conflitto genitori figli adulti

Inviata da Ciro · 10 mag 2019 Terapia familiare

Salve, sono un ragazzo di 23 anni, terzo figlio e il più piccolo in famiglia. Sto avendo questi continui conflitti con la mia famiglia perchè secondo loro devo realizzarmi studiando e facendo esperienze il prima possibile perchè secondo loro non vivo una vita felice perchè non seguo i loro canoni di vita. Alla fine non faccio altro che vivere la vita che mi piace, una vita tranquilla. Sono un ragazzo molto riservato, cerco di non dare fastidio a nessuno, mi gestisco i miei problemi, non peso economicamente ai miei e preferisco una serata tranquilla con gli amici (quando voglio io) all'andare in discoteca a ballare. Invece secondo loro esco poco, faccio una vita buttata e per loro non è normale una cosa del genere. Con loro si può dire che non abbia mai avuto un rapporto vero e proprio, da piccolo cercavo sempre di non pesare loro molto,ero un bambino abbastanza solo, a scuola mi prendevano in giro,quindi dovevo vedermela solo io, mentre mia madre doveva occuparsi di mia nonna e mio padre invece non è mai stato presente veramente nella mia vita sia emotivamente che fisicamente dato che la mattina lavorava e il pomeriggio non c'era mai a casa, e non parlavamo mai, anche perchè io e lui abbiamo due caratteri completamente differenti, io tranquillo, lui impaziente,irascibile molto facilmente. Ora stare a casa è diventato molto stressante, non riesco a sopportare nessuno dei due, mia madre con comportamenti superprotettivi e mio padre che rimane ancora una persona non molto gestibile, mentre io cerco solo di vivere in tranquillità e questa cosa mi causa molto stress. Ho cercato più volte di fargli capire il mio disagio di bisogno di indipendenza ma secondo loro sono ancora un bambino e non sono capace di fare scelte mie. Quindi sto cercando sempre di più di allontanarmi da loro per il bene della mia psiche cercando di tracciare i confini della mia tra virgolette indipendenza ma questa cosa non mi riesce molto facilmente dati i comportamenti superprotettivi di mia madre. L'unica soluzione sarebbe andare a vivere da solo anche se in Italia a 23 anni non ci sono molte possibilità. Quindi per ora ho trovato una soluzione temporanea andando a lavorare in un villaggio come animatore perchè mi devo allontanare da loro. Ora la mia domanda è: perchè è così difficile questo rapporto e perchè i miei genitori non riescono a vederemi come persone un pari loro e mi trattano ancora come un bambino? Scusatemi per questo sfogo, se avete bisogno di altre informazioni non c'è problema, ma voglio capire se è sbagliato alla mia età cercare questa "indipendenza" o sia meglio farmi scivolare questo problema da dosso e farli comportare ancora come se fossi un bambino

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 MAG 2019

Gentile Ciro,
indubbiamente hai diritto a vivere la tua vita secondo i tuoi desideri e i tuoi criteri ma il punto è se questi desideri e criteri sono sani e ponderati in quanto la tua giovane età non depone a favore in tal senso.
Comunque, se lo studio non ti appassiona e vuoi cercarti un lavoro, dovrebbe essere un lavoro qualificato dopo specifica formazione che possa darti una certa sicurezza.
D'altra parte, se l'astio nei confronti dei tuoi genitori in questo momento è elevato, forse hai fatto anche bene ad allontanarti temporaneamente ma probabilmente quello che fai adesso non è quello che vorrai fare "da grande" per cui devi prendere decisioni consapevoli per non avere possibilmente rimpianti in futuro.
Penso che la famiglia, a meno che non sia francamente patologica (e non mi sembra il tuo caso) può essere un aiuto importante che non dovrebbe essere snobbato e disprezzato.
Anche se tua madre è iperprotettiva e questo può essere fastidioso e difficile da sopportare, le si può far capire con opportune maniere la inadeguatezza di questo comportamento senza necessariamente allontanarsi o guastare il rapporto. irreversibilmente.
Pertanto il suggerimento è di intraprendere un percorso di psicoterapia per mettere ordine in questa confusione e dubbi annessi migliorando le relazioni interpersonali in famiglia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7528 Risposte

21070 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 MAG 2019

Buongiorno Ciro , credo sia sano a 23 anni ricercare una indipendenza , la scelta di un lavoro in un villaggio turistico é stata strategica , complimenti.
Da parte di tua madre c 'é una forte iperprotezione , a modo suo cerca di indirizzarti , ma solo tu sai cosa può essere meglio per te .
L 'indipendenza economica é quella che ti permette di "staccarti" e definire i confini con loro.

Resto a disposizione

Dott.ssa Luigia Cannone Psicologo a Rimini

140 Risposte

92 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2019

Carissimo,
la Sua necessità di indipendenza mi sembra assolutamente sana. La scelta di allontanarsi per lavoro mi sembra un'ottima scelta.
Accade che i genitori non capiscano ma questo non deve impedire un soggetto di trovare la propria strada. Non si scoraggi.
Se la situazione dovesse diventare per lei insostenibile potrebbe allora pensare ad un sostegno per mettere in atto la separazione.
A disposizione.
Un caro saluto e in bocca al lupo!

Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

395 Risposte

438 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2019

È normale che tu stia cercando te stesso. Trova mano a mano dei modi per conoscerti poi a fondo e per fare delle scelte che ti facciamo sentire bene e che procedano in direzione della tua realizzazione, che è tua. Ci sono dei metodi terapeutici per indagare più a fondo e conoscere queste aspetti personali e farli maturare. Rimango, se fosse necessario , a disposizione.

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

212 Risposte

67 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102100

Risposte