Perché odio le altre donne e sono gelosa in maniera ossessiva?

Inviata da Anomina. 13 feb 2018 · 5 Risposte · Aggressività

Salve, ho un problema che mi affligge ormai da diversi anni, detesto le persone del mio stesso sesso.
Non solo le reputo stupide, anche in confronto a me (anche se non mi reputo particolarmente intelligente), le trovo scontate, subdole e viscide, pronte a tutto per ottenere i propri scopi.
Questo problema si presenta sopratutto quando sono fidanzata, non penso che il mio partner possa tradirmi, o almeno non all'inzio, penso che possa trovarle attraenti o interessanti magari, ma credo che non arriverebbe all'atto del tradimento.
Ma questo per me risulta intollerabile, sono stanca, non mi godo il mio rapporto perché ovviamente con lui evito di parlarne il più possibile, perché riconosco che questo sia un mio problema, ma esce fuori spesso, quando parlando mi escono commenti poco carini anche contro chi non conosco e lo faccio piena di rabbia per bisogno di sfogarmi... Ho la costante sensazione che tutte siano pronte a 'provarci' con il mio ragazzo, e quando succede davvero e ne ho le prove lui ignora le avance perché mi rispetta ma io ho comunque una rabbia fortissima verso lui e l'altra. al livello proprio di voler inveire fisicamente contro la tipa di turno.
E' una cosa che mi fa stare malissimo e che non lascia spazio alla mia serenità.. Non so cosa fare ne a chi rivolgermi, dato che non so se sarei pronta ad iniziare un percorso di psicoterapia..

Argomenti simili

5 Risposte

  • Miglior risposta

    Si potrebbe iniziare anche rigirandoci delle mail. Non penso si sia mai pronti a fare un percorso di psicoterapia.
    Contattami se vuoi.

    Pubblicato il 14 Febbraio 2018

    Logo Studio Dott.ssa Antonazzo Floriana Zora

    74 Risposte

    46 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12650 Psicologi a tua disposizione
    • 13900 Domande inviate
    • 63450 Risposte date
    • Buongiorno, alcune volte teniamo il confronto con le altre persone perché abbiamo una qualche paura (ad es. paura di perdere la relazione) che ci crea un forte disagio. Questa paura potrebbe essere legata ad una propria insicurezza.
      Parlarne con uno psicologo potrebbe essere molto utile; attraverso un percorso psicologico potrebbe comprendere i motivi di questo disagio ed elaborare modalità alternative per farci fronte.
      Saluti
      Anita Martellacci

      Pubblicato il 15 Febbraio 2018

      Logo Dott.ssa Anita Martellacci
      Dott.ssa Anita Martellacci Rosignano Marittimo

      10 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • Cara anonima....sarei interessata a sapere chi, nella tua infanzia, aveva quelle caratteristiche negative che hai descritte

      Pubblicato il 14 Febbraio 2018

      Logo Emozioni Umane - Dott.ssa D. Papadia

      476 Risposte

      258 Valutazioni positive

    • Buongiorno.
      Come sarebbe bello se gli altri facessero ciò che ci aspettiamo e vogliamo... già ma questo non è possibile. Ciò può creare frustrazione, fastidio, rabbia... che cosa è disposta a tollerare? La possibilità per Lei di stare meglio può passare solo attraverso il cambiamento altrui? È questo che si aspetta? Pensare così le consente di continuare a fare ciò che fa ma a mantenere questa stessa situazione. Mi spiace, ma non si può sperare in cambiamenti se non si è disposti prima di tutti a un proprio cambiamento. Ciò che questo blocco o rifiuto possono portare è molto probabilmente manipolazione, controllo e rabbia... Lei può avere le Sue motivazioni nel pensare di meritarsi un po’ di giustizia, ma il modo in cui cerca di portare avanti ciò non è quello più adeguato a garantirle di stare bene...
      Le auguro di concedersi di trovare il modo per accettare una psicoterapia.
      In bocca al lupo
      Cari saluti

      Pubblicato il 14 Febbraio 2018

      Logo Dott.ssa Ilaria Gisondi
      Dott.ssa Ilaria Gisondi Trezzano sul Naviglio

      69 Risposte

      12 Valutazioni positive

    • Tipico blocco edipico. Rivale: la mamma (le donne). Uomo conteso: papà (il compagno). Da elaborare in psicoterapia. Ciao

      Pubblicato il 14 Febbraio 2018

      Logo Dott. Luciano Malerba

      100 Risposte

      22 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande