Non riuscire a dormire a causa di un pensiero che riguarda l’addormentarsi

Inviata da Davide one 0987 · 2 giu 2020 Insonnia

Salve , sono adolescente e soffro da circa 1 mesetto di insonnia dovuta ad 1 pensiero fisso : pensare al momento in cui mi addormenterò, ovvero passare dal momento di veglia a quello del sonno , per poi non dormire .
Tutto è iniziato quando era già da un po’ che avevo problemi a dormire , dovuti al fatto che non avendo nulla da fare in quarantena a giocavo fino a tardi alla PlayStation e avendo videolezioni dormivo poco , tutto sommato tiravo avanti le mie orette poi le facevo anche durante la giornata , inoltre in quel periodo stavo male del fatto che facendo palestra e seguendo una dieta in quel periodo non vedevo grossi risultati .
Una notte , non riuscendo a dormire , pensai a tutte le cose a cui nuoce il non dormire , da quel momento addio .
Da quello notte pur non velendola pensare prima di addormentarmi nella fase di veglia , anche se stanchissimo , non riesco a dormire a causa di quel pensiero ; il passaggio dalla fase di veglia al sonno , addirittura mi capita di avere addormentati tutti i muscoli , ma di non dormire a causa di quel pensiero che mi provoca una strana sensazione in fronte , una sensazione difficile da spiegare che mi prende ogni volta che penso a questo la parte superiore della fronte .
In passato ebbi problemi di insonnia a causa di paure che avevo riguardo fantasmi , spiriti , ma basta che andavo dai miei genitori o si faceva giorni e dormivo , crescendo queste paure sono stati ampiamente superati .
Diciamo che in questo mese sono stato circa 20 giorni di fila che riuscivo a dormire anche quelle 7 ore facendo dalle 3 alle 7 per poi riprendere dalle 7 alle 10 , ma anche durante il giorno mi imparando del fatto di non dormire la notte successiva a causa di quella domanda , è il mio tormento diciamo .
Mi rifiuto di prendere farmaci o altre schifezze anche perché ripeto il mio problema non è rilassarsi ,ma altro .
Ho notato anche che su Facebook esiste una pagina seguita da 3.000 persone chiamata proprio con il mio problema e questo mi tranquillizza del fatto che forse non sono del tutto pazzo e che questo problema mi passerà.
Ho provato di tutto , autoconvirmi che se anche non dormo non mi succede nulla , cercare di pensare che quella sensazione in faccia sia dovuta ad altro, pensare a cose a caso prima di dormire ma nulla .
Come potrei fare per uscirne SENZA USO DI FARMACI ?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 GIU 2020

Caro Davide,
come tu stesso hai potuto constatare dalla pagina Facebook che hai trovato, l’insonnia e le difficoltà nell’addormentamento sono problemi che possono riguardare un gran numero di persone e possono essere causati da diversi fattori di cui possiamo essere consapevoli o meno. Secondo quanto hai scritto queste problematiche si sono presentate durante la quarantena, periodo in cui giocavi fino a tardi alle PlayStation, ti alzavi presto per seguire le videolezioni e ti sentivi un po' scoraggiato per la mancanza dei risultati sperati in seguito all’attività fisica e alla dieta che seguivi. La nostra mente e il nostro corpo possono rispondere in vari modi ai momenti di stress, alle preoccupazioni e alle emozioni che proviamo. Non sempre si provano stati d’animo, di cui siamo consapevoli, che riflettono le nostre emozioni e le nostre preoccupazioni; spesso può accadere che sia il nostro corpo ad inviarci segnali sottoforma di sintomi fisici per allertarci su qualcosa che non va come dovrebbe o sulla presenza in noi di emozioni o preoccupazioni specifiche. Nel tuo caso, i problemi di addormentamento potrebbero essere dovuti sia ad un’alterazione dei ritmi sonno-veglia dovuti ai videogiochi e alle videolezioni, sia ad una diminuzione della stanchezza accumulata durante il girono (in quarantena si è più statici e si bruciano meno energie), sia al pensiero intrusivo che ti accompagna durante i tentativi di addormentamento che sicuramente concorre ad aumentare il tuo stato di attivazione e di allerta e ne è allo stesso tempo conseguenza (circolo vizioso). Ritengo che, per questo problema, potrebbero tornarti utili alcune strategie, prima di ricorrere ad aiuti esterni o ad un parere professionistico. Potresti cercare di spendere più energie durante la giornata (soprattutto adesso che ci è permesso uscire) evitando riposini diurni e uno stile di vita troppo statico. In secondo luogo, potresti provare a dedicarti ai videogiochi e alla play station in un altro momento della giornata, considerando che, è stato provato, che queste attività possono essere correlate ad attivazione mentale e diminuzione del bisogno di sonno. Infine, potresti concentrarti sul pensiero che ti assilla nel momento dell’addormentamento provando a chiederti cosa succederebbe, nella peggior ipotesi, se anche non riuscissi a dormire (scegliendo un preciso orario della giornata in cui pensarci, e restando su questo pensiero per 15 minuti; ogni volta che questo pensiero ti sorprende in un altro momento lo dovrai allontanare per riprenderlo nell’orario scelto). A volte, quando riusciamo a ridimensionare le conseguenze relative alle nostre paure, anche queste ultime ci sembrano meno spaventose. Se questi disturbi dovessero protrarsi tanto da interferire con la vita di tutti i giorni e da crearti un disagio significativo, puoi sempre considerare l’idea di rivolgerti a un/a professionista psicologo. Oltre ai farmaci infatti ci sono molte terapie utili a superare l’insonnia.
Un caro saluto

Synesis Psicologia® Psicologo a Carnate

103 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 GIU 2020

Caro Davide, descrivi una difficoltà di iperattività mentale che fatica a rallentare e mollare la presa a fonte di un buon rilassamento fisico, sembra, almeno a volte. Prima di tutto in modo molto naturale potresti evitare la pessima abitudine di giocare fino a tardi con la Play o simili. Ricerche scientifiche anche recenti hanno confermato ciò che il.buon senso ci dice : attivare fortemente per molte ore la corteccia cerebrale in orari in cui al contrario dovrebbe iniziare gradualmente a rallentare è controproducente per un buon sonno notturno. Quindi gioca di giorno, mai troppo a lungo, ma mai di sera- notte ( e allora il peso alla fronte passerà)
Se fai attività fisica durante il giorno bene,ma considera che stancare il corpo anche con lavori fisici impegnativi ( oltre alla palestra) è un ottimo stile di vita e ha ricadute positive sul sonno. Ci sono poi molte abitudini che aiutano : un bagno caldo anche con aromi distensivi ( lavanda ad esempio) o avere sul comodino olii essenziali rilassanti ( ce ne sono molti: scegli quelli che ti piacciono), imparare a rilassare il corpo concentrandosi sulla sensazione degli arti e facendo ruotare l'attenzione dal braccio destro, gamba destra,gamba sinistra, braccio sinistro, testa, e di nuovo.... e altre. Se vuoi approfondire sono a disposizione ma, mi raccomando,smetti di sospettare di essere pazzo, come accenni nel tuo scritto. Niente di grave, solo abitudini poco sane. Buon cambiamento e buon riposo!

Gemma Facchinetti Psicologo a Bergamo

37 Risposte

32 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Insonnia

Vedere più psicologi specializzati in Insonnia

Altre domande su Insonnia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16900

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85850

Risposte