Come risolvere i litigi con il compagno di mia madre?

Inviata da Gabriella · 11 apr 2014 Terapia familiare

Ciao a tutti. Allora ho 15 anni e vivo con mia madre il suo compagno e mia sorella. Il compagno di mia madre io lo considero mio padre... ma perché i miei si sono separati penso poco dopo la mia nascita e il compagno che ha adesso mia madre c'è sempre stato. Io gli voglio un casino di bene... il problema e che e vibace e non riesce a capire che non sono piu la bambina che vuole il solletico e ste cose. La cosa è che litighiamo spesso perche lui mi stuzzica e io dopo un po' non lo sopporto più e urlo. Lui poi si incavola e non mi parla piu... io non so piu come fare. Ci sto anche male perche non mi guarda proprio per un po' di tempo. Per favore.. come devo fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 APR 2014

Gabriella,
probabilmente la cosa più funzionale che tu possa fare, dato che dici di avere un buon rapporto con il compagno di tua madre, è quello di trovare il coraggio, in un momento che riterrai opportuno, di parlargli apertamente e di esprimergli che sei cresciuta e che ora preferisci un modo di relazionarti con lui differente.
In tal modo potrete recuperare un nuovo rapporto..più "maturo"
Buona fortuna,
Saluti, Dott.ssa Paola Maniga

Paola Maniga Psicologo a San Donato Milanese

10 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2014

Cara Gabriella,
la relazione con i nuovi compagni e le nuove compagne del genitore con il quale si vive dopo una separazione, può non essere facile, soprattutto crescendo. Non citi tuo padre: lo vedi ancora o riesci a metterti in contatto con lui? Sarebbe importante parlare a lui di ciò che ti sta succedendo, ma mi rendo conto che potrebbe non essere comodo per te. In alternativa o in contemporanea sarebbe necessario che tu parlassi chiaramente a tua madre, cercando di spiegarle cosa sta cambiando in te e in quale modo tu ti senti a disagio. Il tuo corpo da bambina sta cambiando in corpo di donna e questo richiede più rispetto per la tua privacy ed i tuoi spazi fisici. Questo non significa certo smettere di voler bene all'uomo che tu consideri "tuo padre"! Ma prima che questa cosa ti diventi insostenibile, è necessario proporre con chiarezza dei cambiamenti di atteggiamento.

Famigliando Psicologo a Reggio Emilia

11 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2014

Cara Gabriella,
visto che sei minorenne non possiamo rispondere alla tua richiesta di consulto. Credo sia utile invece parlarne apertamente con entrambi i tuoi genitori.

Saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

762 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2014

Risposta Gabriella, è probabile che il compagno di tua madre non si renda conto della tua maturazione in atto, sia dal punto di vista fisico, sia da quello psicologico e forse nemmeno tu in questa età di grandi e repentini cambiamenti a volte ne sei del tutto conscia. Certamente tu in prima persona sei nella norma se un giorno fai la bambina ed un'altro tenti di fare l'adulta, ma quello che è importante è l'assoluto rispetto da parte degli adulti che ti circondano. E' un tuo diritto esigere un tuo 'spazio' dove muoverti come ti viene spontaneo. Parlane con tua madre e poi ricontattatemi insieme, ovviamente in segreto. Ritengo di fondamentale importanza che tu metta i 'paletti' secondo una tua ispirazione e senza condizionamenti. Spero di sentirvi presto, sono disponibile fin da subito. Ciao.

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

654 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2014

Gentile Gabriella,
la psicologia non è fatta di risposte meccaniche e risolutive in un click. Per poter essere efficaci è necessario conoscere la persona ed il contesto in cui vive in modo più diretto.
Vede è possibile che il compagno di sua madre abbia delle difficoltà a vederla adulta o comunque più grande di una bambina.
In un certo senso è un problema di tutti i genitori questo.
Non c'è molto da fare in realtà, se non dimostrare giorno dopo giorno che si è cresciuti.
Che ne pensa?

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

381 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17450

psicologi

domande 25700

domande

Risposte 90450

Risposte