Sono fidanzata con un uomo di 44 anni più di me!!!

Inviata da Camomille · 30 giu 2020

Salve! Sono una ragazza di 20 anni, e da circa un annetto sono fidanzata con un uomo di 64.
Ci siamo conosciuti per caso, nel corso del mio primissimo viaggio all'estero, a Bruxelles.
Ero sola, ed avevo anche un po' paura, soprattutto la sera tardi.
Ecco... proprio una sera incontro questo signore, e siccome aveva un viso per me famigliare, perchè l'avevo visto da qualche parte (è Italiano, è di Roma come me) gli chiesi se poteva gentilmente riaccompagnarmi in hotel.
Lui acconsentì e durante tutto il tragitto ci tenemmo a braccetto, come due veri fidanzatini!!! Appena arrivati al mio hotel, lui mi disse: Buonanotte Ragazzina, questo è il mio numero di telefono, se hai bisogno chiamami!!!
Io lo ringraziai e per tutta la notte pensai a lui. La mattina dopo, appena uscii dall'albergo, incontrai di nuovo quel signore gentile. Passammo tutta la giornata assieme. Durante quella giornata ci baciammo più volte sulla bocca e ci fidanzammo!!! Quando sto con lui è come se vivessi in un paradiso, perchè lui mi dà tanta sicurezza, spesso lo chiamo Papà, e lui non si arrabbia, anzi... gli piace molto!!!
Per amore, ho lasciato la mia casa a Roma, per trasferirmi a Bruxelles da lui. Abbiamo passato la quarantena insieme, ed è stato super romantico!!! Non abbiamo mai avuto rapporti sessuali, perchè io ho moltissima paura.
Io una vera famiglia non la ho, perchè quando sono andata a vivere da sola, i miei genitori mi hanno chiaramente fatto sapere che non gl' importava niente di me, ma se devo proprio dirlo, anche prima di lasciare la casa non erano molto interessati a me. Con il mio lui sono sempre felice e di buon'umore, solo che alcuni conoscenti mi prendono in giro, e mi dicono che quando si sta con un "vecchio" non si risolve niente...
Vi ringrazio!!!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 LUG 2020

Buongiorno Camomille,
essere la fidanzata di papà è il sogno di tutte le bambine e forse lei sta recuperando e vivendo ora un idillio che non ha potuto vivere a tempo debito. Non stupisce quindi che non sia compreso il piano della sessualità, l'attrazione è probabilmente su un altro piano e pare chiaro dal fatto che lei lo chiama papà e a lui non dispiaccia!
Un legame di coppia è un'altra cosa Camomille, non fa solo sentire al sicuro (compito genitoriale) ma complici. Un legame di coppia è fatto di condivisione e progettualità e di attrazione sessuale. Si goda il suo Paradiso, ma quando sentirà il bisogno di mordere il frutto della conoscenza, le auguro che il suo "fidanzato-papà" la lasci andare ad esplorare il resto del mondo.
Buona strada!
Dott.ssa Franca Vocaturi

Franca Vocaturi Psicologo a Torino

94 Risposte

65 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 LUG 2020

Buongiorno Camomille,
Probabilmente la relazione che ha instaurato è una rappresentazione della relazione che ha vissuto (o che non ha vissuto) da bambina. Il tempo genererà la risposta che cerca, quello che le posso dire è che l'esplorazione del mondo è la cosa che più ci rende vivi nella vita.
Buona proseguo del suo percorso!
Dr. Nasini Guido

Dr. Nasini Guido Psicologo a Perugia

2 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 LUG 2020

Gentile Camomille,
probabilmente i suoi conoscenti intendono solo ricordarle che in una relazione come quella che ha intrapreso non si può progettare un futuro che per lei con i suoi 20 anni è un fatto doveroso e naturale.
E' presumibile che questa consapevolezza ce l'abbia anche lei ma per ora ha prevalso il suo bisogno di protezione e il desiderio di colmare il vuoto di una figura di tipo genitoriale più o meno scherzosamente contaminata dalla figura di un fidanzato ugualmente mancante.
E' evidente che non può essere questa la via per la sua crescita personale e per la riparazione delle sue ferite/carenze passate per cui le suggerisco un percorso di psicoterapia di durata adeguata.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6918 Risposte

19228 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 LUG 2020

Salve Camomille da quanto scrive traspare un bisogno di protezione, rassicurazione e accoglimento; tutto ciò che le è mancato nel rapporto con la sua famiglia e che immagino la faccia soffrire molto. La sua storia la trova bella bella misura in cui si sente protetta e rassicurata da questo uomo molto più grande. Tuttavia una relazione è fatta anche di altro. Non si curi di quanto dicano all' esterno ma piuttosto si chieda come affrontare al meglio questo bisogno insoddisfatto e trascurato dai suoi famigliari e come possa elaborare quanto sente. Un percorso psicologico può aiutarla in questo senso.
Saluti cordiali

Dott.ssa Jessica Agnelli

Dott.ssa Jessica Agnelli Psicologa Psicologo a Pescara

45 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 LUG 2020

Buongiorno,
dalle sue parole si intuisce il desiderio di protezione. Se si sente confusa riguardo la sua attuale relazione potrebbe intraprendere un percorso psicologico per rielaborare il suo vissuto e capire un po’ di più riguardo ai suoi desideri e lavorare anche sul rapporto con la sua famiglia.
Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

471 Risposte

198 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 LUG 2020

Buongiorno,
Nel leggere le sue righe la cosa più evidente è il bisogno di protezione, di una 'casa', quella che lei dice di non aver avuto nella sua famiglia d'origine. Sembra che la relazione con questo uomo sia caratterizzata dal senso di sicurezza che le procura mentre la sessualità romperebbe questa sensazione; infatti le crea paura. In ogni coppia c'è una sensazione reciproca di protezione, ma c'è anche avventura, equilibrio e futuro. Lei è riuscita a staccarsi dalla sua famiglia ad appena 20 anni e, per le paure che descrive, deve esserle costato molto coraggio e intraprendenza. Forse troppo? L'implicita domanda che sembra trasparire dalla sua storia è: "dovrei preoccuparmi per quello che dicono gli altri'" La domanda che suggerirei io di porre a se stessa invece è: quanto la sua storia passata con genitori incuranti influisce sulla sua attuale scelta del partner?
Dott. Giuliana Gibellini, psicologa psicoterapeuta, Specialista in Psicologia Clinica ad indirizzo psicoanalitico

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologo a Carpi

101 Risposte

85 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 LUG 2020

Cara Camomille,

da come scrivi sembri intelligente e sensibile. Io credo tu abbia già in te le risposte. Sicuramente questo uomo ha delle grosse qualità, ed è bello che tu abbia trovato una sicurezza che ti è mancata. Mi dispiace molto per quello che dici dei tuoi genitori. Probabilmente sai bene che ti è mancato un padre, quindi come spesso abbiamo visto nel nostro lavoro, cerchi più una figura paterna che un partner. Ora, anch'io non dico che sia sbagliato vivere questa storia. ma pensa quando avrai 36 anni, desiderosa magari di avere dei figli, e lui 80! Sarebbe un peso incredibile per te. I ruoli si invertirebbero e tu diventeresti la crocerossina. Purtroppo la vita continua a non è clemente con chi ha sofferto, anzi diventa più dura negli anni. Ti suggerisco di cercare uno/a psicoterapeuta per lavorare su questi aspetti e trovare una sicurezza vera in te. Questo non vuol dire necessariamente non vivere questa storia, ma cerca di non farne una ragione di vita.
Resto a disposzione, un caro saluto.
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

889 Risposte

367 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 LUG 2020

Carissima, cosa si può dire.. Io non vorrei apparire matta.. sa.. ma se lei si trova bene, viva la cosa così come è finché dura. Certo è normale avere dei dubbi sul futuro vista la situazione, ma il futuro non va sempre come da programma, dunque io le chiederei se ritiene che ci siano presupposti validi per chiudere in questo momento, se si lo faccia. Certo, se decide di farlo, segua il suo cuore e non le chiacchiere di altri.
Cari saluti.
Dott.ssa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

439 Risposte

206 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 LUG 2020

Buongiorno,
non ho ben capito cos'è che la turba, il fatto che i suoi amici la prendano in giro oppure è lei a porsi delle domande riguardo a questa relazione? Mi spiego meglio. Descrive il rapporto con lui come un rapporto bellissimo e rassicurante, lo chiama addirittura papà, però non ha rapporti intimi con lui perchè ha paura di qualcosa. Successivamente parla della sua famiglia di origine facendo quasi un collegamento con la sua relazione attuale. Dalle sue parole mi sembra che sia lei stessa ad avere molti dubbi e molte domande riguardo a questo rapporto. Le consiglio di rivolgersi a uno psicologo per farsi aiutare a far luce sulla situazione e a prendere consapevolezza su quello che cerca e che desidera in una un rapporto di coppia in modo che molte sue domande abbiano una risposta.
Cordiali saluti,
Dott.ssa Sofia Aiello.

Sofia Aiello Psicologo a Selargius

10 Risposte

8 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 LUG 2020

Buongiorno,
immagino che se ha sentito di scrivere la sua storia forse esiste anche u a domanda che vorrebbe fare. Ha qualche dubbio o particolarità che la fa sentire in un rapporto non adatto a lei? Oppure esiste altro della sua vita che sente di dover affrontare o recuperare?

Saluti

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

347 Risposte

116 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GIU 2020

Non le farò discorsi moralistici sull’età, che non mi appassionano e che preso da solo non sarebbe il dato più significativo. Piuttosto m’interrogherei sul significato ha per lei la relazione con quest’uomo tanto più grande di lei (e secondariamente quale per lui). Ho infatti la sensazione che una parte di lei, nel dirlo a noi, stia dicendo a se stessa riguardo i possibili significati che questa relazione riveste per lei, che sembrano nel registro del bisogno di essere protetta, di sentirsi teneramente al sicuro. Credo che lei attraverso le nostre parole voglia parlare a se stessa, dirsi cose che in parte già sa.
Il bisogno di protezione è normale in una relazione sentimentale, ma è accompagnato da altre componenti che mettono in gioco la parte di sé che desidera e non solo che ha bisogno, nonché componenti cooperative, erotiche, eccetera, che caratterizzano un rapporto tra pari connotato da reciprocità. Ad esempio perché ha paura di fare sesso con lui? Non lo dice. E’ un timore in generale? Oppure legato ad una sua eventuale prima volta? O cos’altro? Oppure è un timore, quello di fare sesso con qualcuno che chiama affettuosamente papà, collegato con una consapevolezza appena sotto pelle del significato che quest’uomo riveste per lei? Lei sta bene quando è con lui. Ma cosa la fa star bene? Cosa dello stare con lui la fa star bene?
Credo potrebbe esserle utile rivolgersi a un/a collega insieme a cui fare un po’ di chiarezza sui propri vissuti alla luce della sua vita che, nonostante lei sia tanto giovane, mia sembra sia stata già ricca di avvenimenti significativi e forse in passato faticosa.

Dott. Antonino Puglisi Psicologo a Torino

57 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte