Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Vorrei morire ho lasciato il mio ragazzo

Inviata da Sara il 30 set 2015 Terapia di coppia

Sono stata fidanzata da molto anni qualcosa dentro di me non andava stavo male sto passando un periodo stressante e credo che il mio sentimento sia cambiato.., lui è dolce fantastico per me era l'unico ci confidavamo su tutto un rapporto che non si instaura con tutti avevamo sogni che adesso si sono infranti per colpa mia senza un motivo mi veniva incontro e anche io lo sono sempre stata mi sento cattiva mi sento male vuota e provo le stesse cose che provavo per la morte di mio padre triste in colpa e mi manca tantissimo. Come lui non esistono. Cosa mi succede grazie per lo sfogo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Sara,
la sua sofferenza emerge chiara da queste righe.
Altrettanto chiaramente emerge uno stato di confusione che domina i suoi pensieri, le sue emozioni ed i suoi vissuti. La prima cosa da fare forse è fermarsi, concedersi di stare in questi pensieri ed emozioni e provare a fare ordine. Per fare ciò potrebbe esserle utile intraprendere un percorso psicologico...valuti questa eventualità.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1030 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara, quello che le sta capitando potrebbe essere riferito ad un evento luttuoso e traumatico come quello della morte di suo padre. Mi sento di suggerirle di rivolgersi, se se la sente, ad uno psicologo che possa aiutarla a comprendere meglio le dinamiche che si sono scatenate a partire da tale evento e che, molto probabilmente, la conducono ad essere triste, cattiva, vuota. Solo rivolgendosi ad un aiuto esterno e professionale potrà stare meglio.
Le faccio tantissimi auguri.
Cordiali saluti.
Dott.ssa Gabriella Ruggeri (Messina)

Dott.ssa Gabriella Ruggeri Psicologo a Messina

59 Risposte

73 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
non mi riesce di capire perchè ha lasciato il suo ragazzo e se si tratta di una rottura definitiva. Non si può rimediare? E' proprio finita? Dalle sue parole e dalla sua sofferenza, mi sembra di intravedere una sorta di amore che è rimasto per lui. Lei dice "senza un motivo", ma un motivo ci sarà sicuramente solo che non è chiaro neanche a sè stessa. Il collegamento con la morte di suo padre dipende dal fatto che la fine di un rapporto d'amore è paragonabile ad un lutto con tutto quello che ne consegue. Il lutto va elaborato come ogni perdita. I sensi di colpa vanno superati perchè in realtà non hanno ragion d'essere. Io credo che lei abbia bisogno di riportare un pò di ordine nella sua vita e guardare avanti con maggiore fiducia. Un sostegno psicologico le sarebbe senz'altro utile. In bocca al lupo e ci faccia sapere. A sua disposizione. Un saluto affettuoso.

Dott. Sergio Rossi Psicologo a Spoleto

190 Risposte

95 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
il suo testo sembra rappresentare la sua confusione che forse sta sperimentando in questo momento. Il passaggio continuo tra passato e presente sembra rappresentare il conflitto tra ciò che sta vivendo e ciò che vorrebbe. Parla di sogni infranti che avevate e che ora per colpa sua non sono presenti; ma forse questo ha un po' di coerenza anche con il suo cambiamento di sentimento. Forse può essere una fase passeggera nella quale deve riflettere su dove desidera andare. Da questa chiarezza può rivalutare se poter recuperare magari il rapporto o rivolgersi verso altre rotte. Può pensare di farsi supportare da uno psicologo per mettere un po' di ordine ed essere facilitata nelle sue scelte.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sara,
da quanto scrivi mi rendo conto della grande sofferenza che stai provando. Il dolore sembra essere predominante insieme anche ad una confusione generale che non ti permette di vedere le cose con chiarezza ma complica maggiormente la situazione.
Ti consiglio di cercare di capire meglio quale sia il tuo reale bisogno in modo tale da riuscire anche a trovare una soluzione.
Se non riesci da sola a fare tale lavoro ti consiglierei anche io, come i miei colleghi, di affidarti ad uno specialista terapeuta.
Cordiali Saluti,
Dott. Guido D'Acuti

Dott. Guido D'acuti Psicologo a Padova

20 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

ciao sara ti consiglierei di iniziare una terapia

Dr. Antonio D'urso Psicologo a Salerno

5 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
il suo testo sembra rappresentare la sua confusione che forse sta sperimentando in questo momento. Il passaggio continuo tra passato e presente sembra rappresentare il conflitto tra ciò che sta vivendo e ciò che vorrebbe. Parla di sogni infranti che avevate e che ora per colpa sua non sono presenti; ma forse questo ha un po' di coerenza anche con il suo cambiamento di sentimento. Forse può essere una fase passeggera nella quale deve riflettere su dove desidera andare. Da questa chiarezza può rivalutare se poter recuperare magari il rapporto o rivolgersi verso altre rotte. Può pensare di farsi supportare da uno psicologo per mettere un po' di ordine ed essere facilitata nelle sue scelte.
Cordialmente

Dott.ssa Jessica Geremia Psicologo a Lonigo

25 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buona sera Sara. Credo che, ormai, per un qualche motivo da evidenziare in psicoterapia, lei abbia cambiato l'immagine del suo ex ragazzo e si auto-incolpa perché è ancora attaccata sia ai ricordi dei bei momenti passati insieme (guardi il caso, quelli brutti si ricordano molto meno, chissà perché...) e, forse, per il fatto che il suo ex, attualmente si stia comportando in modo più carino del solito, per cercare di non essere lasciato definitivamente, e questo la fa sentire ancora più in colpa. Quando, in generale, cambia l'immagine del partner, la cosa avviene in modo molto repentino a livello emotivo. Invece, a livello cognitivo il cambiamento è più lento per la questione dei ricordi, per i propri vissuti di abbandono, per i sensi di colpa che affiorano sempre più, etc. La questione della perdita di suo padre potrebbe essere assimilata solo per una cosa: il senso di abbandono, vuoto e conseguente gestione del lutto (il primo reale, il secondo vissuto come tale) che dovrebbe affrontare. Altrimenti sono due discorsi completamente diversi, almeno da ciò che ha scritto. Per la cosiddetta "insalata di parole" (tecnicismo per dire che esprime le proprie emozioni, pensieri e comportamenti in modo molto repentino e confuso) con cui ci ha detto queste cose, la psicoterapia la consiglio fortemente, in quanto ha bisogno di mettere sia ordine nei suoi vissuti emotivo-cognitivi che di riappropriarsi delle sue priorità della sua esistenza.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta Costruttivista-Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

676 Risposte

976 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
quanta sofferenza in queste parole! Il suo discorso è confuso e scivola via, tra dolore, incredulità e senso di colpa.

Cosa succede? E' evidente che non si sente bene e che è sopraffatta dalle sue emozioni e dalle scelte fatte.

Ha notato una somiglianza tra le emozioni attuali e quelle provate alla morte di suo padre e penso che questo dipenda dal fatto che, in entrambi i casi, si è trattato di una perdita. Mi colpisce che lei faccia riferimento ad un senso di colpa legato alla morte di papà e che ora si definisca "cattiva" per la scelta di lasciare il suo ragazzo.

Tutte queste emozioni e questi pensieri, che ora sono in disordine, vanno riordinati.
Contatti uno psicologo per una consulenza; valuterete insieme se e come proseguire.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2020 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
il tuo è uno sfogo un pò caotico e confusivo sia nei contenuti che nella forma e pertanto dovresti sforzarti di mettere un pò di ordine.
Dici che col tuo ragazzo stavi male, che il tuo sentimento era cambiato e contemporaneamente dici che lui è dolce, fantastico e unico.
Te la prendi solo con te stessa, ti disprezzi, ti svaluti e ti senti in colpa per la fine di questo rapporto e perfino per la morte di tuo padre!....
Non ti sembra di esagerare? Di sicuro, più tu disprezzi te stessa e più questo ragazzo ti appare dolce, fantastico e unico, cosa che certamente non è.
Se il rapporto alla lunga non ti dava più soddisfazione non può essere stata solo tua la responsabilità ma di entrambi.
Questa cosa poi non ha nulla a che vedere con la perdita di tuo padre di cui pure ti senti assurdamente in colpa.
Dovresti smetterla con questi sensi di colpa e farti aiutare in psicoterapia per guadagnare autoefficacia e autostima.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6571 Risposte

18390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte