Lo amo? L'ho lasciato ma mi manca

Inviata da Kaos89 · 16 lug 2021

Ciao, vorrei raccontarvi la mia storia perché sono davvero molto confusa in questo momento.
Sara un po lunga spiegare bene, perché la mia è stata una lunga storia e non la posso riassumere in due sole righe..
È una storia in cui ho commesso molti errori e sono pienamente consapevole di non aver agito nella maniera giusta.. quello che vorrei è solamente che qualcuno mi aiuti a capire cosa fare e quello che provo perché da sola non ci riesco e non ci sono mai riuscita.
Spero davvero che qualcuno possa aiutarmi a fare chiarezza nella mia testa confusa.

Sono stata fidanzata per 16 lunghissimi anni, ci siamo messi insieme quando io avevo 15 anni.. adesso ne ho 32.. praticamente metà della mia vita.
Lui un ragazzo fantastico, forse il fidanzato che tutte vorrebbero.. premuroso, gentile, sensibile, intelligente.. non continuo con gli aggettivi perché è davvero un ragazzo pieno di qualità.. un ragazzo che farebbe di tutto per la persona che ama.. io ho sempre avuto la certezza più assoluta che non mi avrebbe mai tradita, perché tutto l'amore che aveva per me lo si percepiva chiaramente. Avrebbe fatto di tutto per me, era un amico, un fratello, un amante.
La nostra relazione è sempre andata benissimo, io con lui stavo bene, ci piaceva fare tutto insieme (pure troppo, perché forse questo è stato uno sbaglio, ma da quando ci siamo messi insieme abbiamo fatto sempre proprio tutto tutto insieme) e ci trovavamo daccordo quasi su tutto (dico quasi perché ovviamente proprio su tutto sarebbe impossibile).
Il solo e unico problema che c'è sempre stato fin dall'inizio da parte mia, è che per quanto lo considerassi un bel ragazzo non ho mai provato attrazione fisica nei suoi confronti allo stesso modo in cui lo provavo per altri ragazzi con cui ero stata fidanzata o insomma per altri ragazzi che guardavo e mi piacevano.
Però non so perché, per quanto io a 15 anni non cercassi una relazione seria e per quanto ci fosse questo problema, ho portato avanti la relazione con lui.
A mano a mano gli anni passavano, e io continuavo a stare benissimo con lui e più ci stavo più non ne potevo fare a meno, anche se però nella mia testa c'è sempre stato questo pensiero del poco desiderio sessuale nei suoi confronti.
Lo facevamo certo, e io provavo anche piacere, però non mi veniva mai quella voglia pazzesca di saltargli addosso e spesso era lui a prendere l'iniziativa o se la prendevo io era più per senso di dovere. Questo problema c'è sempre stato, ma soprattutto andando avanti con gli anni passati insieme io continuavo ad avere questo tarlo nella testa che non mi abbandonava.. andavamo in giro o a ballare insieme e io mi guardavo intorno, fantasticando sul fare sesso con i ragazzi che vedevo intorno a me che mi piacevano.. se non fossimo stati sempre appiccicati probabilmente l'avrei tradito e a volte ci ho provato.. e una volta l'ho fatto.. lui non c'era e sono andata con un'altro.. fino a quel momento il mio ragazzo era stata la prima e unica persona con cui fossi mai andata a letto in via mia.. e un altro paio di volte mi è capitato con altri, ma senza arrivare all'atto sessuale, ci sono stati solo dei baci perché lui era presente alla serata e sono anche stata vista da lui..
Quando mi ha scoperto ovviamente abbiamo litigato, e io gli ho spiegato del fatto che mi sentivo come se mi mancasse qualcosa perché lui era l'unica persona con cui l'avessi mai fatto, gli ho proposto anche di avere una relazione aperta ma lui non è assolutamente tipo per queste cose! Però non sono mai riuscita a dirgli che io non riuscivo a provare attrazione per lui come la provavo per altri.. non chiedetemi perché ma non ci sono mai riuscita.. tante volte mi sono pentita di non averlo lasciato subito, probabilmente oggi non starei così e sarei felice.. fatto sta che non ci sono mai riuscita.. ne a lasciarlo ne a parlargli di questa cosa.
Dopo che successe questo io lo stavo per lasciare, anzi diciamo che lo avevo lasciato.. erano già diversi anni che stavamo insieme, adesso non ricordo esattamente quanti ma tanti anni comunque.. io ero ancora molto giovane.. e vedere la sua sofferenza, straziante, per il fatto di non stare più insieme, più un'altra serie di conseguenze che sarebbero derivate dalla separazione e altri motivi.. come ad esempio il non avere nemmeno le idee chiare su quello che volevo (perché da una parte ripeto io stavo benissimo veramente tanto con lui e mi chiedevo se quell'unico problema che c'era fosse un buon motivo per lasciarlo) mi portarono a tornare sui miei passi e rimettersi insieme! Non ce l'ho fatta.. non ho retto il peso della cosa a quell'età.
Sono trascorsi molti altri anni insieme, in cui non l'ho più tradito.. anche se continuavo ad alternare periodi in cui ero totalmente felice di stare con lui ad altri in cui il pensiero di questa cosa tornava a farsi sentire.. quando uscivo continuavo a fantasticare su quanto mi sarebbe piaciuto andare a letto con altri, ma senza mai più riprovarci.. diciamo che su questo mi ero un po rassegnata.. era come se avessi scelto lui al posto della mia soddisfazione fisica a livello sessuale..
Sono passati quindi tanti altri insieme, il nostro era un rapporto comunque molto forte, complice, fatto di tanti momenti meravigliosi e di bellissime cose costruite insieme..
E siamo arrivati alla fine dell'anno scorso.. in cui lui inizia un nuovo lavoro e spesso sta via per giorni e giorni perché parte per lavoro.. a me prende l'idea di iscrivermi a un sito di incontri.. inizialmente per fare due chiacchere con qualcuno per cercare un confronto con qualcuno che magari avesse avuto una storia del genere, e lo trovo.. leggo anche un sacco di forum, articoli o storie simili alla mia, per cercare di capire se fosse possibile amare una persona senza avere voglia di andarci a letto.. e tutto ciò mi porta a capire che se si ama profondamente una persona si dovrebbe avere anche voglia di andarci a letto.. da una parte lo sapevo, ma forse l'ho sempre negato a me stessa e non ho mai avuto il coraggio per capirlo appieno e non ho mai trovato davvero la forza per interrompere la relazione.
Fatto sta che decido di incontrarmi con una persona e ci vado a letto.. il tutto mi piace.. e qualche settimana dopo ho incontrato anche un'altra persona.. e lo so, tradirlo, come anche la volta precedente, non è stata la cosa giusta da fare.. lo so.. sono stata una codarda.. ma la mia frustrazione per questo aspetto della mia relazione dopo tutti questi anni in cui ho represso questa cosa, unito all'incapacità di prendere una decisione, mi hanno portato a farlo nella speranza che capissi veramente quello che volevo.
Dopo il secondo incontro decido di dirgli tutto e di lasciarlo.. intenzionata stavolta a non tornare sui miei passi come la volta precedente. Di sicuro adesso avevo più maturità rispetto alla volta precedente ed ero convinta di quello che stavo facendo.
Quindi gli racconto tutto di quello che ho fatto, e quando dico tutto intendo proprio tutto, e stavolta, al contrario della volta precedente, gli dico anche del fatto che io per lui non ho mai provato attrazione come la provavo per altri.. lui mi dice che non se ne era mai accorto appieno e io gli dico che comunque era impossibile non accorgersene (e questo è vero, su questo lui è sempre stato un po ingenuo, forse perché anche io sono stata l'unica con cui lui sia mai andato a letto.. ma fidatevi che qualsiasi altro uomo al suo posto se ne sarebbe accorto.. il nostro sbaglio è sempre stato parlare poco di questo.. lui chiedeva poco e io non riuscivo ad ammetterlo e magari negavo).
Comunque gli faccio capire che stavolta non avrei cambiato idea.. abbiamo parlato tantissimo.. ci siamo detti tutto quello che ci saremmo dovuti dire molto tempo fa..
Lui distrutto.. gli crolla il mondo addosso.. temo che si chiuda in se stesso essendo una persona che tende a farlo.. mi dice che non sa se riuscirà mai più a trovare un altra donna perché davvero lui non ha mai guardato nessun'altra oltre a me.
Io sto malissimo per lui..
Per un po ha continuato a stare da me.. ed essendo lui la persona più buona e ragionevole del mondo cerchiamo di rimanere in buoni rapporti.. il suo amore per me è così grande che si sarebbe accontentato anche di vedermi per poco tempo per fare qualsiasi cosa fosse insieme, giusto per vivere ancora qualche attimo con me.. mi avrebbe perdonato anche cento tradimenti pur di stare con me..
Però stavolta non potevo davvero tornare sui miei passi per quanto una parte di dubbio io l'avessi ancora.. ma l'esperienze provate con altri mi avevano fatto sentire così viva..
Lui cerca di trovare la forza dopo lo strazio iniziale buttandosi sul lavoro e io cerco di stargli vicina..
Un mesetto dopo ci continuavamo a vedere e siamo usciti con amici.. non sto a raccontare nel dettagli l'episodio ma fatto sta che succede qualcosa con una mia amica.. causato un po da me.. lui inizia inaspettatamente ad essere preso da lei e gli torna la voglia di vivere.. io sono felice per loro! Soprattutto per lui perché l'ho visto di nuovo felice!
Si mettono insieme..
Io nel frattempo durante i primi mesi da single mi sentivo rinata e piena di nuova energia vitale.. Incontro anche altre persone e soprattutto mi sono presa una cotta per un ragazzo che abita a diversi km da me.. conosciuto sempre nel sito d'incontri.. ci incontriamo una volta.. tutto bellissimo.. ci sentiamo al telefono ogni giorno per due mesi e dopo due mesi ci rivediamo.. contro ogni mia aspettativa.. il secondo incontro è stato una delusione totale.
Questo è successo pochi giorni fa..
Nell'arco di questi mesi che mi ero lasciata, ero allo stesso tempo felice per aver finalmente lasciato il mio ragazzo ed entusiasta delle nuove emozioni e sensazioni che stavo provando (quelle emozioni che ho sempre ricercato in tutti questi anni e a cui finalmente potevo dare sfogo) e allo stesso tempo comunque però in dei giorni ero anche malinconica ripensando a tutte le cose che amavo fare con il mio ex e che non avrei mai più potuto fare..
Diciamo che però l'entusiasmo iniziale della mia nuova vita era maggiore alla tristezza che avevo ripensando alla vecchia..
Dopo questo fatto di pochi giorni fa e adesso che comunque ho avuto degli incontri occasionali e quindi ho avuto modo un po di sfogare quella parte su cui non mi sono mai potuta sfogare in tutti questi anni.. mi inizio a rendere conto di quanto siano un po vuoti questo genere di incontri.. mi rendo conto che vorrei qualcosa di più.. credo di aver ricercato vari incontri di questo tipo per compensare a tutto quello che avrei voluto fare in passato ma che non ho fatto.. ma mi sto rendendo conto che ha poco senso cercare di vivere tutte quelle emozioni che avrei dovuto vivere in anni e anni di gioventù in questa maniera. Oramai quegli anni sono andati e non torneranno più.. e con loro le esperienze che avrei dovuto fare.. se penso a questo, penso a quanto io abbia sbagliato a non lasciare subito il mio ex.. penso alla vita che avrei potuto avere adesso, a tutte le esperienze che avrei potuto fare se non lo avessi mai conosciuto o se ci fossimo lasciati subito.. magari sarei stata felice adesso.. e invece in questo momento non lo sono affatto e devo dire che mi sento un po sola!
Allo stesso tempo però penso anche a tutte le cose belle fatte con lui e a quanto sia valsa la pena vivere quelle emozioni ed esperienze altrettanto belle.. e adesso che questi incontri che faccio iniziano già un po a stancarmi e a sembrarmi così vuoti e di poco senso.. non riesco a fare a meno di pensare a quanto, aldilà del problema che avevo nel suoi confronti, fosse bella e ricca la vita con lui.. mi iniziano a mancare tremendamente tutte le cose che facevamo insieme.. mentre scrivo questo sto piangendo ripensando a tutto quello che c'è stato, siamo praticamente cresciuti insieme.. e mi chiedo se troverò mai una persona con cui io ami così tanto fare le cose come amavo farle con lui.. mi piacerebbe trovare una persona con cui stare bene allo stesso modo con cui stavo bene con lui e con cui allo stesso tempo mi senta anche un po più attratta sessualmente.. ma mi chiedo se ciò succederà mai.. soprattutto perché lui è davvero un ragazzo più unico che raro, diverso veramente da tutti gli altri uomini, e non lo dico solo io, è così davvero.. è speciale..
Non sono mai riuscita a lasciarlo proprio per questo, perché comunque è un ragazzo meraviglioso e la nostra relazione, aldilà di quel problema, era perfetta..
E adesso lui invece sta con un'altra.. e a me inizia a mancare così tanto e adesso l'ho perso.. e non so nemmeno se sarebbe la cosa giusta rimettersi insieme se anche fosse possibile, oppure no.. non sono riuscita a capirlo in 16 anni.. credevo di averlo capito.. e invece adesso ho di nuovo dubbi.. come faccio faccio non sono mai felice.. per questo a volte dico che sarebbe meglio non essersi conosciuti o essersi lasciati subito.. perché lui è la mia "condanna".. sono sempre stata spaccata a metà sui sentimenti che provo per lui.. adesso che l'ho conosciuto sono destinata a soffrire per sempre?!
Non riesco mai ad arrivare a una risposta definitiva, cosa devo fare?
Secondo voi è amore quello che provo per lui? Non riesco ad avere quella voglia matta di andarci a letto ma non riesco neanche a fare a meno di lui..
Se penso a tutte le cose che abbiamo fatto e che avremmo voluto fare insieme mi sale una tristezza incredibile.. metà vita insieme e progetti di vita insieme andati in fumo tutto per colpa mia..
Datemi un consiglio vi prego..
E scusatemi per il poema infinito e per lo sfogo ma da sola a quanto pare non arrivo mai a niente e dovevo spiegare bene..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 LUG 2021

Buongiorno Kaos89,
Leggendo ciò che scrive colgo si della tristezza, ma anche dell’insoddisfazione, forse per l’incapacità di prendere una decisione definitiva, e anche di prenderla al momento più opportuno. Le consiglio proprio per questo motivo di considerare l’idea di intraprendere un percorso terapeutico che possa aiutarla a definire i suoi pensieri e le sue intenzioni. Non si senta in colpa del tempo passato, o del fatto che sia lei ad avere colpe, ogni rapporto è fatto da due o più persone, bisogna considerare tanti aspetti, ma sopratutto di un rapporto di qualsiasi natura bisogna essere soddisfatti.

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

823 Risposte

388 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 LUG 2021

Gentilissima,
una relazione durata 16 anni è davvero importante e non si può pensare di cancellarla in poco tempo. Inoltre, in una relazione così duratura è normale che i sentimenti, le emozioni e il modo di vivere l'intimità cambino. In questo momento potrebbe esserle d'aiuto un supporto psicologico per comprendere per quale motivo la relazione del suo ex fidanzato le crea confusione e insicurezza così come i rapporti occasionali che tanto voleva vivere e provare. Lavorare con un professionista potrebbe aiutarla a comprendere le sue esigenze e necessità, e da ciò ritrovare la serenità.
Le auguro buona fortuna e rimango a sua disposizione, ricevo anche online
Dr. Massimiliano Compagnone

Dott. Massimiliano Compagnone Psicologo a La Spezia

199 Risposte

50 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 LUG 2021

Carissima Kaos89,
una relazione di 16 anni è una vita intera. E' più che comprensibile che abbia tanto da dire e che la relazione abbia portato a tantissime sfumature, desideri e soprattutto intimità. Una persona che fa così tanta parte della nostra vita è normale che ci manchi anche quando magari il sentimento di amore è finito. Avendo fatto così tanta parte del nostro quotidiano, ci mancano le abitudini che la vedevano coinvolta con noi, la complicità che si è creata e anche la parte di amicizia che sicuramente si è condivisa.
La sua relazione e soprattutto i sentimenti che le hanno e le suscitano sono veramente importanti e necessiterebbero di un migliore approfondimento per capire ancora meglio il suo funzionamento e soprattutto come sta lei, cosa cerca e cosa desidera veramente.
Un sostegno con un professionista quindi potrebbe certamente aiutarla a capirsi meglio e a lavorare meglio su una separazione o una azione che possa aiutarla a ritrovare serenità.
Sono a disposizione
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

700 Risposte

212 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 LUG 2021

Cara Kaos89,
Mi dispiace per il periodo che stai attraversando.
Ti senti confusa ed è normale sentirsi dopo una storia importante.
Una storia lunga in cui siete cresciuti insieme.
Non sentirsi in colpa se in quel momento hai deciso di lasciarlo, era una scelta che matura i già da tempo.
Non ti sentire in colpa se lui ha sofferto è normale dopo una rottura soffrire.
Non sentirti in colpa se ci hai messo del tempo a lasciarlo e magari volevo fare le esperienze prima, perché le stai facendo adesso.
Ognuno ha i suoi tempi evidentemente tu dovevi prima avere una storia importante e dopo avere le esperienze adolescenziali che ti mancava avere.
L'hai tradito ma hai mai pensato se prima di tradirlo potevi parlargli con lui di cosa ti piaceva a livello sessuale?
Mancava la chimica oppure mancava di fantasia?
Ad ogni modo quello che adesso ti potrebbe, forse, far male è che lui sia fidanzato e non soffre più come prima (anche se sei contenta x lui) e tu non hai trovato quella persona che ti fa stare bene come ti faceva far star bene lui.
Ognuno ha i suoi tempi, bisogna aspettare.
Se tornassi con lui sei sicura che saresti felice?
Ci sta che ti ricordi, hai malinconia ed è stata l'unica storia importante della tua vita, non hai termini di paragone, ci sta che ti mancano le abitudini con lui ma se lo hai lasciato ci saranno stati dei motivi.
Ti consiglierei di intraprendere un percorso psicologico per cercare di capire ciò che vuoi veramente e per ritrovare il tuo benessere.
Si può star bene anche non in coppia.
Magari hai bisogno per un periodo di tempo di stare sola, capire chi sei, imparare a stare soli per stare meglio in coppia.
Fare esperienze per avere termini di confronto e paragone per chi possa essere la persona che fa per noi e tu hai avuto solo lui.

Buona fortuna.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1779 Risposte

527 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 LUG 2021

Cara Kaos89 ,
l'attrazione fisica e la complicità sessualità sono elementi fondamentali nella vita di una coppia. Credo che lei abbia bisogno di concedersi un momento che sia solo suo, lontano da possibili partner. Lavorare sulla capacità di restare sola, questa è una delle competenze fondamentali per poter vivere serenamente il rapporto con l'Altro. Dalle sue parole ho l'impressione che lei viva ancorata a e condizionata dal passato. L'aiuto di un professionista può aiutarla a rielaborare quanto da lei vissuto, darle una nuova prospettiva da cui guardare le sue esperienze e darle gli strumenti per ricominciare a vivere nel qui ed ora con la consapevolezza di ciò che è stato ma con la libertà di poter costruire nel presente quello che sarà il suo futuro.
Resto a disposizione anche online
Un caro saluto,
Dott ssa Camilla Ripa

Dott.ssa Camilla Ripa Psicologo a Torino

76 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 LUG 2021

Salve,
Mi sembra che Lei abbia tante cose importanti da raccontare, forse anche un po’ accumulate.
La Sua storia meriterebbe uno spazio e un tempo per essere ascoltata, all’interno di una relazione terapeutica, che la aiuti un po’ a mettere ordine e a cercare una via d’uscita.
Saluti

LeggerePsicologicamente - Studio di Psicologia Psicologo a Roma

6 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20550

psicologi

domande 34550

domande

Risposte 118050

Risposte