Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Tic nervosi: sono guaribili?

Inviata da Chiara · 26 gen 2014 Nevrosi

Buonasera, ho un' amico che da anni soffre di tic nervoso. Vederlo così mi fa soffrire da morire. Mi rivolgo a voi perché vorrei aiutarlo. Innanzitutto vorrei sapere se é guaribile, e se si come bisogna comportarsi e da chi si deve rivolgere? Spero in una vostra risposta sperando che esiste qualcosa per aiutare il mio amico. In attesa di una vostra risposta vi ringrazio infinitivamente

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 GEN 2014

Gentile signora Chiara,
la psicoterapia cognitivo-comportamentale sin dalla sua origine si è interessata di stoppare con protocolli ad hoc sintomi spiacevoli come i tic attivando azioni controcondizionanti all'interno dello schema stimolo-reazione. Ovviamente prima di agire con procedure avversivanti nei confronti de3i tic si tratta di caprne le cause, la tipologia e altri disturbi associati
paolo zucconi, psicoterapeuta e sessuologo clinico comportametale a udine (friuli venezia giulia)

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1567 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GEN 2014

Tra le varie tecniche utili per la riduzione o la cessazione dei tic c'è l'ipnosi.
Chieda al suo amico se ha voglia di sperimentarsi e comprendere come superare i suoi tic, sempre che per lui siano un problema. La esorto anche a chiedersi come mai la mettono a disagio e la fanno soffrire, alle volte ciò che è problematico e difficile per noi potrebbe non esserlo per chi ha quello che consideriamo un problema.
Dott. Barbara Michienzi, Roma

Dott.ssa Barbara Michienzi Psicologo a Roma

52 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GEN 2014

Buongiorno,
le proporrei di chiedere al suo amico se gli interessa affrontare il problema, e se per lui questo sia o meno un problema. Solo dopo un colloquio con il suo amico potrei rispondere alle sue domande, perché dovrei capire quando è insorto il sintomo e di che genere di tic si tratta. Le suggerisco dunque di proporre al suo amico, se intenzionato a lavorare su questo sintomo, di contattare un professionista a lui vicino e di sua fiducia per avere uno spazio per se stesso e per lavorare su queste tematiche. La ringrazio per la fiducia. Cordiali saluti.

Monica Torsellini Psicologo a Firenze

21 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Gentile Chiara,
alcune forme di tic rientrano da sole, altre invece accompagnano per tutta la vita. Bisognerebbe chiarire le caratteristiche del sintomo per fornire una risposta più precisa.
Il suo amico ne ha sempre sofferto?
Quanti anni ha?
Si tratta di tic motori o anche vocali?
Vede le forme che iniziano nell'infanzia e si protraggono anche nell'età adulta difficilmente scompaiono, in particolare se presenti anche tic vocali.
La prima figura di riferimento per una terapia che agisca sul sintomo è forse lo psichiatra. Altro discorso se i tic sono comparsi in un secondo momento della vita, in corrispondenza di un periodo di stress, dove forse sarebbe opportuno lo psicologo.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

376 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Gentile Chiara si può guarire dei tic nervosi o comunque ridurre notevolmente l'intensità la frequenza.
Se per il suo amico sono diventati veramente fastidiosi, tanto da essere motivato a chiedere un aiuto può rivolgersi a un terapeuta possibilmente cognitivo comportamentale, che lavorera' insieme al suo amico su tali comportamento al fine di superarli .

Dott.ssa Valentina Nocito Psicologa-Psicoterapeuta Psicologo a Pordenone

4 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Salve Chiara!
I tic di origine nervosa, in quanto tali, hanno a che vedere con le emozioni, ma non solo. Il suo amico potrebbe rivolgersi ad uno Psicoterapeuta per analizzare le emozioni e i sentimenti che più in lui premono per essere espressi attraverso il suo corpo, proprio come se ci fosse una quota di "tensione" emotiva che non riesce ad essere elaborata dalla sua mente perché inconscia e non consapevole, che trova la via somatica come canale preferenziale.
La psicoterapia, soprattutto in questi casi, deve essere integrata ad altri approcci, come quello medico. Si può pensare di consultare uno Psichiatra o un Neurologo che eventualmente si possono occupare dell'aspetto farmacologico e magari orientare, verso una Fisioterapia (Quando non è sconsigliata per altri motivi) che consenta di allentare le tensioni muscolari.
Io credo che un lavoro fatto in rete da professionisti esperti, se non dovesse portare alla "perfetta guarigione", consentirà sicuramente di alleviare i sintomi e aiuterà la persona ad avere un maggiore autocontrollo e autostima attenuando il disagio suo e quello di chi gli sta al fianco.
Spesso ci si può sentire imbarazzati avendo dei tic ed anche essendo di fronte ad una persona che li ha, perché sono inaspettati e perché, mettendoci nei suoi panni, ci può dispiacere e questo fa aumentare la tensione, il disagio e si attiva un circolo vizioso che può essere meglio gestito.
Le possibilità ci sono, l'importante è non negarsele!
Spero di essere riuscita a chiarire qualche piccola incertezza!
Cordiali saluti!
Dott.ssa Ilaria Raia Psicologa Psicoterapeuta Cecina (LI)

Dott.ssa Ilaria Raia Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Cecina

45 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Gentile Chiara, i Tic sono espressioni del corpo alle quali è sottesa una forma di disagio. Possiamo curarli con successo così come con le ossessioni. Questo non significa che sia facile, anzi richiede una buona psicoterapia. Questo poichè, il Tic ha una sua funzione di sintomo normalizzatore, rimuovendolo spesso affiorano i motivi che lo hanno generato, e che richiederanno uno specifico supporto,
Cordiali saluti
Dr. Cristian Sardelli
Psicologo Psicoterapeuta

Cristian Sardelli Psicologo a Firenze

119 Risposte

118 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Buongiorno Chiara,
I tic sono movimenti, gesti o espressioni improvvisi, rapidi, ripetitivi, aritmici e stereotipati. Tipicamente riproducono alcuni aspetti del comportamento abituale. Sono percepiti come irresistibili, ma possono essere repressi per periodi variabili di tempo.
Tutte le forme di tic possono essere esacerbate dallo stress e attenuarsi durante attività che richiedono concentrazione (per esempio leggere o cucire) e spariscono in genere durante il sonno. Il significato del tic non è univoco. All’inizio il tic può essere una semplice condotta motoria reattiva ad una situazione d’ansia momentanea (separazione, malattia…) che mostra la facilità di alcuni bambini di passare nella sfera motoria gli affetti, i conflitti e le tensioni psichiche. L’associazione con l’instabilità del comportamento è infatti frequente. La persistenza del comportamento ticcoso però può rappresentare una possibile modalità di espressione di successivi conflitti e può assumere significati successivi fino a perdere il suo/suoi significato(i) iniziale(i), per diventare un modo d’essere profondamente ancorato nel corpo. Per alcuni soggetti il tic può essere considerato una via di scarico privilegiata delle tensioni. Le motivazioni dei tic nervosi sono varie e legate al campo neurologico; è vero però che la loro origine afferisce alla sfera psicologica e neurologica e l'inizio di un percorso psicoterapeutico, integrato di tecniche di rilassamento potrebbe essere utile per ridurre l'intensità e la frequenza dei tic.
Cordiali saluti
Dott.ssa Elena Favole

Dott.ssa Elena Favole Psicologo a Cuneo

42 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Gentile Chiara,
credo sia importante che il suo amico si rivolga ad uno psicologo specializzato in psicoterapia, quest'ultimo dopo una valutazione saprà orientarlo al meglio nella cura del disturbo.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

713 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GEN 2014

Cara Chiara,
i tic di solito sono conseguenza di un qualcosa, che riguarda la vita passata alla persona. Le consiglio di suggerire al suo amico prima di tutto di fare una visita medica per escludere qualcosa di organico e dopo con una adeguata terapia psicologica di lavorare seriamente su di sè
Auguri

Dott.ssa Stoyanka Georgieva Psicologo a Omegna

225 Risposte

138 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Nevrosi

Vedere più psicologi specializzati in Nevrosi

Altre domande su Nevrosi

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21900

domande

Risposte 82550

Risposte