Elaborare la perdita degli ex fidanzati

Inviata da Franci · 21 giu 2020 Terapia di coppia

Buongiorno , l' anno scorso ho affrontato un breve percorso con uno psicologo (cognitivo comportamentale) per via di un'eccessiva ansia dovuta alla separazione dalla mia prima relazione di un anno e mezzo con un ragazzo. ( Ho 22 anni ) .Ho sofferto tanto sia prima di interrompere questa relazione , sia dopo quando ho dovuto rimboccarmi le maniche e andare avanti. A distanza di un anno e mezzo ho conosciuto un altro ragazzo , di cui mi stavo innamorando , sennonché sono stata lasciata inaspettatamente dopo 2 mesi di conoscenza. Sono stata parecchio male anche in questa occasione , ma decisamente meno rispetto alla prima rottura. Il problema è che c'è qualcosa che non va. Ogni volta che rivedevo una loro foto sto male ( ho un sobbalzino al cuore),in tutte e due le situazioni , ho un cambiamento di umore. Con entrambi ho attuato il mio "fantastico meccanismo preferito" , ovvero l'evitamento : ho cancellato numeri e contatti dai social , eppure a volte mi escono loro notizie , queste non mi sono indifferenti. Inizio ad avere paura : non capisco perché non posso essere come tutte le persone e provare quell'indifferenza pacifica che magari mi consentirebbe di rimanere loro amica. Ho paura di arrivare a 50 anni e pensare ancora a loro , specialmente al primo. Da quando ci siamo lasciati lo penso ogni giorno , e bhè non capisco più se è ossessione , se mai amerò a questo punto davvero. Quando uscivo con il secondo lo pensavo ma non con amore , e adesso che sono da sola non capisco più niente è come se " colmassi " un vuoto con questo pensiero. Può essere ? Può essere che io non sia in grado di elaborare le perdite ? Grazie mille

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 AGO 2020

Gentile Franci,
innanzitutto vorrei dirle che indipendentemente dall'orientamento teorico di riferimento, un percorso di psicoterapia, a mio avviso, dovrebbe avere la durata di almeno un anno con regolari sedute settimanali per cui si può spiegare il fatto che lei è ancora in difficoltà.
Cancellare il numero e i contatti di un proprio ex dai social non basta certo a cancellarlo dalla mente ma non è questo il punto centrale per la soluzione del suo disagio bensì quello di dare più valenza alla propria persona migliorando il livello di autostima e le competenze socio-relazionali essendo queste due qualità entrambe importanti.
Tenga anche in conto che in caso di rottura di una relazione ancora significativa per chi la subisce, non è facile elaborare subito la perdita per cui ci viuole tempo e possibilmente il sostegno di una terapia psicologica.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7518 Risposte

21047 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 GIU 2020

Buongiorno, piuttosto che non "elaborare le perdite", è plausibile che Lei mantenga semplicemente il senso di stabilità personale sull'Altro e che la conseguente perdita comporti per Lei un crollo, perchè viene meno la fonte primaria di co-percezione identitaria. Ecco perchè Le risulta impossibile "essere indifferente" o "restare amici". Questo naturalmente, essendo ripetuto, comporta una paura in termini di orizzonte d'attesa: e se fosse sempre così? E se non fosse in grado di avere una relazione duratura? E se non sapesse amare? Il dubbio riflessivo non La aiuta e anzi, peggiora esponenzialmente le cose. Lei coglie bene: sta cercando di rispondere "con la testa" a una domanda "di pancia" (Lo amo?). Valuti un percorso psicoterapeutico, sembra che la difficoltà risieda in un modo di essere sè, nel mondo e con l'Altro che può giovare dell'apertura di nuovi orizzonti di senso, alla luce dei quali "esistere altrimenti", ovvero modificare parzialmente alcuni modi di relazionarsi in virtù di una maggiore serenità e presenza verso sè stessa in primis, e con l'Altro poi. A quel punto, si riprogetterà a livello relazionale in modo diverso. A disposizione, cordialità. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1022 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte