Mi chiamo Gloria e ho 20 anni

Inviata da Gloria · 12 giu 2022 Autorealizzazione e orientamento personale

Ho iniziato un percorso con una terapeuta donna. Non mi sono sentita capita perché aveva un approccio materno nei miei confronti(mi sgridava, mi dava consigli, era troppo invadente). In compenso sono rimaste delle questioni irrisolte che non sono state trattate adeguatamente inerente a un passato molto difficile che avuto. Sono indecisa se iniziare un percorso con un terapeuta uomo o dedicarmi un momento di pace.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 GIU 2022

Gentile utente, la scelta di un terapeuta attiene a che ad una questione di comodità

Se nella relazione con una terapeuta donna lei si è sentita trattata come descrive, attiene alla relazione che si e stabilita e non al fatto che sia donna. Sicuramente il fatto di essere donna porta a dinamiche transferali madre figlia che possono essere elaborare nella relazione stessa
Cordialmente
Studio Associato Dott Diego Ferrara Dottoressa Sonia Simeoli

Dott. Ferrara Dott.ssa Simeoli Psicologo a Quarto

573 Risposte

298 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Buonasera Gloria,
comprendo il tuo senso di smarrimento e confusione.
Non credo dipenda dal genere del terapeuta, alcune cose possono rimanere irrisolte se la relazione paziente-terapeuta non è basata sulla fiducia, perché come ogni altra relazione importate, significativa, non sarà il genere o ad esempio 'orientamento del terapeuta a fare la differenza, ma le persone che instaurano quella relazione comunicativa.
Volevo rimandarti questo, perché sono stata colpita dalle tue parole, mi sgridava, era troppo invadente, forse non era la tua terapeuta, capita molte volte.
Rimango a disposizione
Dott.ssa Antonini Chiara

Chiara Antonini Psicologo a Grottammare

9 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Cara Gloria,
ottimo che riesce a comprendere ciò che le suscita fastidio nell'altra persona, in questo caso nella sua terapeuta. E' una buona base o per parlarne direttamente con quest'ultima( come opportunità per comprendere qualcosa di più su delle parti di se), oppure valutare di affidarsi ad un altr* terapeut* considerando che spesso il sesso non è indicativo di caratteristiche comportamentali.

Valuti lei in base alla persona che la ispira maggiormente, si lasci guidare dalla sua "pancia".
Le auguro il meglio e resto a disposizione.

Dott.ssa Monteleone Maria Alessia

Dott.ssa Monteleone Maria Alessia Psicologo a Palo del Colle

280 Risposte

161 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Buongiorno

Dipende da come possono incidere e su cosa queste questioni lasciate in sospeso.
Non credo che la differenza la faccia il genere del terapeuta, piuttosto lo stile.
Condurre una cura significa lasciare libero il paziente di fare e disfare, probabilmente ha bisogno di uno stile differente, partire da come è andata la scorsa terapia è già un buon modo di mettersi al lavoro ma potrà farlo solo con uno specialista e non da sola.

Le auguro una buona continuazione

Dott.ssa Antonella Dellanoce Psicologo a Buccinasco

31 Risposte

8 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Buongiorno Gloria,
comprendo come si sente e il vuoto che può provare in questo momento.
La scelta del terapeuta non dovrebbe essere vincolata dal genere, in quanto dipende dall’orientamento del terapeuta e da altri fattori che intervengono in seduta.
Ne ha parlato con la sua terapeuta?
Credo che se sente la necessità di toccare alcune questioni irrisolte del suo passato può contattare anche ora un altro terapeuta, senza lasciar passare del tempo.
Si senta libera di scegliere.
Un caro saluto
Dr.ssa Laura Chiuselli

Dr.ssa Laura Chiuselli Psicologo a Pesaro

81 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Cara Gloria,
l'approccio di un terapeuta non dipende dal suo sesso, ma dal suo stile e da ciò che ritiene più opportuno in quel momento della cura, per la problematica della persona.
Spesso si tende a trasferire sulla persona del terapeuta tratti dei propri genitori, fa parte del processo. Ne ha parlato con la terapeuta? Non so quanto sia durata la terapia di cui parla, perché possano essere affrontate questioni passate irrisolte bisogna essere nel percorso già da un pò di tempo.
La scelta del terapeuta è individuale, non c'è però nessuna garanzia che una certa caratteristica del terapeuta (ad es. il suo sesso, età) corrisponderà a qualcosa che lei si aspetta. Sarebbe per cui più utile che parli di queste sue problematiche e aspettative con chi sceglierà.

Un caro saluto,

Disponibile,

Dr.ssa Veronica Rinaldo

Dott.ssa Veronica Rinaldo Psicologo a Firenze

24 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Dedicati un momento di pace poi ricomincia un percorso quando ti sentirai pronta, il sesso del terapeuta non è importante. È importante instaurare un corretto rapporto col terapeuta che sceglierai. Io ci sono e non do consigli o altro. Ma ti ascolterò e ti guiderò lungo la strada migliore per te rendendoti indipendente e autonoma. Cinzia zapparoli

Dott.ssa Cinzia zapparoli Psicologo a Poggio Rusco

23 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2022

Salve Gloria, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

1384 Risposte

424 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 33900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20250

psicologi

domande 33900

domande

Risposte 115750

Risposte