Mia moglie mia odia

Inviata da Gigio · 10 feb 2022 Terapia di coppia

Buonasera,
una premessa alla mia storia:
Mia moglie è di nazionalità cinese, io sono Italiano, abbiamo vissuto in Thailandia, Cina e ora viviamo in Australia per via della mia professione.
Abbiamo due figli e da quando ci siamo trasferiti in Australia mia moglie è peggiorata, non fa altro che lamentarsi di avermi sposato e di aver messo al mondo i nostri figli.. è sempre stata molto dura ed è praticamente impossibile ragionare con lei, bisogna solo darle ragione ed è sempre e solo colpa mia di tutto, lei non sbaglia mai. Io assecondo tutto, anche perché nella mia situazione lei può prendere i bambini e svanire in Cina, dove io come padre laowai (straniero) valgo meno di 0. Non so più cosa fare, faccio un lavoro di grossa responsabilità, ma ultimamente sta diventando irrazionale, non vuole che vada in business trip se non con lei e i bambini, quando i viaggia hanno sempre fatto parte della mia professione (una volta viaggiavo anche di più!!). Il weekend praticamente scompare, o si chiude in camera o va a fare shopping e io rimango con i bambini. Per lei il mio lavoro è uno svago, si lamenta che non ha amici, ma non ha mai legato con nessuna persona che le abbia mai presentato.. con me alza anche le mani di fronte ai bambini, mi offende e mi svilisce, in casa sono un paria, ma ingoio tutto per il succitato motivo dei figli, che per me sono tutto. Tra l’altro è una madre molto fredda, sono io quello che coccola e da dolcezza ai bambini. Sto cedendo, non ce la faccio più..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 FEB 2022

Buonasera,
La motivazione di stare assieme per i figli,in certe situazioni, non ha alcun fondamento. È da tempo dimostrato che il perdurare di situazioni altamente conflittuali e di violenza fisica o psicologica tra i coniugi danneggia i bambini. Quindi le consiglio di informarsi legalmente su come mettere fine a questa situazione: la presenza di un terzo, un rappresentante della legge, che possa mettere ordine e normare i rapporti familiari, sarebbe estremamente disangosciante per i suoi figli. Le consiglio anche di capire, tramite un percorso personale, che cosa la blocchi nel procedere in tal senso o anche solo nel reagire agli attacchi di sua moglie. Non parlo ovviamente di un reagire speculare, sullo stesso livello di violenza, ma di una presa di distanza da questa situazione tramite azioni concrete. Non giova sicuramente ai suoi figli vedere un padre inerme di fronte ad una madre sregolata e onnipotente, si ricordi che i bambini si identificano e introiettano i modelli genitoriali.
Mi tenga aggiornata,
Cordialmente
Dottoressa Poli

Dottoressa Teresa Poli Psicologo a Gorgonzola

12 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 FEB 2022


Salve Gigio,
innanzitutto grazie per aver condiviso la propria esperienza.
Noto che sta vivendo una situazione molto pesante da diversi punti di vista.
Sua moglie sta esercitando una fortissima pressione psicologica sia perché la sminuisce come uomo (in ambito privato e lavorativo) sia perché la porta ad avere una costante paura di perdere i propri figli. Se questa condizione è anche accompagnata da episodi sporadici di violenza fisica le sconsiglio una terapia di coppia o mediazione familiare ma piuttosto un percorso psicologico individuale che la porti a riconoscere la propria condizione di assenza di potere all’interno della coppia e a fornirle gli strumenti giusti per reagire.
Raccontare quello che le sta accadendo è già un passo molto importante, non si fermi qui.

Un caro saluto!

Dott.ssa Consuelo Manfreda Psicologo a Trieste

6 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Salve Gigio, perchè non provare a capire che succede provando a proporvi un percorso per migliorare la vostra vita di coppia? in questo modo puoi da una lato fare in modo di comprendere insieme a lei le difficoltà che sta vivendo sua moglie e eventualmente mettersi in gioco anche lei su cose che magari possano far scattare questa distanza che si è venuta a creare di cui non si rende conto. Ricreare una vicinanza emotiva, riconnettersi ,permette una comunicazione più sana ed una gestione dei problemi della vita in una modalità collaborativa e non di colpevolizzazione dell'altro.

Dott. Andrea Caso Psicologo a Piano di Sorrento

63 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Caro Gigio,
La situazione che descrive e' davvero pesante, e la comprendo bene, anche perche' lavoro spesso con italiani all'estero e mi sembra Lei descriva una situazione che si crea abbastanza comunemente quando uno dei due partner si trasferisce a causa del lavoro dell'altro. Trovarsi a dover fare i conti con un nuovo paese/cultura/lingua, e' spesso difficile, ma ancor di piu' se il trasferimento e' stato "subito" piuttosto che scelto. Questo naturalmente non giustifica il comportamento di sua moglie, ma puo' esserne una spiegazione. Da quanto descrive, sembra probabile che su questa situazione si siano innescate anche altre problematiche preesistenti.
Capisco la sua preoccupazione per i bambini, d'altra parte che vivano in una simile atmosfera e che assistano ad umiliazioni e abusi di un genitore sull'altro, e' una situazione dannosa anche per loro. Le consiglio di far ricorso ad un professionista che Le dia il supporto necessario a trovare un nuovo modo di gestire la situazione. Come Lei si sta rendendo conto, continuare a subire in silenzio non e' una strada che si puo' percorrere troppo a lungo.
Sicuramente ci sara' ampia disponibilita' di professionisti vicino a Lei, ma qualora servisse, io lavoro online.
Un caro saluto,
Francesca Calvano

Dott.ssa Francesca Calvano Psicologo a Roma

82 Risposte

86 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Buongiorno Gigio,
percepisco che lei si trova in una situazione molto difficile e delicata. Lei non vede un modo di risolverla, si sente scoraggiato, disperato e sente che non c'è la fa più. Nel rivolgersi a noi ha fatto un primo passo verso una implicita richiesta di aiuto. Un secondo passo sarebbe fare un colloquio con uno psicoterapeuta qualificato per valutare l'inizio di una psicoterapia.
Ritengo che assieme al terapeuta lei riuscirà ad esaminare la sua situazione in modo ampio e profondo e ciò permetterà di vederla da altre angolature. Con la visione più allargata vedrà che ci sono modi per cambiare e risolvere la situazione in cui lei si trova la quale al momento le sembra senza una via di uscita.

Dr. Gilberto G. Villela Psicologo a Roma

387 Risposte

155 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Buongiorno Gigio,
comprendo la sofferenza e il disagio che questa situazione le sta comportando. La strategia di ingoiare tutto ha un tempo breve: può essere controproducente per la sua salute psicofisica, nonché per il funzionamento relazionale di coppia.
La incoraggio a farsi aiutare per poter affrontare con il miglior equilibrio possibile la situazione. Se sua moglie fosse consenziente potrebbe essere molto utile seguire un percorso insieme.
Sono disponibile anche online.
Resto a disposizione e le auguro il meglio
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

1289 Risposte

712 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Buongiorno signor Gigio
mi dispiace per la sua situazione, che per come la descrive sembra davvero difficile da sostenere. Come saprà molto bene, cambiare paese in cui si vive può essere molto destabilizzante, ma lo è ancora di più quando lo si vive in modo "passivo", cioè non per scelta propria o seguendo un proprio progetto, ma, come è per sua moglie, seguendo quello di un'altra persona.
Sua moglie avrebbe certamente bisogno di essere seguita da un/una psicoterapeuta, se fosse disponibile. Ma anche lei, signor Gigio, potrebbe trarne grande beneficio, per trovare sostegno e per trovare insieme al suo/ sua terapeuta le strategie migliori per rapportarsi con sua moglie e con il suo disagio.
La saluto cordialmente augurandole di trovare serenità per lei è per la sua famiglia. Resto a disposizione, anche online.
Dott.ssa Carlotta Basurto

Dott.ssa Carlotta Basurto Psicologo a Roma

11 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Buongiorno Gigio,
capisco che la situazione che sta vivendo sia veramente difficile per lei da sostenere.
Certamente, le differenze culturali possono essere di ostacolo, nonché d’arricchimento per i voi come coppia ma anche per i vostri figli.
Ha provato proporre a sua moglie un aiuto di coppia da un professionista. Uno spazio in cui potete condividere la vostra esperienza e magari guardare con occhi diversi le difficoltà che state incontrando. Uno spazio neutrale e privo di giudizio.
Rimango a disposizione anche per una consulenza online.
Dr.ssa Laura Chiuselli

Dr.ssa Laura Chiuselli Psicologo a Pesaro

81 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2022

Salve Gigio, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

1402 Risposte

429 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 33950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20250

psicologi

domande 33950

domande

Risposte 115900

Risposte