Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ansia ipocondria e disturbo ossessivo compulsivo

Inviata da Emanuele il 1 apr 2018 Ansia

Salve sono un ragazzo giovane che soffre di qualche disturbo e vorrei un vostro parere. Mi sono accorto di soffrire di ansia ed ipocondria due anni fa a gennaio quando in seguito ad un attacco di panico con palpitazioni tachicardia ed extrasistoli siamo andati al pronto soccorso dove mi hanno fatto tutte le apposite analisi quali elettro cardio gramma ecc, tutte negative. Da lì però l'ansia non mi è mai passata, infatti sono voluto andate da un cardiologo a Marzo sempre di due anni fa, che mi ha tranquillizzato sulla mia sanità organica. Per circa un anno è andato tutto piuttosto bene, però questo ottobre mi è comparsa una forte tosse secca che non mi è mai passata né con antibiotici me con sciroppi, ho fatto rx torace negativa e spirometria negativa, il mio medico di base ha attribuito origine ansiosa alla tosse ma io ho iniziato a pensare al peggio, come al cancro ai polmoni, e questi pensieri ancora mi tormentano. Nel frattempo è arrivata un'altra fobia a novembre, quella della Sla, dovuta a delle fascicolazioni crampi e tremori muscolari a cui il medico ha sempre dato origine ansiosa. E poi durante le vacanze di Natale è tornata la fobia del cuore, e quindi avevo paura dell'infarto, palpitazioni, aritmie, arresto cardiaco e morte improvvisa, e allora ho fatto ecg sotto sforzo e holter ecg negativi, allora poi su questo fattore mi sono tranquillizzato. Ma sono tornate le altre fobie. Mai tutte le fobie compaiono insieme, si alternano in vari periodi o giornate o settimane. Il medico ha detto che questi dolori "simili all'infarto" quali dolore braccio sinistro ecc e questa tosse secca sono somatizzazioni ansiose e allora a gennaio mi ha mandato dallo psicologo. Sto facendo quindi una terapia dallo psicologo da gennaio che sta avendo i suoi frutti in ambito dell'ansia. Lui è a conoscenza della mia ansia e della mia ipocondria e stiamo indagando per capire quale sia la causa, lui pensa che possa essere anche un semplice "accumulo di tensione", ma bisogna ancora indagare. Il problema è che lui, così come la mia famiglia ed il mio medico, non sono a conoscenza di un altro mio disturbo, quello che credo sia il "disturbo ossessivo compulsivo". Non mi è mai stato diagnosticato, ma ho letto cos'è su internet e credo proprio di averlo. Credo di averlo legato all'ansia e all'ipocondria, perché per esempio quando ho paura di star male o di avere una determinata patologia mi sento in obbligo di attuare alcuni riti per scongiurare quegli eventi. Come riaccendere e risplendere più volte la luce pensando al fatto di star bene, o stessa cosa entrando più volte in una stanza, o entrando in macchina, o mangiando delle cose, o prendendo e toccando delle cose, o scrivendo delle cose. Non l'ho ancora detto allo psicologo perché forse mi vergogno ma comunque glielo dirò, in più ogni tanto ho anche le così dette ossessioni, e cioè immagini indesiderate che mi si intrufolato nella mente e che appunto io scaccio con questi riti. Ora dopo questa lunghissima introduzione, le mie domande sono queste: sapete se questo potrebbe essere effettivamente un disturbo ossessivo compulsivo? Sapete se potrebbe essere causato dall'ansia o viceversa? Perché io ricordo di avere avuto cose simili, non a questi livelli naturalmente, anche da bambino, ma ora le ossessioni e le compulsioni stanno aumentando notevolmente e mi stanno distruggendo la vita così come il rendimento scolastico. Avreste qualche rimedio immediato, che non risolva la situazione ma che la migliori, non medicinali, per il disturbo ossessivo compulsivo? Il problema è che unito a questa ipocondria mi fa pensare alle cose più assurde, comincio ad aver paura di essere autistico, vi prego aiutatemi, grazie e buona Pasqua.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentilissimo,
quello che vorrei dirti non riguarda un ulteriore approfondimento del tuo disturbo, che tu conosci molto molto bene, ma una riflessione sulla ossessione e compulsione. Se questa non viene trattata sarà quasi impossibile sradicare l'ansia, poiché è proprio il sistema percettivo reattivo di tipo compulsivo ossessivo ad alimentare l'ansia e il panico . Il tuo psicologo dovrebbe avere indagato e se non lo ha ancora fatto potresti parlarne tu. Poi scegli un professionista che utilizzi il metodo più efficace per questo disturbo. A disposizione per ulteriori informazioni.
Cordiali Saluti, Alessandra

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

179 Risposte

72 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Emanuele, molto spesso le origini del disturbo ossessivo-compulsivo risalgono nell'infanzia con dei primi rituali legati a situazioni ansiose che nel migliore dei casi tendono a rientrare spontaneamente, ma che se non trattati in età adolescenziale per altre tematiche, probabilmente torneranno a far visita in età più avanzate rispetto all'infanzia. Le origini del disturbo ossessivo-compulsivo possono essere molteplici e si legano un tutt'uno con l'ansia in differenti aspetti situazionali. Nel tuo caso, specialmente all'ipocondria, al timore che qualcosa di orribile possa succedere (non solo malattie associate a una lunga agonia).
Ovviamente il disturbo ansioso che ti caratterizza non può essere separato dal trattamento per la componente ossessiva perchè le due cose si auto-alimentano. Probabilmente il tuo non riuscire a risolvere del tutto la tua ansia, questa sensazione che "l'ansia non se ne vada per quanto tu ci stia lavorando", è probabilmente relata al fatto che la causa primaria del disturbo non è stata trovata (bisognerebbe indagare il disturbo ossessivo compulsivo, i suoi rimuginii e pensieri intrusivi e trattarlo). Il mio consiglio è parlarne quanto prima con il tuo psicologo, di modo che lui possa ampliare il suo trattamento prendendo in considerazione questo importante aspetto che ti caratterizza.
Siete una squadra, non aver paura o vergogna di parlare dei tuoi problemi, oltretutto c'è già un rapporto tra di voi, lui è lì per aiutarti.
Buona giornata

Studio di Psicoterapia di Michela Lupo Psicologo a Grottaferrata

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Si Emanuele é un disturbo ossessivo compulsivo. Si è causato dall'ansia. Viaggia in parallelo alla tua ipocondria è vanno trattati entrambi. Si può risolvere bene e presto attraverso la terapia breve strategica senza alcun uso di farmaci

Dott.Carlo Paradisi Miconi Psicologo a Roma

79 Risposte

37 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno credo che alla base di un buon rapporto terapeutico vi debba essere sincerità. Credo sia importante che ne parli con lo psicologo che ti segue e che ti possa aiutare.
Saluti dott.ssa Peri Bonaria

Studio di Psicologia dott.ssa Peri Bonaria Psicologo a Marina di Massa

63 Risposte

14 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78400

Risposte