Mi manca lei o la mia vecchia vita?

Inviata da cuchu · 2 giu 2020 Terapia di coppia

Salve, ho 30 anni e da 3 mesi sono di nuovo single, dopo una relazione durata 11 anni, di cui gli ultimi 5 in convivenza. A differenza della mia ex non ho un lavoro stabile, per cui mi sono visto costretto a fare le valigie, lasciare la casa in affitto in cui lei è rimasta da sola, e tornare a casa dei miei. Il problema di fondo è stata la mancanza di interesse sessuale da parte di entrambi. Andavamo d'amore e d'accordo, sempre e comunque, ma per lunghi periodi la situazione a letto rimaneva piatta, nonostante si dormisse sempre accoccolati. Spesso ho sofferto la mancanza dei miei spazi, della possibilità di poter coltivare liberamente le mie passioni senza in qualche modo "dare fastidio" o comunque poter avere la giusta tranquillità economica per potermi permettere determinate spese che per tutti i 5 anni della convivenza ho rimandato. Siamo giunti ad un punto in cui ci siamo seduti, e affrontando il problema legato alla nostra vita sessuale, abbiamo deciso di prenderci prima una pausa di riflessione, trasformatasi in definitiva separazione dopo un paio di settimane. All'inizio, per quanto potesse dispiacermi dare un taglio così netto alla mia vita, separandoci l'uno dagli affetti della famiglia dell'altro, e da lei perché comunque l'affetto è tanto, ero molto convinto della decisione presa, sicuro che avrei dato una svolta in positivo alla mia vita. Con il passare dei mesi, mi ritrovo oggi a pormi la fatidica domanda: mi manca lei o la mia vecchia vita con lei? Non so più se io stia soffrendo il ritorno a casa dei miei genitori e che non abbia più la mia indipendenza, il fatto che lei stia frequentando un'altra persona (verso cui l'interesse non so più se è precedente o meno alla nostra rottura, sapevo solo di un interesse da parte di quest'altra persona), o se proprio sia lei a mancarmi. Io la amo, nonostante tutti i suoi difetti, ma se alla fine ho deciso insieme a lei di rompere, è perché non sapevo più se fossi innamorato o se semplicemente la amassi per tutto quello che lei è stata per me per tantissimi anni. Inizio a sentirmi vuoto, privo di quello che per me era ormai la mia vita, e non so se sarà soltanto questione di tempo prima di ritrovare la serenità interiore, o se in fondo era la mia vita con lei a darmela. Come posso capirlo? Come posso capire cosa voglio e/o cosa sia meglio per me? Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 GIU 2020

Caro Cuchu, per darLe una risposta è necessario declinare quanto sente entro alcuni contesti: la Sua esperienza quotidiana, la Sua storia di vita, il Suo orizzonte d'attesa (cioè il Suo progetto, i Suoi desideri per il futuro) e la relazione con questa persona. Lei parla di un calo di desiderio e attrazione come motivo principale, ma sembrano emergere anche altri aspetti: una mancanza di spazi, la sensazione di essere "Un fastidio", la necessità di fare sacrifici economici. Lei pone una fine alla relazione con convinzione, nella speranza di un futuro migliore. Adesso, tuttavia, avviene un ripiegamento riflessivo, un dubbio: cosa è successo? perchè ha deciso di lasciarla? Scivola su aspetti cognitivi, e resta incastrato: tale è la natura del dubbio! Per dare un senso a tutto è opportuno comprendere cosa succede ora: si ritrova vuoto, confuso, scivola sul passato. Che ne è del futuro che pensava di poter raggiungere quando ha posto fine alla relazione? Quali possibilità alternative vede? Se non ve ne sono, come aprirle? Questo è ciò su cui lavorare - da solo o, meglio, con una guida professionale. A disposizione, cordialità. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1001 Risposte

1014 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94400

Risposte