Io quando mangio affogo

Inviata da Cristian · 10 mag 2016 Nevrosi

Ciao a tutti, è da un pò di tempo che mi affogo mangiando e devo bere per mandare giù il cibo. Mi sono accorto anche che quando mi rimane il cibo alla gola io respiro ancora....non so che fare mi potete aiutare?
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Prenota subito un appuntamento online a 49€

Ricevi assistenza psicologica in meno di 72 ore con professionisti iscritti all’ordine e scegliendo l'orario più adatto alle tue esigenze.

Miglior risposta 18 MAG 2016

Gentile Cristian, come suggerito dai colleghi, quando c'è un sintomo fisico la prima cosa da fare è contattare un medico per valutare un possibile problema di salute fisica.
Se il medico esclude una patologia medica, allora si inizia a valutare quali possono essere le cause psicologiche del sintomo.
Potrebbe essere un sintomo causato da un funzionamento ansioso e da pensieri dolorosi legati all'alimentazione e al tema del controllo, ma prima di questo è importante escludere le patologie mediche.
Ne parli con il suo medico di base per trovare il medico più adatto a una diagnosi specifica.
Spero di esserle stato di aiuto, non esiti a scrivere per ulteriori dubbi.
Cordiali saluti.
Dr. Valerio Celletti

Studio di Psicologia Cognitiva e Sessuologia - Dr. Valerio Celletti Psicologo a Milano

44 Risposte

231 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2016

Ciao Cristian,
Io sono Cecilia, capisco che è una cosa che ti crea molto disagio, ma vorrei capire meglio cosa ti succede, ti va di spiegarmelo ? Quando ti succede? Come ti senti? Ciao, Cecilia

Dott.ssa Cecilia Angeli Psicologo a Albiate

9 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2016

Buongiorno, si rivolga prima di tutto ad un medico per valutare eventuali cause organiche: c'è anche la possibilità possa essere l'effetto collaterale di qualche farmaco (se ne assume per altri motivi). Solo dopo aver escluso cause organiche, su può passare ad una valutazione psicologica. Buona fortuna,

Daniela Origo

Dott.ssa Daniela Origo Psicologo a Abbiategrasso

5 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 MAG 2016

Questo sintomo somiglia molto al cosiddetto "bolo isterico". Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca di venire a galla e che tentiamo di reprimere. Può anche voler indicare che siamo contrari a qualcosa, ma non osiamo esprimerlo e quindi non riusciamo a mandare giù ciò che non ci piace. Al contrario può essere legato a qualcosa che non vogliamo "ingoiare" e dunque ci resta in gola dandoci la sensazione di soffocamento. Ricordo che il cibo ha notevoli valenze simboliche.

Resto a disposizione
dott.ssa Chiara Pica

Dott.ssa Chiara Pica Psicologo a Grosseto

316 Risposte

471 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2016

Caro Cristian
sono portata a credere (anche se di certo dei controlli medici non farebbero male), che questo tuo sia un "blocco" che si è somatizzato a partire da situazioni stressanti e da forte ansia.
Ti sarebbe molto utile apprendere una tecnica di rilassamento.
La migliore, a mio avviso, è il Training Autogeno di J.H.Schultz (basterebbero alcuni esercizi).
Prova a riflettere attentamente su tutte le situazioni presenti nella tua vita che non riesci a "mandare giù" e pensa anche a tutte quelle cose che vorresti dire alle persone e però non le dici..... riesci a trovare una "traccia" psichica e simbolica rispetto al tuo sintomo?
Uno psicoterapeuta ti aiuterebbe a trovarla!
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3083 Risposte

7826 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2016

Salve Cristian,
bisogna prima di tutto escludere le cause organiche. Potrebbe trattarsi di un problema gastrico. Personalmente le consiglio di contattare un gastroenterologo e solo successivamente di preoccuparsi di un eventuale causa psicologica.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Piera Del Prete Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Napoli

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAG 2016

Dovrebbe rivolgersi prima di tutto ad un medico otorinolaringoiatra.
Lui considererà eventuali problemi di scarsa salivazione (verificando lo stato delle ghiandole salivali con opportune analisi).

Solo se verranno escluse le cause organiche potrebbe rivolgersi ad uno psicologo, per una valutazione psicologica o neuropsicologica.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

307 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Nevrosi

Vedere più psicologi specializzati in Nevrosi

Altre domande su Nevrosi

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 37100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 22050

psicologi

domande 37100

domande

Risposte 128850

Risposte