Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Gelosia eccessiva e sofferenza per la fine di una storia

Inviata da Carla il 29 apr 2016 Dipendenza affettiva

Sono una ragazza di 21 anni. 5 mesi fa il mio ragazzo, mi ha lasciata perché la relazione era diventata insostenibile. A causa della mia gelosia eccessiva. Litigavamo quasi tutti i giorni pesantemente, io gli ripetevo che faceva schifo, anche se in realtà non faceva niente. Ad esempio si fermava 10 min a parlare con gli amici all'università, mi sentivo trascurata, anche se per il restante tempo eravamo in contatto. Appena si trovava vicino ad una semplice collega universitaria, impazzivo. Stavo male per tutto, avevo reazioni esagerate. Lui continuava a trattarmi bene, ma le mie paure mi impedivano di fare altrettanto, nel senso che creavo sempre litigi. Lo convinsi a tornare insieme giurando che fossi cambiata. Circa due settimane fa mi ha lasciato di nuovo, mi ha detto che mi ama ma non ce la fa più, che non riesce più a vivere. La storia è durata due anni. Io ora vorrei risolvere i miei problemi e cambiare davvero. È possibile riconquistarlo? Mi ha detto che non mi crede più, e che non cambierò mai.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Carla,
è un peccato che tu sia dovuta arrivare a rovinare il rapporto col tuo ragazzo prima di deciderti a chiedere aiuto.
Come hai potuto verificare, per risolvere il tuo problema non bastano i giuramenti e le promesse sincere di cambiamento perchè occorre un buon lavoro di psicoterapia per analizzare e risolvere le in sicurezze profonde annidate nella personalità e per acquisire autostima e congruenza.
Ora questo lavoro devi farlo innanzitutto per te stessa, per non ritrovarti in futuro con lo stesso tipo di problema.
E' possibile che il tuo ragazzo, vedendo che inizi e porti avanti per il tempo necessario una psicoterapia, capisce che ti stai impegnando sul serio e ci ripensa, cosa che ti auguro.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6726 Risposte

18819 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Carla,
Quando si parla di eredità, il pensiero va subito ad associare la parola stessa con i beni materiali. Di fatto l'eredità più importante è quella che ci viene lasciata dalla nostra famiglia e riguarda le modalità relazionali e le strategie con cui risolviamo le situazioni della nostra quotidianità. Ma ciò che va bene in un contesto in cui tutti condividono le regole implicite, potrebbe essere fallimentare in un altro contesto. Le modalità relazionali vanno in questo caso negoziate e non date per scontato. Non so se il suo ragazzo cambierà idea, lei invece può intraprendere un percorso d'aiuto attraverso il quale possa comprendere il perché de suoii comportamenti disfunzionali all'interno della relazione, anche per non ripeterli in futuro,

Dott.ssa Codruta Ileana Terbea Psicologo a Lecce

105 Risposte

186 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Carla
quello che hai descritto ha reso l'immagine perfetta di quello che succede quando l'insicurezza subentra in amore e diventa corrosiva come fosse un acido che consuma tutto.
Ora è inutile pensare di riconquistarlo, non ci sono le basi per poterlo fare.
Lui non è che non ti volesse o che tu non gli piacessi, lui è già conquistato da te, però la storia non può andare avanti in quanto la tua dipendenza e gli stati emotivi negativi distruggono tutto.
Sulla tua dipendenza e mancanza di sicurezza devi lavorare tantissimo cara e devi farlo principalmente per te stessa!
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6816 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Carla, provi a considerare la gelosia come una strategia (più o meno consapevole) emotiva e relazionale. Le emozioni, tra le altre cose, permettono di allontanare o avvicinare un altro significativo. Nel suo caso, quando dice al suo partner che "fa schifo" sta aumentando la distanza emotiva (Perché? Per quale obiettivo emotivo? Di cosa ha bisogno in quel momento? Cosa vuole comunicare a se stessa ed a lui? Etc.), quando è gelosa cerca di diminuire la distanza affettiva (le domande anche qui sono le stesse di poco sopra). Ricordiamoci che se lei ripropone nel tempo sempre la stessa emozione e condotta (gelosia) significa che il suo sistema ne ha tratto un qualche vantaggio (ribadisco, anche inconsapevole) che le ha permesso di raggiungere un obiettivo (per es., immagine di sé di qualche tipo, non stare da sola, avere il controllo relazionale, etc.) e/o evitare qualcosa di percepito come spiacevole (senso di solitudine, senso di abbandono, senso di non farcela da sola, etc.etc.). Però questo è un lavoro che solo in minima parte potrebbe fare da sola. Dovrebbe farsi aiutare all'interno di un percorso psicologico (meglio se psicoterapeutico).
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

683 Risposte

995 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Carla,
il fatto che tu ora ammetta la situazione è un buon punto di partenza per intraprendere un percorso individuale che possa aiutarti a risolvere le tue insicurezze.
Questo soprattutto per te stessa e per prepararti a vivere meglio un rapporto sentimentale, sia che si tratti di una nuova persona sia che tu riesca ad appianare la situazione con il tuo ex ragazzo.
Rimango a disposizione,
Dott.ssa Daniela Vinci
Psicologa e Consulente Sessuale

Dott.ssa Daniela Vinci Psicologo a Arluno

316 Risposte

650 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Carla,
Io dico sempre che la gelosia è un potente afrodisiaco e un importante ingrediente all'interno di una relazione. Ci fa sentire desiderati e importanti per l'altro.
La gelosia è in fonda data dalla paura di perdere qualcosa che sentiamo ci appartiene.
Tuttavia è necessario dosarla accuratamente perché, come accaduto a lei, potrebbe rivelarsi negativa.
Vorrei essere sincera con lei e dirle che potrebbe recuperare la sua relazione ma che questo potrebbe anche non accadere, ciò che conta è che lei prima di ricominciare una relazione affronti questo suo lato e lavori affinché riesca a gestire la sua potente gelosia. In questo modo potrà dimostrare concretamente che qualcosa è cambiato e, che sia con il suo ex o con un altro ragazzo, evitare di ricadere nelle stesse dinamiche.
Le mando i miei più cordiali saluti.
Dott.ssa Ferrari

Dottoressa Federica Ferrari Psicologo a Monza

2 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15850

psicologi

domande 20250

domande

Risposte 80000

Risposte