Rapporto Terapeuta Paziente

Inviata da Claudio Cucinotta. 21 mag 2012 34 Risposte

Salve,
è vero che, terapeuta paziente, non possono frequentarsi ed incontrarsi al di fuori dello studio dello specialista? Non possono, ad es.,andare a mangiare una pizza insieme, fare una passegiata,interagire su dei social-network?
È vero che,terapeuta e paziente, non possono abbarciarsi,coccolarsi,scambiarsi gesti di affetto; come, ad es., farebbero un padre ed un figlio?
È vero che, il paziente, in una sorta di transfert,può nutrire affetto nei riguardi del terapeuta; ma, quest'ultimo, deve evitare il contro-transfert; affinché le sedute non risultino alterate?
Se, il paziente, in una sorta di transfert, vuole bene al terapeuta, come fosse il padre; è opportuno che ne parli col terapeuta stesso. Senza temere di essere scacciato dal setting terapeutico?

Argomenti simili

34 Risposte

  • Miglior risposta

    Salve, qualcuno mi aiuti sono disperata, dopo 15 sedute con il mio psicologo ho iniziato a provare dei sentimenti nei suoi confronti. Durante una seduta non riuscivo più a parlare della mia vita e delle mie difficoltà, ma avevo solo un pensiero dirgli quello che provavo. Bene è successo. Da quel giorno lì quando lo vedo provo una gran imbarazzo e questo sta compromettendo la terapia. Premetto che lo penso dalla mattina alla sera. Sto seriamente pensando di interrompere la terapia, malgrado mi faccia soffrire parecchio il solo pensiero di non vederlo più. Sono grave? Grazie....

    Pubblicato il 16 Luglio 2012

    Elisabetta

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 11450 Psicologi a tua disposizione
    • 11400 Domande inviate
    • 55350 Risposte date
    • Gentile Claudio,

      la sua domanda mi sembra interessante.

      Posso chiederle perché si domanda se è vero che terapeuta/paziente non possono frequentarsi ed incontrarsi al di fuori dello studio dello specialista?


      Perché teme di essere scacciato dal setting terapeutico se rivolge questa sua domanda al terapeuta?

      Posso chiederle chi è per lei il suo terapeuta?

      La professione dello psicologo è regolamentata da un codice deontologico. Una delle regole deontologiche vieta allo psicologo di frequentare i pazienti che ha in cura.

      Al di là della questione deontologica la sua domanda potrebbe aprire ad un'altra questione riguardante la sua relazione con suo padre. Il terapeuta, infatti, secondo la teoria psicodinamica, sarebbe un rappresentante di una figura significativa per il paziente e sul quale il paziente stesso proietta i suoi pensieri e le sue emozioni.

      Spero di aver risposto almeno in parte alla sua domanda.

      Un caro saluto.

      Rossella Sferrazzo

      Pubblicato il 06 Luglio 2017

      Logo dott.ssa Rossella  Maria Sferrazzo

      3 Risposte

      2 Valutazioni positive

    • Caro Claudio
      spero che, in questo arco di tempo la situazione problematica sua personale sia un po' rientrata e che la tua psicoterapia sia stata conclusa in modo positivo.
      Credo che l'esperienza che ha provato sia stata molto forte ma, se ben condotta dal terapeuta, è possibile che abbia portato esito positivo.
      Mi sono imbattuta nella sua lettera e la questione mi ha interessato molto.
      Certo che le espressioni di intimità sono proibite dal codice deontologico e questo è a tutela del paziente che si trova in terapia e a salvaguardia del terapeuta stesso; entrambe lavorano alla soluzione dei problemi posti attraverso l'alleanza terapeutica, che prevede accordo, collaborazione ma non è un rapporto di amicizia e di amore.
      A suo tempo lei, a mio parere, ha fatto la cosa giusta parlando dei suoi sentimenti al terapeuta.
      Nonostante le difficoltà questa era la strada da percorrere.
      Spero la terapia sia andata a buon fine attraverso l'elaborazione di questi vissuti trasferali.
      Un caro saluto.
      Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

      Pubblicato il 03 Gennaio 2016

      Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci

      3087 Risposte

      5780 Valutazioni positive

    • Buonasera Claudio, con la sua domanda ha, involontariamente certo, aperto una specie di vaso di Pandora di risposte dei colleghi. Si va dal non dare neanche il Tu (a meno che non siano bambini) ad andare a mangiarci una pizza con il paziente, tuttavia senza sesso alla fine, perché sarebbe una grave violazione deontologica. Mi perdoneranno i colleghi (sono certo di no), se banalizzo in questo modo tutta questa mole di risposte. Il tema che Claudio ha posto è antico quanto la Psicoanalisi che, per prima, credo, si sia posta tale problema. Io credo che noi specialisti, tuttavia, la facciamo molto più complessa di quello che è tale faccenda. Abbiamo un codice deontologico (che non significa che tutto che quello che vi è scritto sia giusto, ma lo dobbiamo seguire alla lettera, secondo le indicazioni degli Ordini Professionali) che ci dirime molte questioni che, altrimenti potrebbero essere vissute come ambigue. Il cambiare strada se a 100 metri vedo un mio paziente, secondo me, denoterebbe una mia forte rigidità e non capacità gestionale dell'evento. E chi mi assicura che se non ci riesca fuori dal setting terapeutico, ci riesca dentro? Mangiare una pizza con lui, per me, sarebbe troppo e, comunque, deontologicamente non corretto, a prescindere da nuove informazioni che potrei ricevere dal paziente. Ma le informazioni che mi riguardano personalmente, che direttamente o indirettamente, gli potrei lasciare, non sarebbero altrettanto importanti, se non più? Questione del Tu in terapi

      Leggi tutto

      Pubblicato il 23 Settembre 2015

      Logo Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta

      585 Risposte

      753 Valutazioni positive

    • Gentile Claudio,

      il codice deontologico degli psicologi, ossia la guida per il comportamento a cui devono attenersi obbligatoriamente gli psicologi, afferma che è una grave violazione per lo psicoterapeuta lavorare con “persone con le quali ha intrattenuto o intrattiene relazioni significative di natura personale, in particolare di natura affettivo-sentimentale e/o sessuale”.
      Non si spaventi per aver provato forti sentimenti verso il suo terapeuta, se condivisi con il suo terapeuta, questi potrebbe essere un'utile elemento per approfondire le relazioni affettive della sua vita.
      Cordiali saluti
      Dott.ssa Monica Salvadore

      Pubblicato il 01 Settembre 2015

      Logo Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta

      365 Risposte

      768 Valutazioni positive

    • Gentile Claudio,
      il rapporto terapeuta-paziente è regolamentato dal codice deontologico dell'Ordine degli Psicologi. Sicuramente il/la terapeuta che intrattiene rapporti sentimentali o sessuali con il/la paziente commette una grave infrazione al codice ma soprattutto dimostra di non essere all'altezza di questa bella e delicata professione.
      Il setting, cioè la cornice formale entro cui si deve svolgere la psicoterapia, è fondamentale per non compromettere la stessa. Tutt'altra cosa è il voler bene al paziente in quanto persona più fragile che si affida per essere aiutato a superare i suoi problemi ma, anche in questo caso, l' "empatia" del terapista deve essere alternata alla "congruenza" che non è a lui altrettanto bene accetta ma serve per la sua crescita.
      Tenga inoltre presente che il transfert oltre ad essere positivo può essere anche negativo e così pure il controtransfert; il primo può essere utilizzato per ottimizzare la terapia e il secondo deve essere più che altro gestito e controllato dal terapista.
      Chiarito questo, qualche piccolo margine di elasticità ci può anche stare nei limiti del buon senso e della professionalità dello psicologo; così, ad es., come diceva un mio collega, incontrare casualmente per strada o al bar un proprio paziente non richiede certo di cambiare strada o uscire di corsa dal bar per evitare qualche parola di saluto.
      Spero, insieme ai miei colleghi, di esserle stato utile e aver risposto alle sue domande.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore

      Leggi tutto

      Pubblicato il 26 Agosto 2015

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      4173 Risposte

      12164 Valutazioni positive

    • Gentile Claudio, la relazione terapeuta - paziente deve unicamente riguardare il setting terapeutico. E' comunque opportuno che lei ne parli in seduta per continuare il suo percorso terapeutico nel migliore dei modi.
      Cordiali saluti
      Dott. Alessandro Bertocchi
      Bologna

      Pubblicato il 15 Giugno 2015

      Logo Dott. Alessandro Bertocchi

      93 Risposte

      99 Valutazioni positive

    • La questione dei rapporti fuori seduta o dell'agire sentimenti di amore ( o di odio ! ) in seduta è una vecchia e controversa storia.
      Io so che il punto fondamentale è che il terapeuta sia ben consapevole di quello che succede. Ossia che sappia che c'è un limite invalicabile. Lo scopo dell'analisi è comprendere emotivamente e poi magari anche intellettualmente, le ragioni del nostro agire e sentire. E' questo che ci rende liberi. Freud soleva dire che chi non ha superato il proprio passato è costretto a ripeterlo.
      Ciò detto e premesso non vedo perchè non si potrebbe fare una passeggiata o mangiare un pizza insieme. Freud lo faceva normalmente con i suoi pazienti.
      Anzi questo può portare nuovo materiale su cui lavorare in seduta.
      Invece avere rapporti sessuali con il proprio paziente è un evento molto grave, forse il più grave sbaglio in cui possa incorrere uno psicoanalista.
      Mentre avere sentimenti di affetto, di amore, di attrazione fisica per il proprio analista è comune e non è una colpa. Anzi dimostra che la corrente di comunicazione inconscia tra di loro è forte. Quando mi accade io, come analista, dico ai miei pazienti che è una cosa bella e che dobbiamo utilizzare questa grande energia per aiutare ed agevolare il processo analitico.
      Non mi è mai successo di cadere in questo grave errore. Ma siamo esseri umani e anche l'analista non è un dio e può sbagliare, magari per momentanea debolezza.
      Certo è molto difficile riprendere poi una sincera e onesta alleanza terapeutic

      Leggi tutto

      Pubblicato il 14 Maggio 2015

      Logo Dott. Marco Tartari

      456 Risposte

      218 Valutazioni positive

    • Salve Claudio,
      la relazione terapeuta-paziente è, di per se', una relazione di cura. Una relazione tra un professionista sanitario a tutti gli effetti e il richiedente, una persona bisognosa, in difficoltà, con una richiesta ben precisa. Questo non vuol dire che ci debba essere distacco o freddezza, anzi... ma mantenere il setting il più possibile terapeutico è indispensabile affiché' il professionista riesca a svolgere al meglio il suo ruolo. Qualsiasi contatto che esula dal setting terapeutico è elemento di possibile modifica dell'equilibrio, delle proiezioni ma anche dell'idealizzazione reciproca. La relazione, in definitiva si trasformerebbe in "altro". Per lo stesso motivo, noi psicologi non possiamo lavorare con persone che conosciamo, o che ci sono vicini affettivamente.... proprio perche' "l'altro" che ci lega potrebbe interferire con la vera e autentica relazione d'aiuto. La domanda che dovrebbe farsi, a mio parere è perche' sente l'esigenza (se così fosse) di instaurare vicinanza fisica ed emotiva col suo terapeuta.

      Dott.ssa Silei Susanna, psicologa, Pisa

      Pubblicato il 29 Marzo 2015

      Logo Dott.ssa Susanna Silei

      6 Risposte

      6 Valutazioni positive

    • Potrei aggiugere un caso analogo a quello di Claudio? Uno psicologo serio e ben informato mi risponda per favore!
      Cosa succede se paziente e terapista iniziano una relazione d'amore...(durante la terepia, permettetemi il beneficio del dubbio in qualità di ex moglie che faceva terapia di coppia con questi due soggetti), o dopo la terapia?
      E' sufficiente mettere un puntino alla terapia e giustificarsela dicendo "eh, che ci vuoi fare, è capitato!"
      E se fosse anche stato coinvolto un minore?
      Qualcuno mi direbbe cosa fare al posto mio?
      Non avevo fiducia nella psicologia e ora men che meno!
      Aiutatemi per favore!

      Pubblicato il 20 Ottobre 2014

      Daniela
    • Buongiorno Claudio,
      Si, è vero, per il buon esito della terapia è bene che terapeuta e paziente non intrattengano relazioni di alcun tipo (amicali, sessuali, affettive) fuori dal setting terapeutico. Questo limite è finalizzato al benessere del paziente stesso ed è regolamentato anche dal codice deontologico degli psicologi, quindi se lei è in terapia e si trova in un situazione simile con ogni probabilità il suo terapeuta sta agendo correttamente.
      Può accadere che un paziente sviluppi in terapia desideri di accudimento, vicinanza, amicizia, verso il terapeuta, cosi' come può accadere che il terapeuta provi sensazioni ed emozioni verso il paziente. La cosa più naturale e importante da fare in questi casi è parlarne direttamente e serenamente con il terapeuta: anche se potrebbe risultare strano, l'analisi di questo processo è parte integrante della terapia e se ben gestita porterà notevoli giovamenti al paziente.
      Saluti

      Pubblicato il 06 Ottobre 2014

      Logo Dott. Filippo Campobasso

      5 Risposte

      18 Valutazioni positive

    • sono stata in cura da un terapeuta e non ho provato nessuna sensazione di cui parli, anzi non vedevo l'ora che finisse, a volte non riuscivo ad esprimermi come faccio di solito, in compenso la terapia mi ha aiutata.

      Pubblicato il 30 Settembre 2014

      Anonimo
    • Le domande sul rapporto terapeuta-cliente per me sono sempre molto interessanti, perche ho sperimentato la questione sia da paziente (in terapia come previsto dal mio percorso formativo), sia da terapeuta.
      Le dinamiche di transfert-controtransfert sono molto attive nella relazione terapeutica, e spesso sono la chiave per la risoluzione di situazioni conflittuali del paziente.
      non bisogna dimenticare che il terapeuta non è nè un amico, nè un confidente, ma un professionista il cui compito è aiutare la persona a raggiungere uno stato di benessere, o addirittura operare una vera e propria restaurazione della personalità.
      personalmente e professionalmente apprezzo e valorizzo l'onesta e la sincerità del legame profondo che riesce a creare un terapeuta che sfugge alla collusione con la richiesta di "amico a pagamento".

      Pubblicato il 15 Settembre 2014

      Logo Dott.ssa Valentina Barbetta

      5 Risposte

      12 Valutazioni positive

    • Buonasera,stò attraversando lo stesso problema e mi trovo molto confuso,anzi se fosse possibile avere dei pareri a riguardo

      Pubblicato il 10 Agosto 2014

      Giorgio
    • Verissimo, un P e un T non possono avere rapporti al di fuori dello studio e del setting. Però senza esagerare, se mi trovo al bar sotto lo studio e vedo un paziente che è in attesa proprio li davanti, lo invito a prendere un caffè ... Il paziente può volere bene al terapeuta ma anche il terapeuta vuole bene ai propri pazienti. Io ad esempio voglio bene a tutti i miei pazienti, ma anche qui, bisogna fare molta attenzione a non confondere il tipo di sentimenti. I sentimenti amicali, amorosi o cose simili vanno gestiti e interpretati nella dinamica paziente analista - transfert-controtransfert e comunque sempre affrontati nel corso della terapia.
      Non dobbiamo dimenticare che il transfert è utilissimo alla terapia, sia se esso è positivo sia se è negativo.

      Pubblicato il 28 Maggio 2014

      Logo Dr. Domenico Bumbaca, Psicoanalista

      26 Risposte

      26 Valutazioni positive

    • Buonasera... io parlo da paziente anzi EX paziente... gli psicologi veri quelli che fanno il loro mestiere con passione e amore al solo scopo di stare vicino ascoltare consigliare il proprio paziente sono molto ma molto rari da trovare e sono quelli che quando sanno che il proprio paziente compie gli anni gli mandano un sms di auguri sul cell sono quelli che quando il proprio paziente è disperato dalla paura di non farcela gli mettono una mano sulla spalla e gli dicono non preoccuparti sono qui io x aiutarti sono quelli che quando ti viene una crisi di panico in studio fanno di tutto x farti tornare il sorriso sono quelli che quando gli dici che l'indomani opereranno il tuo cane ti dicono di mandargli un sms dicendogli come è andato l'intervento..... sono molto ma molto rari da trovare anzi come psicologi mi sa che sono estinti (esperienza personale!!!).... caro claudio prova a rivolgerti a un counselor hanno tutta un altra mentalità e modo di lavorare degli psicologi ti troverai molto più capito e apprezzato che non da uno psicologo e non ti verranno nemmeno più in mente queste domande non sentirai piu il bisogno che uno psicologo ti dia l'affetto di un padre xke lui ti apprezzerà come persona e anche x te sarà uguale.... anche li xo cerca la persona giusta quella che più ti corrisponde come carattere anche!!! in bocca al lupo

      Pubblicato il 26 Dicembre 2012

      Anonimo
    • Io penso che per aiutare il prossimo si deve dare anima e cuore, non si puo aiutare il prossimo con la certezza di un rapporto freddo, perchè sarebbe controproducente e antisociale; per lavorare con la gente è fondamentale creare un rapporto basato sull' impegno sociale e sulla ricerca di cose nuove che possano creare la condivisione di gioie tra il terapeuta e il paziente.

      Pubblicato il 04 Settembre 2012

      aniello
    • Buongiorno Claudio,

      come già ampiamente sottolineato dai miei colleghi precedenti, non può esistere una relazione di tipo personale tra paziente e psicoterapeuta, ma solo "professionale". E' indispensabile che non vi siano relazioni amicali o sentimentali ai fini dell'efficacia della terapia; quindi al di fuori del setting dello studio non si possono frequentare, andare a cena o a bere il caffè......ovviamente è possibile che il paziente provi sentimenti/emozioni verso il terapeuta, in questo caso è meglio parlarne direttamente in terapia.
      Saluti,

      dott.ssa Silvia Guglielmetti

      Pubblicato il 28 Maggio 2012

      Logo Dott.ssa Silvia Guglielmetti

      19 Risposte

      13 Valutazioni positive

    • QUANTO SCRITTO ("è vero che..") E' CONFORME AL codice deontologico degli psicologi che viene condiviso pure a livello internazionale tuttavia quanto scritto rientra anche nel codice etico di chi svolge la professione delicata di psicoterapeuta. In ogni caso per evitare incomprensioni ed eventuali ambiguità è sempre bene parlare col proprio psicoterapeuta delle proprie posizioni: sentimenti e pensieri sulla relazione impostata
      dr zucconi a udine

      Pubblicato il 28 Maggio 2012

      Logo Cav. prof. dr Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

      1088 Risposte

      1419 Valutazioni positive

    • Gentile Claudio,
      quello che scrive è tutto vero. La psicoterapia, di qualunque approccio sia, vieta qualsiasi rapporto intimo come quelli che ha descritto. Questo per una questione tecnica. Il terapeuta deve cercare di essere il più neutrale possibile al fine di favorire il transfert del paziente. Se rispondesse al questo transfert non si tratterebbe più di un terapeuta dato che non avrebbe più la possibilità di aiutare il paziente stessa. Inoltre, i contatti che ha descritto dovrebbero essere ofggetto di segnalazione all'ordine di appartenenza del terapeuta perchè scorretti. Saluti cordiali

      Pubblicato il 28 Maggio 2012

      Logo Alessandro Degasperi

      91 Risposte

      39 Valutazioni positive

    • Buon giorno Claudio, si è vero che il terapeuta deve attenersi a queste regole, in alcuni casi può fare eccezione se sono bambini e quindi, il terapeuta può dare del tu. Con questo non si diventa comunque amici, occorre mantenere l'assetto relazionale anche dopo che sia finita la terapia. Il transfert del paziente può essere discusso in terapia se crea degli ostacoli all'alleanza terapeutica ,il controtransfert lo usa il terapeuta per orientarsi nel corso della terapia.
      Cordiali saluti dott.ssa Silvia Parisi di Torino

      Pubblicato il 24 Maggio 2012

      Logo Dr.ssa Silvia Parisi Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa Torino

      44 Risposte

      25 Valutazioni positive

    • Caro Claudio

      Quello che chiede/afferma è tutto corretto. Terapeuticamente è corretto che venga mantenuta una distanza "utile" al lavoro di psicoterapia, questo non vuol dire che il terapeuta debba essere freddo distaccato e asettico come si teorizzava in passato. In terapia è normale ed importante che si sviluppi uno stato di profondo affetto e vicinanza tra le due parti, questa però deve poter permettere al terapeuta di essere anche scomodo, a volte causa di dolore per il paziente. Il terapeuta deve essere utile, non simpatico al paziente. Non bisogna mai dimenticare che la relazione terapeutica dovrebbe ricoprire tutte quelle valenze emotive ed affettive che in qualche modo sono state causa di dolore nella vita del paziente, permetteno però poi un distacco tale da poter permettere una vita autonoma e integra senza il supporto/sostegno del terapeuta. Insomma, è importante mettere le rotelle alla bici per insegnare a recuperare la fiducia in sè stessi e nella vita, sapendo che però poi le rotelle andranno staccate, tollerando la paura e il dolor di eventuali cadute.

      Grazie e buona giornata

      Dott. Goffredo Luigi Bordese, Centro di Psicologia Clinica, Pavia

      Pubblicato il 24 Maggio 2012

      Logo Dott. Goffredo Luigi Bordese

      17 Risposte

      36 Valutazioni positive

    • Salve Claudio,
      ebbene ci sono delle regole deontologiche che tutti i professionisti iscritti all'albo sono tenuti a rispettare!
      Può capitare di incontrare un paziente ad un convegno, per starda o anche al supermercato, e l'educazione vuole che ci si saluti, ma andare al ristorante insieme, coccolarsi, scambiarsi effusioni proprio non sono comportamenti da professionisti seri!
      Un saluto.
      Dott.ssa Marianna Vallone. Roma

      Pubblicato il 24 Maggio 2012

      Logo Marianna Vallone

      108 Risposte

      44 Valutazioni positive

    • Buongiorno Claudio,

      tutto ciò che ha scritto è corretto, ovvero la relazione terapeutica comporta un setting nel quale possono emergere delle emozioni e dei sentimenti così come in ogni altro rapporto interpersonale fuori dallo studio ma soprattutto nel caso della sfera sessuale è chiarito fin dall'inizio che non verranno agiti.
      I vissuti emotivi diventano elementi sui quali lavorare insieme in terapia.
      Sarebbe quindi il caso che lei ne parlasse con il suo terapeuta.
      Cordiali saluti, Dott.ssa Barbara Testa

      Pubblicato il 23 Maggio 2012

      Logo Dott.ssa Barbara Testa

      71 Risposte

      42 Valutazioni positive

    • Salve Claudio,
      concordo anch'io con i miei clienti, quello che dice è tutto vero, i confini vanno rispettati e la relazione terapeutica deve restare terapeutica e non può diventare qualcosa di diverso. Quello che mi chiedo è: come mai queste domande?
      Saluti.
      Dr.ssa Alfonsina Pica, psicologa e psicoterapeuta

      Pubblicato il 23 Maggio 2012

      Logo Dott.ssa Alfonsina Pica

      102 Risposte

      64 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande