studiare" rimango come parallizzata,mi impaurisco,mi prende uno stato d'ansia terribile e piango,piango e piango...cosí alla fine mollo tutto e non studio ma mi metto a fare cose abbastanza stupide,credo per allontanare proprio ciò che mi crea ansia e preoccupazioni ovvero lo studio...non riesco neanche piú ad andare a scuola onestamente...mi ritrovo tutto il giorno a piangere e ho fatto una quantità industriale di bruce...mi sento malissimo e non riesco a godermi la vita a pieno...l'ansia é diventata ormai paralizzante...volevo fare medicina all'università,penso che ormai sia un sogno irrealizzabile...perché quest'ansia e quest'angoscia mi stanno portando al pensiero di lasciare la scuola..ma so che cosí non potrò mai realizzare il nio sogno.
Aggiungo che-penso si sia capito da ciò che ho scritto-sono una persona terribilmente insicura,autostima sotto i piedi,e mi sento sola,ho parlato di tutto questo problema al mio ragazzo e basta,che per quanto ci provi,non riesce a capirmi fino in fondo e tantomeno non può risolvermi il problema,so che dovrei parlarne prima con i miei ma non ne ho il coraggio...perché loro pensano che vada tutto bene,con loro sorrido sempre,nascondo loro i brutti voto,e il fatto che io spesso salti scuola...inoltre molti miei compagni di classe mi credono un infame poiché pensano che io salti scuola per mettere nei casini loro quando i professori interrogano,invece non é affatto cosí,io sto proprio male,non riesco piú a godermi niente...faccio anche sogni ultimamente cui sogno di essere interrogata perciò sono alla cattedra resto lí imbambolata mettendomi poi a piangere,sono incubi proprio...non riesco piú a godermi i mieo 17 anni,ho biogno di aiuto...grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 APR 2016

Cara Beatrice
devi partire da te e dal fatto che la tua crisi ha senso di esistere e che questo tuo disagio non è affatto qualcosa di disonorevole ma una vera e propria difficoltà.
Tu, come ogni essere umano, sei una persona reale e non non una "supereroina", come persona reale puoi avere i tuoi momenti o periodi negativi e puoi avere le tue interiori difficoltà.
Sei molto intelligente e hai compreso da sola quali sarebbero i passi importanti: parlare apertamente e senza vergogna con i tuoi genitori e chiedere loro aiuto.
Come tutte le persone sensibili tu non vorresti dare problemi e dispiaceri a loro e a nessuno, questo ti fa onore da un punto di vista etico, però non è corretto verso te stessa e non aiuta a risolvere i problemi.
Nascondere il problema significa anche aggiungerne altri e dover nascondere altre cose, non andare a scuola, peggiorare la situazione, perdere credibilità coi professori e con i genitori e chi ti vuole bene.
Quando una persona, avendo un problema, lo ammette e chiede aiuto, qualunque sia la natura del problema, è considerata matura e troverà sempre, grazie alla sua lealtà, persone disposte ad aiutarla e sostenerla.
Questo momento della tua vita è quello giusto per renderti conto dell'importanza della fiducia e di quello che relazioni corrette possono darti.
Inoltre ti dico anche che il tuo problema non è affatto irrisolvibile, ma , con l'aiuto giusto, puoi ritrovare slancio nello studio e voglia di portare avanti i tuoi obiettivi.
E' ora che "le ruote del tuo carro" escano dal fango che le trattiene (si sono impantanate), possono riprendere il cammino...occorre solo che ti venga data la spinta giusta.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta
Accettare la tua difficoltà del momento e confidarti apertamente con i tuoi sarebbe la modalità migliore e, ripeto, tu stessa sai che è così.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7046 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 APR 2016

Cara Beatrice,
sei consapevole di essere una ragazza molto insicura e con un basso livello di autostima.
Dici anche che in precedenza, pur non avendo tanta voglia di studiare ti impegnavi e studiavi lo stesso.
E' evidente che per questo motivo, prima riuscivi a cavartela e ad andare avanti ma, adesso che non studi perchè bloccata dall'ansia raccogli insuccessi scolastici che rafforzano l'ansia stessa sicchè si instaura un circolo vizioso da cui ti riesce difficile uscire con le tue sole forze.
La soluzione sta nel risolvere il problema centrale che è proprio l'ansia originata dalla insicurezza e dalla bassa autostima.
A questo scopo ti suggerisco di confidarti con i tuoi genitori dicendo la verità e chiedendo di sostenerti per un percorso di psicoterapia che è la soluzione giusta per rompere il circolo vizioso di cui sopra.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 APR 2016

Cara Beatrice,
se hai affrontato un liceo scentifico e sei arrivata al 4° anno vuol dire che hai delle buone capacità. A questo punto c'è da chiedersi se il metodo con il quale hai studiato per i primi tre anni era buono oppure no, visto che con il quarto anno si son mostrate le crepe, cioè gli insuccessi che ti hanno portato, in realtà, ad entrare in un vortice in discesa. Ti consiglio, intanto, di parlare con i tuoi genitori ed esporre loro il problema, comunque i nodi verranno al pettine, avrai pur nascosto i voti ma la pagella di fine anno non la potrai nascondere. Chiedi aiuto a loro dicendo che passi il tempo a piangere e dì loro che vuoi un consulto con uno psicologo specializzato nei disturbi dell'apprendimento. Saprà orientarti sul come riaffrontare lo studio con il giusto metodo e atteggiamento. Hai ancora un po' di tempo per recuperare e non perdere l'anno. L'ansia che ti attanaglia deve essere controllata, ma lo psicologo ti aiuterà in questo percorso. I tuoi sogni di universitaria non hanno motivo di essere accantonati! Tanti auguri!
Dott.ssa Sabrina Fontolan

Dott.ssa Sabrina Fontolan Psicologo a Piove di Sacco

203 Risposte

236 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88500

Risposte