Giudizi personali

Inviata da Jessica Mango. 6 dic 2017 · 9 Risposte · Autostima

Ciao a tutti,sono Jessica e ho 36 anni.
Ho una domanda a cui non riesco a darmi una risposta.
Tutti dicono che per vivere bene non bisogna dare peso a ciò che la gente pensa di te...bene... Ma se la persona che pensa male di te,per una determinata situazione,è te stessa? Non si può tornare indietro e non commettere gli errori... Ma se quegli errori ti pesano come un macigno a tal punto di pensare male di te...come si fa? Arrivare al punto di perdere l’autostima e ritenersi un ipocrita....

9 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Jessica,
    si consoli al pensiero che l'errore è come una medaglia con due facce : da un lato ci crea sofferenza e danno, dall'altro ci dà l'opportunità di imparare delle cose e servircene per il futuro.
    Nessuno vorrebbe sbagliare volontariamente per cui quella cosa che in seguito si rivelerà sbagliata, in quel momento è sembrata la cosa migliore da fare per il semplice fatto che non vi erano altre risorse da poter utilizzare.
    Se è possibile si può provare a riparare ma se non è possibile riparare si può solo andare avanti facendo più attenzione.
    In ogni caso, è indispensabile riuscire a perdonarsi senza portare con sè inutili e dannosi sensi di colpa.
    Qualora ciò risultasse troppo difficile da fare, può essere reso più facile con l'ausilio di un percorso di psicoterapia.
    Cordiali saluti.
    Dr. Gennaro Fiore
    medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

    Pubblicato 07 Dicembre 2017

    Logo Dott. Gennaro Fiore

    4598 Risposte

    13289 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12200 Psicologi a tua disposizione
    • 12950 Domande inviate
    • 61100 Risposte date
    • Gentilissima, a volte si insinua in noi un ' persecutore interno' che ci giudica, ci abbatte, ci depotenziante. Occorre una modalità diversa di osservare se stessi, perdonandosi, ma spesso è difficile senza un aiuto esterno da parte di un professionista che sa utilizzare le giuste modalità per aiutarti a gestire il nemico numero uno, noi stessi. La consulenza breve strategica adotta un metodo efficace e flessibile.
      A disposizione.
      Alessandra Dottoressa Monticone

      Pubblicato Ieri, 12 Dicembre 2017

      Logo Dott.ssa Monticone Alessandra

      36 Risposte

      8 Valutazioni positive

    • Buongiorno Jessica
      La sento molto arrabbiata con sé stessa e sofferente.
      Gli errori appartengono al nostro essere umani ed imperfetti. É necessario che impariamo a perdonarci e che impariamo a metabolizzarli ed integrarli nelle nostra storia di vita.
      Le suggerisco di parlarne con uno psicoterapeuta di sua fiducia.
      Un caro saluto
      Dott.ssa Fabiana Nicolini

      Pubblicato 11 Dicembre 2017

      Logo Dott.ssa Fabiana Nicolini

      17 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • Cara Jessica, quanto dici sono sintomi, espressioni mascherate di conflitti inconsci.
      Ed è proprio questo il punto: la maggior parte delle persone non sa che la consapevolezza è solo la punta di un iceberg, la parte più importante della nostra psiche è inconscia, cioè non visibile e quindi non controllabile dalla coscienza.
      Perciò parlare di errori è un non senso. Poiché non è la coscienza a determinare, in definitiva, i nostri sentimenti ed emozioni allora non ha senso sentirsi in colpa per " sbagli o errori".
      Occorre conoscere se stessi, intendo la parte profonda.
      Solo allora sarai libera.
      Anche tutta la dinamica familiare trova le sue cause nell'inconscio.
      L'unica scelta razionale è intraprendere un percorso, con l'aiuto di un bravo psicoanalista.
      Con simpatia.
      Dr. Marco Tartari, Roatto Asti

      Pubblicato 07 Dicembre 2017

      Logo Dott. Marco Tartari

      503 Risposte

      241 Valutazioni positive

    • Salve Jessica, siamo essere umani e come tali commettiamo degli errori e per questo tendiamo a giudicarci in maniera molto severa.. ma per poter andare avanti bisogna accettare tali errori come un scelta sbagliata e perdonare se stessi.
      Ma se come dice lei tali errori sono pesanti a tal punto da influire negativamente sulla propria autostima potrebbe essere utile un percoso psicologico.
      Una buona giornata,
      Dott.ssa Luciani Ilaria,psicologa

      Pubblicato 07 Dicembre 2017

      Logo Dott.ssa Ilaria Luciani

      9 Risposte

      1 Valutazione positiva

    • Gentile Jessica,
      Per stare bene bisogna avere un giudizio positivo di se stessa quindi riconoscere i propri limiti ma anche i propri punti di forza. Se è arrivata al punto di non apprezzarsi e se ritiene di avere una bassa autostima, rivolgersi ad uno psicologo sembrerebbe la scelta migliore per recuperare fiducia in se stessi e scoprire nuove strategie per far fronte alle difficoltà. Come ha detto lei, il passato ormai è andato ma dagli errori è vero che si impara, a non commetterli più e a stare meglio. Se non si riesce da soli però un professionista può aiutare.
      Resto a disposizione,
      Dott.ssa Daniela Vinci
      Arluno (MI)

      Pubblicato 06 Dicembre 2017

      Logo Dott.ssa Daniela Vinci

      189 Risposte

      293 Valutazioni positive

    • Gentile Jessica

      La domanda che poni ha in se stessa la risposta in quanto sei stata tu a fornirla.
      "Non si può tornare indietro".
      E questo è vero. Nessuno può tornare indietro per rimediare errori che appartengono al passato. Ma una cosa può essere fatta. Riflettere su ciò che è stato per capire l'errore in modo da utilizzare quest'ultimo come risorsa, come insegnamento, ovvero un'esperienza costruttiva che non ti consentirà di ripetere lo stesso errore in futuro. Credo il problema adesso sia quello di sentirsi congelati nella morsa del passato. Forse un percorso terapeutico potrebbe aiutarti a svincolarti da ciò che è stato per cominciare a guardare al futuro con più serenità attraverso la consapevolezza del presente, dell'imparare a stare ne"qui ed ora".
      Resto a disposizione.

      Pubblicato 07 Dicembre 2017

      Logo Dott. Andrea Guerrini

      22 Risposte

      9 Valutazioni positive

    • Gentile Gessica,
      Tutti commettiamo degli errori più o meno significativi, nessuno ne è esente. La strategia migliore è riparare il danno ossia perdonare se stessi. Se accettiamo che in qualche modo, quanto accaduto era l'unica cosa che potevamo fare allora è possibile voltare pagina e proseguire con la propria vita.
      Se questo macigno è troppo pesante potrebbe pensare di essere accompagnata e sostenuta all'interno di un viaggio terapeutico.
      I miei migliori auguri
      Dott.ssa Donatella Costa

      Pubblicato 06 Dicembre 2017

      Logo Dott.ssa Donatella Costa

      1092 Risposte

      934 Valutazioni positive

    • Buonasera Jessica,
      ognuno di noi deve essere il primo giudice di se stesso, ma è anche vero che tutti nell'arco della propria vita commettiamo degli errori, più o meno gravi. Il segreto per poter continuare ad andare avanti serenamente, non è dimenticare o fingere che quel qualcosa vada bene, ma accettarlo come qualcosa ormai accaduto, che fa parte del passato. Quel che le consiglio è di non essere così dura con se stessa.
      Per qualsiasi informazione resto a disposizione,
      Cordiali saluti.
      Dott.ssa Claudia Giusi Giuffrida

      Pubblicato 06 Dicembre 2017

      Logo Dott.ssa Claudia Giusi Giuffrida

      23 Risposte

      20 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande