Perché non riesco a liberarmi da un ragazzo che mi provoca sofferenza?

Inviata da Francesca il 12 nov 2014 Dipendenza affettiva

Buongiorno, ho deciso di scrivere perché da più di un anno ormai va avanti la storia che sto per raccontare e mi sta logorando dentro, la cosa peggiore è che non riesco ad uscirne. Come dicevo, un anno fa ho conosciuto un ragazzo mio coetaneo (19 anni), tramite social network, e abbiamo cominciato a parlare. Io stavo affrontando un periodo non proprio facile della mia vita, lui era appena uscito da una storia che gli aveva causato sofferenza. C'è stato sin da subito un grande feeling e una grande intesa, tanto da coinvolgermi emotivamente pur non avendolo mai visto. Poi sono cominciati i problemi: lui ha iniziato a raffreddarsi, a diventare scostante, a tratti quasi maleducato, trattandomi male senza un motivo valido. I litigi sono diventati frequenti e non ci siamo sentiti per delle settimane. Poi lui torna a cercarmi, mi chiede scusa, ed io, da brava scema, ci ricasco. Riprendiamo a sentirci, tutto sembra andare a gonfie vele, quando lui riprende con i suoi comportamenti distaccati, comincia a frequentare altre ragazze. A me ovviamente la cosa non stava bene, non intendevo proseguire, ma, anche in questo caso, mi sono fatta convincere da lui, che mi diceva che io ero importante e che ci teneva a non perdermi. Andiamo avanti tra questi tira e molla per un anno intero, quando lui, in estate, andando al mare con i suoi amici, si bacia un'altra ragazza. Io ovviamente ci resto male, lui mi rassicura nuovamente dicendo che non vuole perdermi, ma intanto continua a fare i comodi suoi. Io mi allontano, e dopo qualche settimana lui torna di nuovo, dicendomi che si è pentito per quello che ha fatto, che aveva capito che io ero la ragazza giusta per lui e che voleva impegnarsi con me. Decide quindi, due settimana dopo avermi detto queste cose, di salire in auto e venirmi a trovare (vivevamo a 400km di distanza). Io, felice come una pasqua, accetto volentieri, mi preparo con cura all'incontro, con una buona dose di ansia per la paura di non piacergli. Arriva il famigerato incontro, insieme ad una bella doccia fredda. Prima ancora di lasciarmi il tempo di parlare, mi dice che lui si sente "uno spirito libero", che non vuole impegnarsi e vuole divertirsi. Io ci resto malissimo, pensando di non essergli piaciuta, poi alla fine della serata mi bacia, ed io, coinvolta come sono, non riesco a tirarmi indietro. Però poi trovo la forza e gli dico che, stando in quel modo le cose, da me poteva avere solo amicizia. Adesso ci troviamo nella stessa città universitaria, ai primi di ottobre mi contatta dicendomi che si sente molto attratto da me e che gli piacerebbe riprendere a frequentarci per "vedere dove questo ci porta", parole sue, io gli manifesto tutte le mie perplessità, ma alla fine accetto. Poi sparisce per settimane. Lo cerco io e lui prontamente mi invita a pranzo a casa sua, per poi disdire il giorno successivo per un contrattempo. Passano altre due settimana in cui lui non si fa sentire, lo scorso giovedì lo cerco io, lo invito a cena e lui accetta subito, nel frattempo mi dice di essere tornato a casa dei suoi genitori per il weekend. Arriva la domenica e una ragazza di 16 anni che vive nel suo stesso paese pubblica una foto in cui sono insieme, con dei cuori come didascalia. A me puzza subito la questione, e visitando il profilo di lei, mi rendo conto che lui la sta "cucinando" ben bene come ha fatto a suo tempo con me, lei sembra molto presa, non so cosa pensi lui a riguardo, ma ovviamente ci resto male. Mi scuso per la stupidità e, forse, l'infatilità del mio "problema", ma sono entrata in un circolo vizioso da cui non riesco ad uscire, da una parte vorrei lasciarlo perdere, ma dall'altra non ci riesco perché nonostante tutto gli voglio bene. Venerdì dovrei andarci a cena e non so come comportarmi, vorrei sapere come stanno le cose con questa nuova ragazza ma allo stesso tempo ho paura delle risposte, anche se penso che lui non sia realmente interessato a lei, come non è interessato a me né a nessun'altra in particolare. Io comincio a stare male davvero, tanto da risentirne fisicamente, sono arrivata a vomitare. Non posso andare avanti così, ho bisogno del consiglio di una persona competente. Grazie per la gentile attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Francesca
anche tu (e succede a molte) sei incappata in un tipo di personaggio maschile che sarebbe meglio evitare, infatti trattandosi di persona così ripiegata in se stessa e così "narcisisticamente infantile" ti ha fatto soffrire e ti farà ancora soffrire se continuerai a frequentarlo.
Però tu non riesci a distaccartene e come ben dici sei dentro questo "circolo vizioso"...il fatto è che gli vuoi ancora bene .
le ragazze come te con questa grande capacità di dedizione e di costanza negli affetti sono infatti le "vittime " designate di tali soggetti problematici e si creano pertanto incastri difficili da sciogliere.
Però io fossi in te, intanto una cosa la farei: eviterei di stare a sua disposizione ogni qualvolta lui ti vuole per metterti da parte poi quando non ti vuole più.
Prova almeno a partire da questo: dall'acquisire una maggiore autonomia rispetto a lui. Non dovresti stare lì sempre a dire Sì o No a suo piacimento.
Senti, nel tuo caso, davvero un aiuto psicologico lo sento molto importante perché altrimenti la storia rischia di durare all'infinito con un esaurimento energie da parte tua e lui che continuerà a farti soffrire.
Francesca telefona a uno Psicoterapeuta e fatti aiutare!
Impara il più possibile a comunicare, impara a dire di no, impara, soprattutto impara, a bastare a te stessa!
Autonomia, Autostima, e questi soggetti non solo li terrai lontani ma ti chiederai come hai fatto ad innamorartene.
Tutto questo succederà quando avrai imparato a volerti tanto tanto bene!!!
Un caro saluto
Psicoterapeuta Dott.ssa Silvana Ceccucci Studio in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6695 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Francesca,
il suo attaccamento emozionale a questo ragazzo potrebbe essere causato da come si è sentita appoggiata nel periodo difficile in cui vi siete conosciuti. Dunque, una sorta di riconoscenza che la porta a rimanere ancorata a lui. I messaggi che questo ragazzo le manda sono di inaffidabilità e - nello stesso tempo - rinforzano quello che lui chiaramente le ha espresso riguardo un eventuale relazione. Le suggerisco di valutare di richiedere un sostegno psicologico per aiutarsi ad uscire dai suoi dubbi e dalla vana speranza che con lui potrebbe nascere qualcosa di più.
Cordialmente

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesca, in cuor tuo sai benissimo quale sarebbe la cosa da fare: lasciarlo perdere. Però, qualcosa dentro di te , lo impedisce. Dunque, la miglior cosa sarebbe fare una psicoterapia per capire cosa ti porta ad accettare una situazione che ti dà pochissimo e per di più ti fa stare male. Devi sciogliere questi nodi dentro di te.
un saluto
Maria Rita Milesi
Psicologa Psicoterapeuta a Bergamo e a Milano

Dr.ssa Maria Rita Milesi Psicologo a Bergamo

140 Risposte

187 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte