Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come sopportare la ex invadente del mio compagno con la scusa del figlio?

Inviata da Viva il 25 nov 2019 Terapia di coppia

Convivo da 1 e mezzo con un ragazzo molto bravo e affidabile.
Fu amore da subito e da subito lui acquisì quel sorriso e quella vitalità che aveva perso da tempo poiché mi confidò di avere grandi problemi con la mamma del bimbo piccolo (che adesso ha 3 anni e con la quale ha terminato la relazione quando ne aveva 1).
Nel corso della conoscenza con lei, ha dovuto avere a che fare con psicologi e polizia per gravi offese sulla sua persona, falsificazione di documenti e altri atti di minaccia di non fargli vedere il bambino...per la quale lui ha sempre avuto paura che se lo portasse nella sua città di origine nei paesi dell'est.
Il mio compagno ha anche un altro figlio di 14 anni avuto con un'altra donna, con la quale ha terminato la relazione quando ne aveva 6, lei non si fa mai sentire ed è tranquilla, sarà per il fatto che a sua volta ha un'altra relazione con un altro uomo che ha un figlio...oppure perché è semplicemente una persona normale!.
Fatto sta che dopo circa 7 mesi di relazione con il mio compagno, io ho iniziato a non sopportare più l'altra mamma che dal momento che ho saputo il suo trascorso mi sono fatta subito un'idea di lei veramente orribile.
Infatti poco dopo ho assistito a delle telefonate in cui lei lo offendeva e gli augurava di morire, come pure telefonate di scuse e toni carini per riappacificarsi.
L'ho ritenuta invadente ed ho pensato senza sbagliarmi che tentasse di fare i suoi "giochetti" per non staccarsi mai da lui con la scusa di mandargli le foto de bambino oppure di telefonare per qualsiasi scusa sempre inerente al bambino.
In tutto questo lui ha reagito dapprima molte volte arrabbiandosi fortemente dicendole di smettere di essere così pressante e di non chiamare inutilmente, fino ad arrivare ad ottenere toni più pacati giustificandosi che in questo modo l'avrebbe "tenuta buona": ossia se rispondeva con toni sgarbati (e comunque leciti perché ci ha rovinato intere giornate) lei avrebbe continuato; utilizzando invece toni più lievi ed essendo gentile, lei avrebbe risposto altrettanto...e in tutto questo perché "c'è di mezzo un figlio e d'altra parte non posso eliminarla dalla mia vita", mi diceva.
Ecco, io questo suo "tenerla buona" non l'ho mai digerito, perché gliene ha fatte talmente tante che non si meriterebbe proprio per niente la sua gentilezza.
Siamo arrivati al punto di dover far intervenire ancora avvocati, polizia e carabinieri per pedinamenti nei nostri confronti, stalking , per offese e furto in giardino.
Lui ha esposto una querela nei suoi confronti ma avevamo deciso di denunciarla anche per stalking, di far applicare un allontanamento dalla nostra abitazione e da noi stessi.
Passava il tempo ma lui non le faceva mai queste denunce.
Poi ha avuto un incontro a 4 con gli avvocati dove hanno preso degli accordi "bonari" ed ora lui è fiducioso che lei non ci dia più noia.
Così lui ha deciso di non denunciarla più!
Mi sono arrabbiata tantissimo perché volevo che fosse punita per quello che ci aveva fatto vivere, volevo far valere la mia posizione in quanto non si doveva più permettere di avvicinarsi alla nostra casa ( la casa è del mio compagno nella quale ha convissuto con lei per 1 anno).
Niente di tutto questo!
Lui mi ha risposto che per il bene del bimbo non vuole farle la guerra altrimenti ci potrebbero essere ulteriori ripercussioni.
Io non riesco a digerire questa cosa nella maniera più assoluta, come faccio a farmela andare bene?
Lei adesso quando chiama con la scusa del bimbo, io la prendo sempre come un insulto nell'avergliela fatta passare liscia e che non sia mai che le riprenda l'isteria mentale!
Per la sfiducia che ripongo in quella donna io litigo spesso con il mio fidanzato che mi dice di stare tranquilla che tiene la situazione sotto controllo....si vabbé ma intanto ha fatto cose gravi e ci siamo dovuti passare sopra !
Non è possibile! La mia mente dice che con la scusa del bimbo, lei non ha mai saputo cosa le poteva accadere se continuava a darci fastidio. La mia mente dice che lei può fare cosa vuole perché ha visto che lui tanto non agisce!
Io lo capisco, ma non mi sento tutelata, mi sento solo di dover incassare il colpo .
Mi date tanti tanti consigli per superare questa cosa e premetto che per scelta noi non ne vorremmo figli, noi si stava bene i primi 7 mesi ed avevo accettato la sua situazione nell'avere 2 figli e quindi nel ridurre ovviamente il nostro tempo.
Con la telefonata e il messaggio che sopraggiunge nel mezzo della nostra giornata a me rovina tutto!
Grazie grazie infinitamente per la vostra attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Salve, capisco che la situazione sia fastidiosa per lei, ma deve lasciarla gestire al suo compagno, soprattutto perché è presente un minore. Cerchi di concentrarsi sul vostro rapporto di coppia, lasciando fuori persone che non c'entrano. Se ci riuscisse vivrebbe più serenamente. Dott.ssa Masserdotti Giulia

Dott.ssa Giulia Masserdotti Psicologo a Civitavecchia

151 Risposte

120 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Viva,
Mi dispiace per quello che state passando lei e il suo compagno. Lei descrive una situazione molto complicata in cui sono già intervenuti legali e forze dell’ordine. A questo punto direi che per la gestione della ex del suo compagno sia il caso di affidarsi a loro, questo nell’interesse del minore e anche vostro. Riguardo a lei, sicuramente aver dovuto affrontare una situazione così impattante in una fase ancora giovane del rapporto con il suo compagno, l’ha un po’ destabilizzata. Non le consiglio di cercare rivalsa nei confronti di una persona evidentemente problematica come la ex del suo compagno, se è preoccupata per l’impatto che questa donna può avere sulla vostra relazione lasci gestire a lui la situazione ed eviti di litigarci a causa sua. Immagino che neanche per il suo compagno e suo figlio la situazione sia semplice, e probabilmente ogni ta ti sbaglierà, ma chi è che sa esattamente cosa fare in situazioni così complicate? A tutela vostra e del vostro rapporto cercare di rimanere uniti e lei di metter da parte la pur comprensibilissima rabbia e se si rende conto che fatica troppo, chieda aiuto ad un professionista.
Le auguro che la situazione posso evolversi per il meglio.
Paola Coli.

Dott.ssa Paola Coli Psicologo a Roma

2 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15750

psicologi

domande 19950

domande

Risposte 79450

Risposte