Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Perché odio mia madre? Non capisco il motivo, né come rimediare!

Inviata da Anna il 2 apr 2017 Terapia familiare

Salve.
Ho 26 anni, non mi manca quasi nulla e non ho traumi alle spalle. Soffro molto il rapporto con mia madre da quando sono piccola e non capisco perché.
Da bambina non la cercavo mai, se non per il minimo indispensabile. Ad ogni modo ho solo bei ricordi con lei. Sono sempre stata molto legata a mio padre, che se n'è andato di casa quando avevo 18 anni dopo che lui e mamma hanno provato (senza risultati) a vivere da separati in casa. Sia mamma che papà hanno altri compagni adesso, io vivo con mamma ma vedo papà quasi tutti i giorni. Non sono più legata a lui come lo ero una volta.
La loro separazione è stata brutta, si comportavano come bambini, si mettevano le mani addosso davanti a me, si insultavano e piangevano per ore. E' stato un sollievo quando hanno divorziato, ma dato che a casa si respirava ancora un'aria pesante, appena finito il liceo me ne sono andata, ho vissuto fuori per 5 anni.
Due anni fa, un po' per motivi economici, un po' perché mia madre mi ha quasi pregata, sono tornata a vivere a casa, con l'intenzione di ripartire il prima possibile. Da quando sono tornata mi sento in gabbia. Non ho la testa vuota: sono laureata, insegno e lavoro come freelance.
Odio il fine settimana perché mamma non lavora e devo "sopportarla" a casa: lei al contrario è ossessiva con me. Ha comprato un cane nonostante io l'avessi pregata di non farlo, io credo l'abbia fatto per darmi una scusa per rimanere. Non mi ha mai fatto mancare nulla, e glielo riconosco, ma la odio con tutta me stessa.
Se cerco motivi che me la fanno odiare, mi vengono in mente questi: lei è gelosa di tutte le donne della mia vita, amiche, nonne, zie...cerca sempre di allontanarle da me con le buone o le cattive, parla male di loro per ore, le insulta...e se cerco di difenderle mi urla addosso che sono sua nemica, che sono una stupida. Solo quando riesce ad allontanarmi da loro si calma.
Mi chiama ingrata ogni 2 giorni senza che io capisca il perché, mi ha sempre ripetuto quanto fossi brutta (SO BENE di NON esserlo, e non capisco perché me lo dice!), vuole sempre sapere quanti soldi guadagno, quanti ne spendo e come li spendo, non fa altro che ripetermi che non so guidare (non è vero, so di saper guidare bene). Una volta sono tornata a casa dicendole di aver preso una piccola botta al paraurti e lei sembrava indemoniata (i miei fratelli prendono multe e riportano la macchina rotta a casa ogni settimana, lei non dice nulla), si è strappata i capelli dalla testa urlando che sono stupida e che l'unica cosa che posso guidare è una bicicletta, costringendomi ad "ammettere" ad alta voce che sono incapace di guidare, e si è calmata SOLO quando ho minacciato di uccidermi buttandomi dal balcone. Non credo l'avrei fatto sul serio, ma a volte ci ho pensato, ed è stato sempre in relazione a lei.
Una cosa che odio di lei è che si lamenta in continuazione, non è mai contenta, è sempre arrabbiata quando non c'è nessun motivo per esserlo!! Lei sminuisce ogni cosa che mi riguarda, ogni cosa che dico/faccio non va bene, ogni volta che ho febbre/influenza/mal di testa devo solo "ringraziare che non ce l'ha lei!" Preciso che lei va a lavoro la mattina e torna la sera tardi, io lavoro ad orari scolastici e sono più libera, le faccio trovare la casa sempre pulita e in ordine ogni sera. Si lamenta che non pulisco bene, ma non ha niente da ridire sul mio vivere a casa. Quando le dico che me ne vado di nuovo mi fa "e a me a casa chi mi aiuta?"
A volte mi chiede opinioni su qualcosa, e quando la mia opinione diverge dalla sua mi dà ironicamente della filosofa, poi della stupida, poi piange. Cosa piangi!?!?
Mi sento soffocare quando c'è lei. A volte penso di impazzire, letteralmente, e non posso permettermi uno psicologo, ma sto "tirando avanti" sapendo che tra qualche mese mi trasferisco dall'altra parte del mondo, e non ho intenzione di tornare. Vorrei solo sapere se c'è un modo di stare serena quando c'è lei, io so che mi vuole bene, a modo suo, ma forse l'unico modo per vivere bene è stare lontane.
Grazie a chi risponderà

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Bé cara Anna, da una parte dici che non sai perché odi tua madre, dall'altra racconti di lei cose terribili. Anche se fra qualche mese ti allontanerai ti consiglio qualche incontro con uno psicologo. Puoi rivolgerti alla tua Asl se non puoi permettertene uno privato. Sarà un percorso che ti aiuterà, soprattutto in vista della tua prossima lontananza che, spesso non risolve i conflitti mentre invece è importante per te capire. Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte