Situazione sociale

Inviata da alesaso · 24 feb 2022 Relazioni sociali

Ciao, ho notato qualcosa che non va nella mia situazione sociale. Fino a quando avevo 14 anni non ero il tipo che parlava con tutti, ero quello che stava sempre con il suo gruppo di amici, con loro ci scherzavo e ci parlavo, tutto apposto insomma. Ho cambiato casa, ho perso tutti i miei amici e sono stato chiuso in casa per un anno e qualcosa, non parlando con nessuno, solo con miei parenti e familiari, e a scuola non parlavo con nessuno. solo circa a settembre dell’anno scorso ho iniziato a conoscere nuovi amici e farmi una ‘compagnia’. Con loro all’inizio ero un po’ sulle mie, poi col tempo sembrava che si era stabilito un legame con loro. Poi per un periodo andava tutto benissimo e poi ancora, mi chiudevo, parlavo davvero poco con loro mentre loro scherzavano, parlavano tanto, io ero zitto, a ridere a qualche battuta fatta. E sono ancora in questa situazione, mentalmente è davvero stressante. Grazie per l’attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 FEB 2022

Buongiorno,
Ciò che descrive sembra essere caratterizzato da una discontinuità dell'esperienza relazionale, nel senso che alterna momenti durante i quali ha la sensazione di essere in buona relazione con l'altro e probabilmente anche con se stessa, ad altri momenti durante i quali è più ritirata e chiusa in se stessa.
Sarebbe utile esplorare meglio all'interno di una terapia cosa provoca il passaggio da uno stato all'altro. Quando sente che si stabilisce qualche tipo di legame accade subito dopo qualcosa che le fa sentire che non è più così. Andrebbe esplorato meglio.
Se ha bisogno resto disponibile per terapia online.
Un caro saluto
Dott. Gabriele Fichera
Psicologo e Psicoterapeuta

Dott. Gabriele Fichera Psicologo a Torino

99 Risposte

100 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 FEB 2022

Buongiorno Alesaso,
probabilmente ci sono pensieri interni che la bloccano e le restituiscono una immagine poco positiva di sé. La incoraggio a focalizzarsi sugli aspetti positivi della sua persona, sui traguardi che ha raggiunto, sulle potenzialità che vuole esprimere.
Quando arriva un pensiero negativo, come un cattivo ospite, lo rimandi indietro con eleganza e si concentri su quello che di positivo lei è.
Se questo esercizio le risulta difficile la incoraggio a seguire un percorso di supporto psicologico che possa aiutarla a riappropriarsi di una buona autostima e quindi godere delle relazioni sociali.
Le auguro il meglio e resto a disposizione
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

1281 Risposte

708 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 FEB 2022

Gentile utente,
il cambiamento di residenza e il conseguente distacco dagli amici che aveva , insieme alle forti restrizioni sociali dovute alla pandemia possono averle causato una sensazione di destabilizzazione e isolamento ma forse anche la sua presumibile età adolescenziale con i cambiamenti correlati e l'instabilità emotiva che la caratterizza ha contribuito e/o contribuisce tuttora a crearle malessere.
Pertanto è consigliabile fare chiarezza e acquisire risorse tramite un percorso di psicoterapia preferibilmente cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8034 Risposte

22065 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Buongiorno A.,
Manca un dato importante, quanti anni ha ora rispetto ai suoi 14 anni che porta d'esempio? Sa bisognerebbe capire se è fattore evolutivo, o anche sociale (viviamo in una pandemia da due anni). Le consiglio di contattare un esperto per ritagliarsi uno spazio tutto suo e capire che succede nelle sue relazioni sociali.
Un caro saluto.
Dott.ssa Claudia Tedde

Dott.ssa Claudia Tedde Psicologo a Cagliari

79 Risposte

29 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Buongiorno,
da quanto scrive non si capisce quale sia la sua età ma presumo lei sia molto giovane. Il modo che ognuno di noi ha di relazionarsi con i pari o con le persone in genere è frutto di esperienze di vita e di caratteristiche personali, e nelle varie fasi della vita può capitare di essere più o meno disposti a condividere tempo, vissuti ed emozioni personali. Il discorso è diverso se questo aspetto risulta per lei impattante nella sua vita quotidiana o se in qualche modo provi sofferenza come dimostra quando dice "mentalmente è davvero stressante". Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta e provare a lavorare su se stesso e su ciò che vuole veramente dalle relazioni con gli altri.
Per qualsiasi dubbio rimango a disposizione
Cordialmente
Dot.sa Loredana Luise

Dott.ssa Loredana Luise Psicologo a Ponte San Nicolò

71 Risposte

104 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Salve Alessio,
hai ragione, la tua situazione è davvero stressante e la pandemia non ti ha certo aiutato.
Tuttavia dalle tue parole si coglie un grande desiderio di apertura e di ricerca dell'altro.
Un primo passo molto importante.
Sicuramente un percorso psicoterapico ti aiuterebbe.

Dott.ssa Fabiana Angari Psicologo a Portici

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Buongiorno,
sembra che alcuni eventi (il cambio di casa e la perdita dei suoi amici) abbiano segnato un cambiamento che ha intaccato il suo modo di vivere le relazioni con gli altri. L'isolamento conseguente andrebbe approfondito, insieme alle sue emozioni: "Come l'ha fatta sentire tutto questo?", "Come sta con i suoi nuovi amici? La fanno stare bene? Con loro emerge una parte di sé che apprezza?". Più che parlare di "farsi" degli amici, la inviterei a riflettere sul "vivere" gli amici, poiché è questo che genera in noi sensazioni che ci portano a non frequentare più certe persone, o al contrario a continuare a volerle accanto. Per comprendere certi comportamenti che abbiamo con gli altri bisogna conoscere se stessi, comprendere cosa si desidera per sé, e questo è possibile grazie al supporto di un professionista.
Se si ritrova in quello che ho scritto o le è stato utile, resto a disposizione, anche online.
Un caro saluto.
Dott.ssa Martina Pallottini

Dott.ssa Martina Pallottini Psicologo a Fermo

147 Risposte

54 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Caro Alesaso,
Ti consiglio di intraprendere un percorso mirato con un professionista in modo da lavorare su quanto alimenta il tuo sentirti così, quindi anche sulle cause e l’origine, ma soprattutto su come agire oggi per vivere la tua vita in modo appagante e sereno.
Io resto a tua disposizione per aiutarti.
Augurandoti il meglio, ti invio un caro saluto!
Dr.ssa ASIGNORELLI (sedute anche online)

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

730 Risposte

1034 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Buongiorno, mi spiace per la situazione in cui sente di trovarsi. Siamo esseri sociali, amiamo sì momenti per noi stessi, da trascorrere in solitudine, ma di solito li viviamo bene sapendo che comunque, quando vorremo, torneremo tra i nostri amici, che saranno lì ad aspettarci. Mi rendo conto che cambiar casa possa averla demoralizzata, dovendo poi ripartire a costruire una rete sociale. Il fatto però che questo umore deflesso e questa chiusura si siano ripresentati di nuovo recentemente, mi fa pensare che lei abbia un qualcosa (pensieri, vissuti, emozioni) che andrebbe approfondito meglio durante i colloqui. Non esiti a contattarmi, sia per vederci di persona che online. Le auguro buona fortuna!
Dott.ssa Silvia De Ioris

Dott.ssa Silvia De Ioris Psicologo a Verona

11 Risposte

15 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2022

Salve, mi dispiace per la situazione che descrive perchè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

1391 Risposte

424 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 33900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20250

psicologi

domande 33900

domande

Risposte 115750

Risposte