Non so cosa c'è che non va in me

Inviata da Anonymous · 6 dic 2021

Ciao. Innanzitutto mi scuso per il mio pessimo italiano perché non sono nativo. Spero che il mio messaggio possa essere compreso.

Ad essere onesti, non sono sicuro da dove cominciare, quindi inizierò descrivendo un po' di me stesso e spiegando cosa provo in questi ultimi mesi. Sono una studentessa universitaria di Psicologia e attualmente studio in Italia come studente di scambio per un semestre. Pensavo che andare in Italia e vivere da solo mi avrebbe aiutato a guarire, ma si è scoperto che la mia tendenza a pensare troppo, l'ansia e l'insicurezza peggiorano. Non ho mai avuto problemi con i social media, ma ora è molto difficile per me aprire i social media perché posso essere davvero insicura e sentirmi come se fossi molto inferiore, quindi odiandomi, poi odiandomi ancora di più per odiarmi. Sono indeciso tra sentirmi come se i social media fossero una piattaforma molto tossica, quindi devo smettere, e sentirmi come se fossi io quello debole e avrei dovuto imparare a essere più forte e condividere cose utili sui social media. Mi vergogno di me stesso perché non riesco a sopportare la pressione. Ho sempre sognato di poter condividere ciò che imparo durante il corso di psicologia attraverso i social media perché penso che sarà utile, ma ora che ho problemi con l'insicurezza, non so come posso farlo. Ho anche sognato di scrivere una storia di fantasia che possa trasmettere messaggi significativi sui problemi di salute mentale, ma ora è molto difficile per me scrivere perché la maggior parte delle volte la mia mente è occupata da tanti pensieri e mi sento sopraffatta. Mi piace anche scrivere nel mio diario privato, ma ora è abbastanza difficile per me esprimere i miei sentimenti. Sembra che qualcosa mi stia impedendo di essere autentico e creativo, e questo mi fa sentire ancora più sconfitto. Lo stress sta peggiorando perché oltre a essere nella fase di trovare ciò che voglio veramente fare nella vita, frequento anche tre corsi nella mia università in Italia mentre faccio anche la mia tesi finale dall'università di origine, e sono il coordinatore del mio negozio online di famiglia.

Sono il secondo figlio e l'unica figlia nella mia famiglia. Ho un fratello maggiore che ha due anni più di me. Mio fratello sta attualmente lavorando, ma non è contento del suo lavoro e spesso si sente depresso. È più espressivo di me nel mostrarsi ogni volta che si sente stressato. Pertanto, i miei genitori sono spesso preoccupati per lui. I miei genitori mi raccontano spesso di essere preoccupati per mio fratello. Mio fratello mi racconta spesso di sentirsi depresso per la crescita, il lavoro e altre cose. Sono visto come quello "sano" e "stabile" nella mia famiglia. Ogni volta che cercavo di mostrare il mio lato vulnerabile, i miei genitori dicevano spesso qualcosa del tipo: "Ah, sono sicuro che ce la farai perché sei sempre riuscito a risolvere il problema da solo". Questo è molto diverso rispetto a come avrebbero reagito a mio fratello. Nei confronti di mio fratello, l'avrebbero preso più sul serio, gli avrebbero parlato e lo avrebbero aiutato a capire le cose.

Una piccola storia di fondo. Fin da quando ero bambino, ho visto i miei genitori litigare molto. Di solito, mio ​​fratello sarebbe quello che ha cercato di interrompere la rissa, mentre il mio compito è fingere di non capire cosa sta succedendo mentre, sinceramente, sono andato in bagno e ho pianto da solo. Dopo essere uscito dal bagno, facevo finta di non sapere niente e mi comportavo allegramente, perché pensavo, se mi fossi comportato anche da cupo, la situazione sarebbe peggiorata. Uno degli eventi più traumatici della mia vita è alla fine del 2018, la mia amata nonna è morta. Racconto breve, i miei genitori hanno litigato durante il funerale e hanno quasi divorziato. I miei genitori hanno fatto sedere me e mio fratello per parlare del divorzio. Era disordinato. C'era un sacco di urla e colpi. A quel tempo, mio ​​fratello si era arreso e aveva detto che non gli importava se i miei genitori volevano divorziare. Sono stato io a pregare i miei genitori di non divorziare. Alla fine, i miei genitori hanno annullato il piano di divorzio. Una settimana dopo, mio ​​fratello si è ammalato ed è andato in ospedale per tre settimane, quindi ho dovuto prendermi cura di lui perché i miei genitori stavano lavorando. Guardando indietro a questo momento, penso sempre che non ho mai avuto la possibilità di piangere normalmente. Anche il mio psicologo ha detto la stessa cosa (sono andato al servizio di consulenza della mia università tre volte. Tutti dopo la morte di mia nonna). Penso anche che a causa di questo evento, mi sento più facilmente depresso, anche se mi è sempre stato facile sentirmi depresso.

Prima che mia nonna morisse, ero molto attivo nell'attività della mia scuola. Ero il presidente del consiglio studentesco e l'ultima volta che mia nonna è venuta a casa mia, ero troppo impegnata con la mia attività che non ho avuto la possibilità di passare del tempo con mia nonna. Questo mi fa sentire davvero in colpa - avrei dovuto passare più tempo con lei. Per questo motivo, ho evitato la posizione di "alta responsabilità". Ho rifiutato l'offerta di essere il presidente per l'organizzazione nella mia università. Ho anche rifiutato alcune offerte di essere il capo supervisore nell'attività della mia università.

Ma penso che nessuno sappia del mio fardello tranne il mio ragazzo, perché anche se mi sento depressa, eccello ancora nella mia università accademicamente. Inoltre partecipo ancora alle organizzazioni della mia università e alle attività non accademiche (anche se rifiuto sempre il ruolo di presidente/relatore).

E anche se ho così tanti amici, non mi sento in grado di parlare con loro perché ogni volta che provo a mostrare il mio lato vulnerabile, immediatamente "rifuggerebbero" da me. Sembra che non siano a loro agio con me che mostri il mio lato vulnerabile e preferiscano il mio lato "perfetto". Questo è il motivo per cui sono anche una persona molto perfezionista perché sembra che non vengo accettato se non sono perfetto.

Mi scuso per la mia lunga scrittura che è molto dispersa. Ci sono davvero tante cose che vorrei dire, ma non so come articolarle tutte in questo forum. Sento solo che qualcosa non va in me, ma non so da dove cominciare.

So che avrei dovuto andare da un professionista se voglio un'assistenza completa. Ho provato a contattare il servizio di consulenza della mia università italiana, ma dopo un mese sono ancora in coda. Ho solo bisogno di aiuto ora su cosa dovrei fare in attesa del mio turno.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 DIC 2021

Gentile,
certamente traspare la voglia di ripresa e la consapevolezza di dover affrontare alcune cose del suo passato per sentire in lei più sicurezza.
Mi rendo conto che la normalità paragonata ai social sia davvero difficile da digerire e che l'aspirazione di fare qualcosa di nuovo e diverso nel mare di persone che si sanno mostrare possa essere fonte di ansia e paure.
Ma è dall'autenticità che le persone si lasciano agganciare e incuriosire e questo imparerà a scoprirlo nel suo lavoro.
Parta dalle sue paure e provi a cominciare proprio da queste. Per il resto, se può esserle utile, resto a disposizione per consulenze online. Insieme potremmo sottolineare tutte le sue insicurezze e rendere fonte di forza e ripartenza per se stessa e per le sue aspirazioni future.
Un grande buona fortuna,
Dott.ssa Simona Delli Santi

Dott.ssa. Delli Santi e Dott. Cinieri Psicologo a Oria

186 Risposte

114 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 DIC 2021

Buongiorno,
Comprendo il disagio che sta vivendo in questo momento, come anche lo spaesamento che essere in un paese estero può dare nell'affrontare queste problematiche di cui parla.
Le consiglierei di intraprendere un percorso psicologico per identificare delle strategie utili per affrontare al meglio questo problema e per affrontare la situazione generale che fa soffrire.
Resto disponibile (anche online) se vorrà dedicarsi un suo spazio personale di ascolto.
Cordialmente

Dr.ssa Maria Beatrice Brancati

Dott.ssa Maria Beatrice Brancati Psicologo a Padova

376 Risposte

94 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 DIC 2021

Gentile,
seguo con attenzione il disagio che stai vivendo in questo momento. Ritengo sia utile un consulto psicologico al fine di esplorare al meglio le dinamiche in cui vivi per elaborare i tuoi sentimenti ed i tuoi vissuti partendo soprattutto da te stessa. Rimango a disposizione se vorrai crearti uno spazio tuo personale di ascolto e supporto al fine di esplorare le dinamiche, i sentimenti e i tuoi vissuti al fine di trovare delle strategie efficaci per affrontarli.
Cordialmente
Dott.ssa Giulia Lanaro

Dott.ssa Giulia Lanaro Psicologo a Noventa Vicentina

11 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 DIC 2021

Buongiorno,
Seguo con attenzione la tua preoccupazione.
Ti consiglierei di intraprendere un percorso psicologico per cercare di gestire al meglio questa situazione che ti fa soffrire emotivamente.
Resto disponibile se vorrai crearti uno spazio tuo personale di ascolto e supporto.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1788 Risposte

553 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 DIC 2021

Salve, mi spiace molto per la situazione ed il disagio espresso e comprendo bene quanto possa essere difficile con questa situazione. Ritengo che possa essere utile un consulto psicologico per esplorare la situazione con maggiori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un percorso cognitivo comportamentale possa esserle utile per identificare quei pensieri rigidi, negativi e disfunzionali che le impediscono il cambiamento desiderato e mantengono in atto la sofferenza espressa.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Anonimo-181068 Psicologo a Roma

1811 Risposte

530 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36450

domande

Risposte 124050

Risposte