Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Emetofobia, ipocondria, ansia

Inviata da Lalla il 1 ago 2019 Ansia

Buongiorno, ho 35 anni e soffro di emetofobia da quando ne avevo 12 con una fase acuta tra i 12 e i 19 (giravo con una bustina nella borsa, prendevo farmaci e digestivi per svuotare lo stomaco, mangiavo pochi alimenti che ritenevo sicuri, attacchi di panico etc) poi sono stata bene per tanti anni, preciso che non ho vomitato per 18 anni della mia vita (dagli 11 ai 29), finché addirittura sono riuscita ad affrontare più episodi di vomito senza ripiombare nella fobia, finché, dopo un forte stress, a 32 anni la mia fobia si è riaccesa. E' stata preceduta da una serie di attacchi di panico, con tachicardia, nausea, sensazione di svenimento etc...che mi hanno condizionato la vita quotidiana, soprattutto quando mi trovavo da sola. Questa fase acuta è lievemente rientrata ma si è aggiunta la paura di sentirmi male. Non ci penso tutti i giorni ma basta una minima sensazione di disagio che entro in un cono d'ombra di ansia che non mi passa per parecchie ore...finché non mi distraggo o finché non razionalizzo. Le mie paure, attualmente, rendono complesse alcune azioni quotidiane (guidare su certe strade o che non hanno vie laterali di fuga o con molti pedoni, farmi la doccia quando sono sola a casa, cenare insieme a persone che conosco poco, viaggiare sia in auto che in barca, bere alcolici, mangiare certi alimenti, fare sport) che mi sforzo di compiere ma sempre con l'ansia a mille. Le mie paure più grandi: sentirmi male mentre guido, mentre sono sola a casa o per strada, svenire per strada o al mare, vomitare per strada, vomitare quando sono sola o sotto la doccia o mentre guido, sentirmi male per il caldo, avere un malore in mezzo alla gente, l'ambulanza, gli occhi puntati addosso, ho paura di vomitare e svenire per la debolezza, vomitare mentre viaggio, prendermi un virus gastrointestinale e iniziare a star male fuori casa, non arrivare in tempo al wc e sporcare o il letto o il pavimento... Purtroppo il vomito è stato mio compagno di vita per tutta l'infanzia perché soffrivo di acetone e spesso rimettevo in macchina...i miei genitori hanno avuto malattie legate all'addome sempre precedute da episodi di vomito ma mai mi è capitato di svenire o vomitare in pubblico e non sono mai stata punita o derisa per aver sporcato a casa o la macchina. Questa fobia si è inevitabilmente legata all'ipocondria perché ogni qualvolta si presenta una patologia (anche una banale otite) io viaggio subito con la mente verso il rischio di poter vomitare...e vivo malissimo anche i disturbi più banali e ridicoli, non vi dico nel periodo clou dell'influenza...mi scortico le mani per quante volte le lavo per paura di contrarre gli enterovirus. Dopo aver "vomitato" il mio problema (fa ridere ma è così), io sono consapevole dell'origine, sono consapevole delle cause ma vorrei soltanto capire se si può guarire da tutto questo perché sono una donna allegra, solare, sono d'indole intraprendente e coraggiosa, dentro di me vive un'anima spericolata e leggera...e quando mi rapporto alle persone normali mi sento così stupida e ridicola, ammiro la forza, quando raccontano i loro malanni ridendo, o con distacco...o si sentono male davanti a tutti e se ne fregano...vorrei essere così, vorrei ubriacarmi e vomitare, vorrei viaggiare in barca a vela, andare sulle giostre, mangiare il pesce crudo e bere l'acqua fredda, stare a contatto delle persone anche durante il picco influenzale, vorrei poter accompagnare mio marito in bagno quando si sente male e riuscire ad aiutarlo, vorrei avere dei figli ed affrontare con serenità vomiti e malanni... Che percorso potrei intraprendere? C'è modo di riuscire a trovare degli escamotage per uscire da questi tunnel di ansia e pensieri brutti? Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno,
quanto scrive nella sua lettera:

"Sono una donna allegra, solare, sono d'indole intraprendente e coraggiosa, dentro di me vive un'anima spericolata e leggera...e quando mi rapporto alle persone normali mi sento così stupida e ridicola, ammiro la forza, quando raccontano i loro malanni ridendo, o con distacco...o si sentono male davanti a tutti e se ne fregano...vorrei essere così, vorrei ubriacarmi e vomitare, vorrei viaggiare in barca a vela, andare sulle giostre, mangiare il pesce crudo e bere l'acqua fredda, stare a contatto delle persone anche durante il picco influenzale, vorrei poter accompagnare mio marito in bagno quando si sente male e riuscire ad aiutarlo, vorrei avere dei figli ed affrontare con serenità vomiti e malanni... "

è rappresentativo di un desiderio inascoltato e ovvero quello di concedersi la possiblità di non essere "pefetti" e quindi al contrario di essere "umani" con tutto ciò che comporta, stare male, apparire agli occhi degli altri fragili e insicuri, paurosi e via dicendo.
A mio parere potrebbe esserle d'auito un percorso ad orientamento psicodinamico, mirato ad apporfondire dinamiche incosce profonde e irrisolte che spesso sono alla base di disagi di natura psicosomoatici.
Buona fortuna

Dott.ssa Roberta De Bellis Psicologo a Gallarate

231 Risposte

132 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19250

domande

Risposte 78250

Risposte