Figlio adulto di famiglia disfunzionale

Inviata da salvatore palma · 6 mag 2020 Terapia familiare

salve sto cercando una soluzione al mio problema cioè sono vittima di famiglia disfunzionale pultroppo abito ancora con loro,in un anno a questa parte e in più la quarantena mi hanno distrutto psicologicamente o almeno ci hanno provato,mi sento in gabbia ancora non o trovato uno snodo mentale per uscire da questa sofferenza e gabbia.
Già una volta o contattato altri psicologi molto carini e bravi ma vorrei altri pareri e soluzioni più adatte a me

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 MAG 2020

Gentile Sasà,
forse lei ha una idea inesatta sulla figura dello psicologo e sull'aiuto della psicoterapia che richiede un adeguato percorso fatto di insight ed agiti impegnativi e non di magiche o sbrigative ricette.
Le restrizioni provvisorie della quarantena sono certamente snervanti ma possono essere anche una occasione di riflessione e riprogrammazione della propria vita con relativi progetti da perseguire.
Che la famiglia in cui per caso ci si è ritrovati possa essere disfunzionale è possibile, anzi frequente, ma con essa occorre stabilire una coesistenza non litigiosa senza esimersi dal procedere in un percorso di studio e poi lavoro o, in alternativa, direttamente di lavoro per raggiungere l'obbiettivo della autonomia e autorealizzazione con auspicabile interruzione di un possibile trasferimento intergenerazionale di questa disfunzionalità subìta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7523 Risposte

21052 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2020

Salve Sasà, cosa significa aver contattato altri psicologi....ha provato a iniziare un percorso di psicoterapia o ha fatto solo una chiacchierata fugace? Parla di una difficoltà con la sua famiglia di cui si sente vittima e di una grande sofferenza che blocca la possibilità di uscire da questa "gabbia" come la chiama lei. Ritengo che per esser pronti ad uscire dalla gabbia e spiccare il volo, sia utile dare un senso a quella famiglia disfunzionale di cui parla per risolvere e capire le difficoltà che caratterizzano il suo rapporto con loro. La invito a contattare uno psicologo per iniziare un percorso che porti a questa consapevolezza. In bocca al lupo, dott.ssa Giada Santi

Dott.ssa Giada Santi Psicologo a Pistoia

6 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2020

Sasà, risulta difficile aiutarla senza informazioni più specifiche sul quadro personale e familiare : la sua età e la composizione della famiglia, i rapporti tra di voi, la sua autonomia personale, ecc... se volesse fornire questi dati ad uno specialista potrebbe trovare un sostegno per valutare come muoversi. Si rivolga con fiducia ad uno psicologo o psicologa e troverà quello che chiede. In bocca al lupo

Gemma Facchinetti Psicologo a Bergamo

37 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAG 2020

Buongiorno,

dal suo racconto appare evidente il malessere che prova all’interno di una famiglia che definisce come disfunzionale al suo benessere e quanto le conseguenze del lockdown possono aver incrementato in lei il sentimento di impotenza che ben mette in luce.
Rispetto al suo definirsi “vittima” all’interno di un ambiente/“gabbia”, ritengo importante che lei ben comprenda che ciascuno di noi è responsabile del proprio benessere personale. Del quale si deve far carico in prima persona anche (e, oserei dire, soprattutto) quando si avverte che le cause del disagio possano provenire dall’ambiente circostante.
In particolare nella situazione di convivenza forzata che sta sperimentando, potrebbe essere utile ricercare e crearsi dei propri spazi privati e organizzare i propri “tempi della quotidianità” in una maniera per lei soddisfacente; con attività che possano interessarle e gratificarla. Facendosi carico attivamente del proprio stato di benessere e preservandolo da un contesto familiare percepito come troppo complesso da sostenere.
Il lavoro su di sé e sulle proprie risorse potrebbe permetterle di migliorare sia i suoi rapporti familiari sia (e, di nuovo, oserei il soprattutto) la capacità di percepirsi agente attivo di cambiamento “nel” e “per” la sua vita.

Rimango a disposizione per eventuali approfondimenti.

Cordiali saluti,
Dott. Giancarlo Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

708 Risposte

334 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101250

Risposte