Ho 22 anni e non so cosa e se ci sia qualcosa di sbagliato in me

Inviata da rubytuesday · 10 giu 2022 Autorealizzazione e orientamento personale

Buongiorno, sono una ragazza di quasi 22 anni e vi scrivo perché mi ritrovo a vivere un periodo della mia vita segnato da un fastidioso senso di ineguatezza, che credo mi sia stato incollato addosso dagli altri e in generale dall’ambiente che mi circonda, più che da me stessa. Ho sempre avuto coscienza del fatto di sentirmi più grande della mia età, mentalmente, relazionalmente e a livello di interessi. Non so se possa essere una questione semplicemente caratteriale o frutto della mia infanzia, segnata dalla depressione di mia madre durata quasi dieci anni, che infine mi ha lasciata (è deceduta) quando avevo 15 anni. Ho sempre avuto una figura paterna più che eccellente e presente ogni attimo della mia vita, che ha saputo sopperire alla mancanza, e che è ad oggi la persona più importante per me e vero punto di riferimento, l’unico a prendersi cura di me mentre io mi prendo sempre cura di tutti gli altri. Ho fin da piccola sviluppato interessi un po’ più “di nicchia” rispetto a quelli dei miei coetanei: già fin dai 12 anni ho iniziato ad ascoltare musica rock anni 60/70 in modo del tutto spontaneo, e quello è stato l’inizio della mia etichetta da persona “strana”. Ho conosciuto online la maggior parte delle persone che ad oggi reputo i miei veri amici (che ho anche incontrato più volte personalmente), e ad accomunarci sono sempre stati questi interessi un po’ “inusuali” per la nostra giovane età. Sono rapporti che coltivo da dieci anni e che non si sono mai interrotti, rapporti che reputo importanti in quanto ho il puro piacere di parlare con queste persone, di avere scambi con loro su ogni tipo di argomento, e se solo li avessi vicino mi sentirei una persona assolutamente normale con la propria cerchia di amicizie. Chiaramente, ho amici anche nella città in cui vivo, ma sono pochi, tuttavia mi va bene così e ciò non rappresenta un problema per me. Non mi sono mai sentita a disagio nel vivere la mia vita come ho sempre voluto, cioè in un modo che agli altri appare più “isolato” rispetto allo standard: non mi piace per nulla frequentare le discoteche o posti molto affollati (talvolta mi sono forzata ad uscire dalla mia comfort zone ma con esiti spiacevoli per me), in generale mi sento un pesce fuor d’acqua con molti (non tutti!) dei miei coetanei che non trovo per nulla stimolanti, ma non sono comunque una persona timida al tal punto da non proferire parola se mi trovo con gli altri, anche sconosciuti. Anzi, sono molto amichevole e alla mano, mai sgarbata, e mi piace far sentire a proprio agio gli altri se si trovano in mia compagnia, cosa che vorrei che facessero con me, ma per la maggior parte del tempo le attività e gli interessi dei miei coetanei evidenziano semplicemente il divario che percepisco tra me e gli altri. Sono molto selettiva. Chi mi conosce bene mi apprezza, mi sento molto ben voluta da quelli a cui voglio bene a mia volta, e sono apprezzata e cercata in continuazione, mai isolata, probabilmente anche ammirata per come sono. Credo di avere una sana autostima: a livello estetico mi reputo assolutamente nella norma, a livello caratteriale forse mi sento anche “meglio” di altri. Non in un modo snob, semplicemente penso di avere una personalità ben definita e una certa coerenza di pensiero e scelte di vita; (sicuramente mi piacerebbe essere mia amica, se io non fossi me!). Il problema sorge ultimamente, nel momento in cui anche le persone più adulte quale padre e parenti prossimi hanno cominciato (sicuramente in buona fede) a sottolineare con insistenza il fatto che “una ragazza della mia età DOVREBBE fare certe cose, tipo uscire spesso, andare in discoteca, frequentare i suoi coetanei”. Io per la maggior parte del tempo sto a casa e mi dedico alle cose che mi fanno stare bene: film, musica, letture, serie tv e studio dato che sono al terzo anno di università. Si aggiunge il fatto che ho un fratello adolescente che sta iniziando a vivere le sue esperienze da 16enne “standard” e sembra quasi che lui stia vivendo ed io no. Questo mi pesa molto perché i giudizi altrui sul mio modo di vivere la realtà mi fanno sentire sbagliata: riconosco di essere “diversa”, ma ciò non mi fa stare male, anzi mi fa stare male qualunque tentativo io faccia per cercare di omologarmi e provare ad essere come gli altri si aspetterebbero che fossi. Semplicemente non ci riesco poiché non lo trovo naturale e spontaneo. Sto covando dentro il sogno di cambiare città, trasferirmi all’estero e ricominciare la mia vita da zero, magari in compagnia di una persona a me cara. Mi piacerebbe avere dei pareri da persone competenti e capire cosa poter fare in questa situazione. Vorrei capire se davvero c’è qualcosa che non va in me, se ho bisogno di uno psicologo. Vi ringrazio per aver speso del tempo nel leggere quella che è solo una parte della mia storia, e vi auguro una buona giornata.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 GIU 2022

Ciao, piacere di conoscerti. Mi permetto di darti una mia impressione sulla storia che hai riportato. Chiedere se si è sbagliati o meno è come chiedere se è più bello il sole o la luna. Entrambi, anche se in forma diversa, hanno fascino e bellezza. La stessa cosa vale per gli umani, quello che dico sempre io è che ogni persona è una costellazione. Interessi e passioni costituiscono una parte di questa costellazione, si aggiungono poi le credenze, i valori, i pensieri, le emozioni e tutto quello che fa di una persona una persona. È con questa ottica che potrebbe essere, probabilmente, possibile cogliere e accogliere le diversità, anche laddove tutto ci appare come una grossa macchia. L'occasione che la nostra mente ci dà per poterci relazionare con gli altri. Non sempre è una questione dicotomica del tipo "meglio o peggio" o "giusto o sbagliato".

Anche se sufficiente ricco di informazioni, dal tuo racconto è difficile concludere se "c'è qualcosa che non va". I tuoi cari forse (e dico forse) si accorgono di aspetti che non riesci a notare, percepiscono una qualche forma di sofferenza (anche questa e un'ipotesi) e arrivano alla loro conclusione. Non ti consiglierei uno Psicologo perché "sei sbagliata", ma, piuttosto, affinché tu possa monitorare le tue consapevolezze. Per essere consapevole del perché hai certe preferenze, come mai sei selettiva, come mai il giudizio degli altri ha questo peso ecc. In modo che tu possa, in modo consapevole e funzionale, prendere le tue decisioni rispetto alle cose. Quindi si, sentire uno Psicologo non potrebbe fare niente altro che bene.

Spero che la mia restituzione ti possa essere utile in qualche modo, resto a disposizione. Un abbraccio virtuale.

Dott. Francesco Ferraiuolo

Dott. Francesco Ferraiuolo Psicologo a Cardito

13 Risposte

50 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2022

Salve, mi dispiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo quanto possa essere difficile convivere con questa situazione riportata. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi e disfunzionali che mantengono in atto la sofferenza impedendole il benessere desiderato.
Ritengo altresì utile un approccio EMDR al fine di favorire la rielaborazione del materiale connesso con la genesi della sofferenza in atto.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Anonimo-181068 Psicologo a Roma

1811 Risposte

530 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2022

Buongiorno Ruby,
sai, dal tuo racconto non mi ha risuonato nulla di “strano”…Piuttosto una ragazza consapevole di cosa le piace e cosa no, coerente con i suoi obiettivi e desideri. Una sorta di disagio sociale lo si potrebbe sentire anche in completa conformità ambientale, soprattutto laddove tale conformità sia dettata dalle norme piuttosto che dalla propria attitudine. Ciò che mi è sembrato emerge preponderante è un tuo bisogno di narrazione e probabilmente anche di rielaborazione, forse semplicemente per permetterti più chiarezza e serenità. E se lo vorrai resto a disposizione. Spero di esserti stata utile.
Ti auguro di prenderti cura di te.
Un caro saluto
Dott.ssa Myria Laghi

Dott.ssa Myria Laghi Psicologo a Porto d'Ascoli

254 Risposte

227 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2022

Ciao, capisco assolutamente i suoi dubbi.
Da quanto si legge si comprende che necessiti di chiarezza e "rassicurazioni" rispetto a queste parti di te.
Probabilmente parlarne con qualcuno ti aiuterebbe anche a verbalizzare alcuni eventi della tua vita di cui hai scritto.
Rispetto alla parte di entrare o meno in relazione con il mondo esterno... questa sei Tu, problematico diventa se tali modalità messe in atto da te non ti "piacciono più" e diventano negative per te stessa.

Dott.ssa Paradisi Benedetta Psicologo a Spello

78 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36450

domande

Risposte 124050

Risposte