Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Vivo nella solitudine totale, che fare?

Inviata da Marco il 20 set 2014 Relazioni sociali

Salve, ho 18 anni e sono solo.
Questa cosa mi stare davvero male perché non riesco a stare così.
Non ho nessuno amico/a che davvero si interessi a me.
Passo le giornate dentro le 4 mura di casa e non so più cosa fare.
A scuola sono solo e tutti mi escludono e non sono neanche interessati a rivolgermi la parole.
Tutti hanno whatsapp ma il mio è vuoto e sto male.
Sono una persona abbastanza simpatica e non sono quel tipo di persona che ama rimanere a casa ma sono costretto dal fatto che non ho amici. Non esco mai di casa e alle mia età non è bello e normale.
Sono triste e penso sempre che sto buttando i più belli anni della mia vita che non torneranno.
Non so che fare aiutatemi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Donato
non so esprimerti l'enorme simpatia che mi ha suscitato la tua lettera, così sincera e così chiara.
Si sente la tua sofferenza nell'essere isolato, la voglia di comunicare e soprattutto si sente quanto tu sia una bella persona e con tanto potenziale interiore e con altrettanto amore e amicizia da dare.
Ecco, proprio da qui ti consiglierei di partire; non dalla necessità di ricevere ma dalla necessità di dare!!!
Può sembrarti strano ma pensaci attentamente...forse a quelle persone piene di messaggini su Whatsapp manca un amico che sappia essere sincero come certo puoi esserlo tu, manca una persona con cui comunicare in modo reale e autentico.
Mi viene anche da dire che può esserci tanto vuoto nell'apparente pieno di quelle vetrine in cui si espone un essere virtuale che non sempre corrisponde al reale.
Parti da questi concetti e tirati su di morale.
Hai i tuoi meravigliosi 18 anni che certo ti serviranno a sperimentare e vivere occasioni di confronto ed amicizia.
Conserva la tua abituale simpatia e un pizzico di riserbo nell'avvicinarti ad altri, con una attenzione anche silensiosa, questa ti permetterà di cogliere segnali di bisogno e vuoti che certo potrai colmare un pochino con la tua presenza.
Concentrati sulla solitudine altrui, oltre le apparenze e dimentica la tua.
Imponiti di uscire per dare e non per ricevere (quello poi verrà da solo).
Abituati all'aria aperta, comunica con un amico domestico come un gattino o un cagnolino, servirà per aprirtie per insegnarti l'attenzione ai bisogni altrui.
Esci dalle quattro mura e passeggia in città e nella natura. Scrivi poesie e coltiva l'interiorità. Diventa saggio e forte. Metti in luce le tue capacità.
Se farai tutto questo , avvicinandoti tu per primo agli altri, certo qualcosa cambierà.
Siii certo delle tue qualità di cui non devi mai dubitare.
Sei unico e sei molto forte. Dalla tua lettera si sente! Tieni duro, prima o poi anche tu troverai tuoi simili..è già narrato nella favola del "brutto anatroccolo" che non era brutto s'intende, ma era diverso e questa era la diversità di un essere magnifico che solo doveva appieno rivelarsi ed anche quell' apparente estraneità al mondo di cortile è servita a poter volare e a ritrovarsi coi suoi simili, ma intanto si è mischiato con gli altri anche rischiando!
Ciao Donato. Inizia subito un nuovo percorso e sorridi!
Affettuosi saluti
Psicoterapeuta Silvana Ceccucci Studio in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6816 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Donato, la sua storia in questo momento appare simile ad altre trascritte da suoi coetanei. Questa società sembra escludere alcuni membri e altri invece sembrano non accorgersi del problema. In questo momento le vie da percorrere sono due, da una parte ci sono i social network che permettono di stringere amicizie significative con persone più o meno lontano, contemporaneamente però deve cercare di rimettersi in gioco con i suoi coetanei e cercare di trovare qualche interesse o punto in comune che le permetta di avvicinarsi a qualcuno. La sua richiesta è stata precisa e molto ben dettagliata e questa sua riflessività potrà aiutarla anche con le altre persone. Cerchi di evitare di stare a casa perchè non è l'ambiente per fare nuove conoscenze.
Affronti la sua solitudine evitandola e se dovesse sentire di aver bisogno di un supporto, non esiti a chiamare un collega che possa aiutarla in questo momento.
Cordiali saluti

Dottor Emanuele Lucchetti Psicologo a Genova

4 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20300

domande

Risposte 80000

Risposte