Perdonare un tradimento

Inviata da Paola · 11 ago 2016 Terapia familiare

Dopo 10 anni di convivenza, 15 di fidanzamento e uno splendido figlio desiderato stavamo finalmente preparando il nostro matrimonio. Cominciano ad arrivarmi lettere anonime inizialmente puerili e prive di alcun riferimento dopodiché a due giorni dalle nozze una foto del mio compagno in strada con un'altra. Lui mi spiega che ha dato un passaggio dalla palestra a questa donna ed è disposto a farmi parlare con lei. Lei gli regge il gioco, io le credo ci sposiamo. Ma le lettere continuano ad arrivare e dopo estenuanti ricerche scopro che hanno avuto rapporti nei mesi precedenti al matrimonio. Lui pentitissimo le ha provate di tutte per non perdermi. Mi sento devastata e sola. Lo amo ma non mi fido più. Come posso perdonare un tradimento?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 AGO 2016

Cara Paola
sicuramente tutta questa storia di suo marito con quella persona deve essere stata un'avventura credo senza implicazioni sentimentali, altrimenti lui non avrebbe chiesto a lei di "reggergli il gioco" delle finte spiegazioni per non far saltare il matrimonio, così come l'altra non avrebbe accettato di farlo.
Forse, proprio in procinto del matrimonio suo marito si è sentito "fragile" e ha ceduto a questo impulso trasgressivo.
Detto questo, credo che il vero problema sia non tanto il tradimento agito, quanto questa immaturità di fondo di suo marito e la capacità di mettere in atto un "mascheramento" del fatto che implica manipolazione delle persone e volontà di mentire a oltranza.
Quindi credo che lei abbia bisogno di comprendere bene questi aspetti della personalità di suo marito in quanto la fiducia data e rinnovata deve basarsi su conoscenza e consapevolezza dei problemi.
Forse l'aiuto di un terapeuta può essere davvero importante.
Un caro saluto Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6957 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 AGO 2016

Buongiorno Paola,
Lei dice: lo amo, ma non mi fido più". Per poter valutare se fidarsi è un bene è opportuno comprendere quanta fiducia si ha in se stessi per potersi meritare e onorare di mantenere un rapporto che come ogni rapporto è frutto di scambio.
Cordiali saluti
Studio dr. Gramaglia Giancarlo
Torino

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

479 Risposte

205 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 AGO 2016

Gentile Paola,
premesso che non comprendo fino in fondo la cautela di organizzare un matrimonio dopo ben 25 anni di conoscenza del partner, ritengo che il tradimento sia sempre espressione di un malessere spesso covato e ignorato da molto tempo senza aver avuto l'umiltà o l'intuizione di farsi aiutare a comprendere le cause di questo malessere qualora non fossero evidenti sì da spingere i due partners a comunicare su di esso per trovare da soli una soluzione.
Ora il problema non è tanto se perdonare o non perdonare ma piuttosto capire appunto cosa ha reso insoddisfatto suo marito spingendolo ad agire questo comportamento.
Per questo motivo è senz'altro consigliabile una psicoterapia di coppia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6976 Risposte

19370 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 AGO 2016

Paola...errare è umano, perseverare è diabolico.
L'ha fatto con una.
Se lo rifarà, allora probabilmente non è stato un caso, ma la tendenza a "diversificare" ce l'ha per carattere, e in quel caso, deciderai.
Coraggio

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

406 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 AGO 2016

Gentile Paola,
purtroppo la volontà di perdonare spesso non va di pari passo con la vera accettazione di quanto ci è accaduto. Il tradimento ha spesso una ragione ben precisa che va ricercata all'interno del sistema coppia oltre che nel profondo di ciascuno di noi. Rappresenta un messaggio, un passaggio tra il prima e il dopo, rappresenta un punto di svolta. Per capire quale cambiamento potrà esserci all'interno della vostra storia sarebbe utile esplorare le ragioni profonde che la spingono a perdonare oppure a rifiutare quest'uomo. Altrettanto utile sarebbe comprendere le stese ragioni profonde che hanno portato suo marito ad agire in questo modo. Mi permetto di consigliarle di rivolgersi ad un collega della sua zona che possa supportarla e guidarla alla scelta più giusta per lei in questo difficile momento.
Un caro saluto
Dott.ssa Laura Tullio

Dott.ssa Laura Tullio Psicologo a Ciampino

15 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 AGO 2016

Buonasera Paola, per come ha posto la domanda sembra quasi che abbia solo la scelta di attuare questo perdono ma non sa come farlo, e quindi chiede a noi. La inviterei, invece, a riflettere un pò di più su di lei, le sue aspettative, bisogni, valori, etc. e su come questi riferimenti interni agiscono all'interno del vostro rapporto. Perdonare è lecito (anzi, è uno dei valori più importanti, visto che, tra l'altro, tutti sbagliamo), tuttavia per attuare questa bella modalità relazionale bisogna esserne convinti (emotivamente), e non farlo "solo" per il figlio, perchè ci si è sposati da poco, perchè si teme di rimanere da soli, etc. Queste, eventualmente, sarebbero proprio le basi per una coppia non troppo solida ed i problemi si potrebbero ripresentare in futuro. Provi, dunque, a riflettere su di Sè, su cosa vuole, di cosa ha bisogno. Chiarito (possibilmente) questo dovrebbe avere un confronto diretto con suo marito per chiarire se la vostra relazione possa continuare, magari su basi un pochino diverse, oppure no. Nel caso non riuscisse ad avere un pensiero su di Sè diverso e profondo, potrebbe esserle di aiuto una terapia di sostegno.
Buona fortuna
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

712 Risposte

1049 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84450

Risposte