Ho bisogno di tornare a credere in me stessa!

Inviata da Mara · 27 set 2018 Autostima

Salve,
ho 32 anni e, da circa cinque anni, sto vivendo il periodo più buio della mia vita, perché sto inseguendo, in maniera ossessiva, un sogno professionale, che è ancora lontano dal realizzarsi. Ho sempre vissuto solo per lo studio (lo so, questo è stato il primo errore!). Lo studio, per me, ha rappresentato una sorta di evasione dalla realtà, un modo per dimostrare a me stessa che, con sacrificio, impegno e spirito di abnegazione, avrei potuto realizzare tutti i miei obiettivi e andare via dal mio piccolo paese, che detesto con tutta me stessa. Sono sincera, perché non ho paura di scavare dentro me stessa, lo studio è stato anche lo strumento che ho utilizzato, per eccellere, forse, ho sempre voluto dimostrare di essere la migliore non perché più intelligente, ma perché capace di sacrificarmi. Ciò ha fatto sì che il mio percorso di studi fosse costellato di ansia e di dolori, perché ho constatato, fin dalla prima elementare, che molti conseguivano il mio stesso risultato con minore sforzo e pur non essendo esasperatamente ligi al dovere. Pertanto, ho subito sviluppato un senso di inadeguatezza, ritenendo che avessi bisogno di impegnarmi al massimo, per ottenere risultati. Ovviamente, ciò ha, spesso, inficiato la mia performance. E, tuttavia, ho concluso tutti i vari cicli scolastici, il mio percorso universitario, la formazione "post lauream" con il massimo dei voti. Però, quando ho dovuto affrontare il concorso che rappresenta lo scopo della mia vita, qualcosa si è inceppato. E' un concorso che prevede un limite massimo di tre consegne e questo ha contribuito ancor di più a caricarmi d'ansia. L'ho affrontato, per la prima volta, nel 2014 e, già ai tempi, mi sentivo troppo grande, perché l'anno precedente, il concorso non era stato bandito e, quindi, io lo stavo affrontando con un anno di ritardo rispetto a molti partecipanti (addirittura, con due anni di ritardo rispetto a coloro che avevano fatto la primina). La prima volta, non ho avuto il coraggio di consegnare ed è stato un dramma, per me e per tutti i miei parenti e conoscenti, perché non si capacitavano di questa mia decisione. Alla luce di ciò, l'anno successivo, nonostante avessi pochissima lucidità, ho consegnato, andando incontro alla prima bocciatura della mia vita. Credo di non aver ancora realizzato di essere stata bocciata, mi fa ancora così male quella sconfitta da non averla realizzata pienamente. Dopo questa bocciatura, mi sono immediatamente rimessa sui libri e mi sono presentata a tutti i successivi concorsi, senza mai avere il coraggio di consegnare, come a voler dire al mondo: io ci ho provato una volta, per farvi contenti, ora, si fa a modo mio e, finché non avrò la certezza di aver scritto tre elaborati ineccepibili, io non rischierò. E, però, così sta passando il tempo e i miei genitori, che in parte hanno ragione, non mi danno tregua: non possono più sostenere i costi della preparazione, in più, temono che possa accadere loro qualcosa e quindi vorrebbero avessi una mia indipendenza economica. Questo, però, li induce spesso a dire che, ormai, sono grande; che dovrei mollare, se non ho le capacità per superare questo concorso; che dovrei accontentarmi di esercitare la professione, per la quale sono già abilitata. Queste frasi sono una pugnalata alla mia autostima, già molto fragile. Sono convinta di essere una fallita e il fatto che me lo ribadiscano mi annienta e, soprattutto, ciò carica ancora più di paura il concorso. Io, nel profondo, credo di meritarla di farcela più di chiunque altro, perché ho dato la vita per lo studio e, però, questi sentimenti che mi corrodono l'anima vanno a minare anche la mia preparazione. Negli ultimi anni, proprio per cercare di riappropriarmi della mia vita, ho tentato di fare anche qualche altro concorso(molto pochi, per la verità), ma ho affrontato tutti i concorsi con la convinzione di non farcela, dato che per gli stessi non ho tanto tempo per prepararmi, e, ovviamente, si concludono con un'evitabile sconfitta (anche perché, durante la prova concorsuale, penso già a come dover giustificare la sconfitta ai miei e al resto del paese). In più, ogni volta che tento di fare un concorso diverso, incombe su di me l'idea del fallimento, perché, se avessi superato quel concorso, non sarei costretta a partecipare a concorsi per i quali non ho il minimo interesse. In più, in tutti questi anni, quando partecipavo al mio concorso, mi dicevo: ma se consegno, spreco un'altra possibilità, mentre Tizio ha ancora tutte le possibilità e potrebbe ancora partecipare e vincerlo, sebbene non abbia mai studiato rispetto a me. E sì, perché sto sviluppando una forte acredine nei confronti di coloro che riescono a realizzarsi, pur non essendosi mai impegnati. Come faccio a spezzare questa catena, a uscire da quest circolo vizioso? Io non voglio arrendermi, perché sono convinta di avere le qualità per farcela, ma devo liberarmi da questi blocchi psicologici e devo lasciare che la gente non mi ferisca. Qualche mese fa, ad esempio, una mia parente ha detto che, se sono arrivata a 32 anni senza aver concluso nulla, allora, non ho le capacità per farlo. So che non è così, so che questa tizia è solo una persona cattiva e meschina, ma parole come queste mi feriscono, mi lacerano dentro. Io so di valere, l'ho dimostrato in tutti questi anni, ma ora è tempo di agire. Devo superare le mie paure, voglio riacquistare la mia proverbiale "forza di volontà", vedermi così, fallita, senza lavoro, in balia degli eventi, mi distrugge. Certo, studio tutto il giorno e tutti i giorni, ma voglio essere serena e non so come farlo, dato che non posso nemmeno allontanarmi da casa, dipendo economicamente dai miei. Non capiscono che, con le loro parole, invece di spronarmi, non fanno altro che allontanarmi dall'obiettivo. E non voglio permettere che ciò accada, voglio essere indifferente alle critiche altrui. Confido in una vostra risposta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 SET 2018

Gentile Mara, purtroppo si è innescato il meccanismo per cui davanti ad un concorso è inondata dal timore di fallimento e dalle conseguenze catastrofiche dello stesso, ciò ovviamente inficia pesantemente la sua effettiva performance favorendo il permanere nella stessa posizione. Ciò crea sofferenza anche per il fatto che su questo ambito della sua vita ha investito molto, ergendolo ad elemento fondante della sua identità. Sarebbe consigliabile un percorso psicologico per interrompere i meccanismi che favoriscono i suoi blocchi. Le auguro buona fortuna!

Dr.ssa Graziella Pisano, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Frattamaggiore (NA).

Dott.ssa Graziella Pisano Psicologo a Frattamaggiore

138 Risposte

3791 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2018

Gentile Mara,
innanzitutto le persone non sono tutte uguali e può succedere che alcuni raggiungano il suo stesso risultato con un minore impegno e sacrificio ma questo non è un buon motivo nè per sentire rabbia e acredine nei loro confronti nè per scoraggiarsi ed avere un crollo dell'autostima come invece sembra accadere a lei.
Anche il temere troppo i giudizi negativi degli altri è un indice di livello basso di autostima.
Tuttavia è ugualmente sbagliato pretendere sempre il massimo dalle proprie performances.
Pertanto le suggerisco un percorso di psicoterapia preferibilmente cognitivo-comportamentale per migliorare il suo livello di autostima e risolvere i suoi problemi.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2018

Gentile Mara,
sembra essersi instaurato per lei un circolo vizioso da cui non riesce ad uscire, nonostante in teoria riconosca di avere le capacità per raggiungere buoni risultati. Certamente le pressioni esterne non aiutano e contribuiscono a minare la sua già fragile fiducia in se stessa.
Afferma di non aver ancora elaborato la prima sconfitta, il primo insuccesso: penso che occorra proprio ripartire da lì, capire cosa si è bloccato dentro di lei e iniziare da quel punto un lavoro di rafforzamento della sua autostima e autoefficacia.
Un percorso psicoterapeutico le potrà essere di grande utilità.
Se lo desidera rimango a disposizione.
Un cordiale saluto,
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

471 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2018

Gentilissima Mara,
le sue parole esprimono in maniera molto lucida tutta la sua sofferenza e la sua angoscia. I primi insuccessi specie se dopo un percorso caratterizzato da impegno e dedizione sono estremamente dolorosi. Ora si sente bloccata in una gabbia di paure e di pensieri negativi che però possono essere contrastati.
Credo che potrebbe davvero essere molto utile per lei rivolgersi ad un terapeuta che sappia incoraggiarla e aiutarla a ritrovare la fiducia in sé stessa.

In bocca al lupo!
Cordiali saluti

Dott.ssa Ponziani

Dott.sa Francesca Ponziani Psicologo a Bologna

27 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2018

Gentile Mara,
sembra essersi instaurato per lei un circolo vizioso da cui fatica ad uscire, nonostante in teoria riconosca di avere le capacità per raggiungere i suoi obiettivi. Certamente poi le pressioni esterne che vive non aiutano.
Afferma di non aver elaborato la prima sconfitta, il primo insuccesso: penso che sia necessario ripartire proprio da lì per affrontare quell'evento e da lì iniziare un lavoro di rafforzamento della sua autostima e autoefficacia che le permetterà di riprendere in mano la sua vita e di non sentirsi tanto ferita dagli attacchi esterni.
Un percorso psicoterapeutico le sarà di grande utilità.
Se lo desidera rimango a disposizione.
Un cordiale saluto,
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

471 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte