Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Credo di amare un altro

Inviata da Sara95 · 30 ott 2019 Terapia di coppia

Salve,sono una ragazza di 24 anni , fidanzata da quasi 5 con il mio ragazzo ,il quale per motivi di studio/lavoro ,ha passato gli ultimi anni fuori.
Vorrei un aiuto riguardo ad un problema che mi logora da qualche mese.
6 mesi fa ,quando il mio ragazzo è partito per lavoro ,ho conosciuto a lavoro un ragazzo che mi è subito piaciuto, con il passare del tempo lui si è interessato sempre di più a me , tanto da contattarmi e poi mi ha chiesto di uscire ,io non riesco a capire perché ,ma ho fatto finta di non essere fidanzata dal primo momento in cui l'ho visto ,quando mi ha chiesto di uscire ho accettato ,forse mi sentivo sola ,forse non avevo le attenzioni che volevo da parte del mio ragazzo. Sono uscita con questo ragazzo e me ne sono innamorata ,siamo stati insieme tre mesi (lui non sapeva che io ero fidanzata e io non riuscivo a dirglielo e a lasciare il mio fidanzato) ,ho continuato a procrestinare fino a quando il mio ragazzo ha finito il contratto dove stava lavorando e doveva tornare... Li mi sono ritrovata a dover decidere quale tra i due scegliere, all'inizio ero convinta che la cosa giusta fosse lasciare il mio ragazzo per stare con questo ragazzo nuovo perché ne ero davvero innamorata,ma quando ho confessato ai miei quello che avevo fatto , ci sono rimasti malissimo per quello che avevo fatto tanto da farne quasi una malattia ,erano delusi ,ho confessato poi anche al ragazzo nuovo che ero ancora fidanzata con l'altro ma che non lo amavo più e volevo stare con lui ,lui mi ha perdonata ,mi sono fatta coraggio e ho provato a lasciare il mio ragazzo ,il quale vista la situazione ha chiuso subito il contratto di dove stava lavorando ed è tornato a casa per sistemare le cose tra di noi,ha pianto, insistito sul fatto che tutto poteva tornare come prima e io tra il fatto che speravo che potesse essere così e i miei che mi facevano sentire in colpa,alla fine ho lasciato l'altro ragazzo . Ci sto provando veramente a stare con il mio ragazzo ,ma il mio problema è che non riesco a dimenticare l'altro ,sto malissimo,perché penso di essermi innamorata davvero ,fare l'amore con il mio ragazzo non è più soddisfacente ,mi manca troppo l'altro ragazzo ,non so cosa fare ,l'altro ragazzo dopo quello che gli ho fatto mi ha detto di non farmi più sentire ne niente e io sono in totale confusione , penso di amare il mio ragazzo ,ma perché continuo a pensare all'altro ? perché sto così male? Mi sembra di non riuscire ad uscire da questa situazione ,ho paura di lasciare il mio ragazzo e pentirmene ma allo stesso tempo ho l'impressione di aver perso l'amore della mia vita (l'altro ),non so cosa fare ,ho bisogno di un consiglio ,un aiuto, è da parecchio che penso a tutto questo ,ma non riesco ad uscirne.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 NOV 2019

Gentile Sara,
effettivamente lei si è comportata male non soltanto da un punto di vista morale (per il tradimento) quanto da un punto di vista pratico perchè poi è andata in totale confusione come lei stessa ammette.
Tuttavia il vero problema è la sua insicurezza e la fragilità della sua struttura di personalità in forza della quale non ha retto alla prova della lontananza dal suo fidanzato e, allo stesso tempo, visto che si è innamorata di un altro ragazzo (o almeno così le sembra), ha poi ceduto alla insistenza del primo per tornare insieme nonchè alle pressioni dei suoi familiari.
Comunque, anche se ha commesso un errore, probabilmente vi è ancora un legame sentimentale col suo fidanzato che l'ha pure perdonata per cui, a mio parere, sarebbe opportuno provare a recuperare questo rapporto ma soprattutto lavorare sulle sue fragilità all'interno di un percorso di psicoterapia che le suggerisco di intraprendere al più presto.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6875 Risposte

19176 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2019

Cara Sara,

la situazione risulta complicata perché stai mettendo sulla bilancia due rapporti che in questo momento non sono paragonabili: da una parte c’è un rapporto stabile di lunga durata che ha subito un periodo di distanza legata a motivazioni esterne, dall’altro un rapporto nuovo in piena fase di innamoramento.
Quindi le due relazioni risultano difficilmente paragonabili dal momento che si trovano in due fasi distinte.
Di contro però i sentimenti sono liberi, non possiamo imporci di amare qualcuno solo perché ci stiamo assieme da più tempo o perché ci sentiamo in colpa nei suoi confronti o nei confronti dei nostri familiari. Ogni scelta infatti comporta delle conseguenze e se la tua sarà quella di stare con il ragazzo “nuovo”, dovrai imparare a convivere anche con i sensi di colpa suscitati dai tuoi genitori, assumendoti la responsabilità delle tue scelte.
A mio avviso, vale comunque la pena dare alla tua relazione un’ultima possibilità, vale la pena fare il tentativo di ricucire il rapporto dedicandoci del tempo e impegno, proprio per essere certa che sia chiusa davvero per non avere poi rimpianti o rimorsi che ogni scelta comporta.
Alla fine di questo percorso sarai pronta per una nuova relazione.
Un grosso in bocca al lupo


Dott.ssa Cristina Barbara Poli
Psicologa Psicoterapeuta
Vicenza

Dott.ssa Cristina Barbara Poli Psicologo a Vicenza

5 Risposte

12 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2019

Cara Sara95, dal Suo racconto si evince una situazione complessa, nella quale la posizione altrui gioca un ruolo significativo nei modi con i quali Lei è emotivamente situata e, di conseguenza, agisce. Per poter comprendere i Suoi reali sentimenti ha necessità innanzitutto di delineare sé stessa al di là dell'opinione altrui; Chi è Lei? Al di là e prima delle relazioni con questi ragazzi, Chi era quando ha conosciuto il Suo primo compagno? Chi era quando ha conosciuto il secondo, e a che punto era il rapporto che stava vivendo? Quale è la relazione con i Suoi genitori, e in che modo le loro reazioni influenzano il modo in cui si sente? Solo declinando questa situazione nello specifico della Sua personale e unica storia di vita è possibile comprendere come mai Lei è bloccata in una situazione in cui una possibilità (il secondo ragazzo) è sbarrata da questioni che non sta scegliendo Lei, e contemporaneamente la "vecchia possibilità" (il primo ragazzo) non è più da Lei esperita come identitaria. La frattura tra l'esperienza, il racconto, e i suoi orizzonti d'attesa deve essere ricostituita tramite un percorso psicoterapeutico volto a sciogliere questi nodi e rispondere alle domande poste in precedenza. Ne uscirà in breve tempo, contatti un terapeuta nella Sua zona. Cordialità, DMP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

525 Risposte

360 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2019

Buonasera Sara, è molto importante distinguere il concetto di innamoramento da quello di amore.
L'innamoramento è qualcosa di fugace: "in-amore-mento". Vedo me stesso nell'altro e me ne innamoro, ma l'altro è solo un ideale.
Nell'amore invece c'è molto lavoro di scambio, c'è una vera e propria partnership. Ma l'amore per rimanere tale va lavorato costantemente. Nel suo caso non c'è da stupirsi che lei nel momento in cui è rimasta sola abbia cercato qualcuno con cui scambiare e si sia presa di un'altra persona. Non deve sentirsi in colpa.
Non conosco la sua storia ma mi pare di capire che lei sia molto presa dal ragazzo nuovo e che si senta in colpa, così influenzata anche dalla sua famiglia ha preso la decisione di tornare indietro. Potrebbe trattarsi di un semplice innamoramento, come invece di un inizio di una bella relazione di scambio.
Valuti a questo punto se con il suo vecchio ragazzo c'è ancora quella partnership che si può definire amore e in caso contrario sia meno severa con se stessa e si conceda di provare a vedere cosa succede con il ragazzo nuovo, ammesso che lui sia ancora disponibile.
L'importante è che lei trovi il suo benessere e segua i suoi desideri. Valuti anche se rivolgersi ad un professionista per chiarirsi le idee e lavorare su di sé.

Rimango a disposizione.
Cordiali Saluti
Dott .G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

452 Risposte

183 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2019

buongiorno sara95,
la domanda che sta ponendo è molto delicata, le consiglio un percorso terapeutico, preferibilmente di tipo costruttivista, che la aiuti a sentire meglio le sue emozioni in entrambi gli scenari, quello del suo ragazzo e quello del nuovo ragazzo incontrato, per capire meglio e aiutarla a prendere la decisione migliore.
resto disponibile per ulteriori chiarimenti.
dottoressa Laura Lupi.
psicologa.

Dott.ssa Laura Lupi Psicologo a Firenze

49 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 NOV 2019

Cara Sara,
a volte l’amore arriva e ci sconvolge, capovolge le nostre certezze, ci fa stupire delle nostre reazioni. Le sue insicurezze sono più che lecite: scegliere la tranquillità di una relazione ormai assodata ma forse non più entusiasmante o scegliere la nuova relazione che le fa battere il cuore ma che le infonde dell’incertezza (non ultima quella di perdere la stima dei suoi genitori)? In ogni caso guadagnerà qualcosa e perderà qualcos’altro. Deve pertanto valutare bene l’importanza di ciò che guadagna e di ciò che perde per entrambe le alternative; potrebbe provare a fare proprio un elenco e dare un voto ad ogni voce per mettere nero su bianco la “scelta logica”. Naturalmente, quando si parla di emozioni, la logica spesso scompare e lascia il posto alla “pancia”. Si ascolti a fondo, magari con l’aiuto di un professionista e si dia del tempo, anche da sola se necessario, per capire quali siano le sue vere esigenze (che potrebbero anche contemplare alternative molto diverse da quelle per le quali ora si affligge)
Buona scelta.
dott.ssa Claudia Praderio

Dott.ssa Claudia Praderio Psicologo a Torino

14 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 OTT 2019

Buongiorno Sara,
nel leggere la descrizione di quello che sta vivendo mi è arrivata forte la confusione e lo spaesamento che immagino stia provando dentro di sé. A volte quando ci si trova a provare queste emozioni si ha la tentazione di agire, di fare qualcosa rapidamente per "sistemare le cose", ma questo rischia di togliere spazio al potersi fermare per ascoltarsi veramente, magari aiutati da un professionista, e capire cosa sta succedendo. Capire cosa si prova e perché tutto questo è successo proprio in questo momento della sua vita.
Le auguro di trovare presto la serenità che cerca

Dott.ssa Ottavia Baroli
Biella

Dr.ssa Ottavia Baroli Psicologo a Biella

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 OTT 2019

Cara Sara, credo che da situazioni come queste tu possa trarne degli spunti per conoscere di più te stessa, le tue reali emozioni, i tuoi bisogni e come potertene prendere cura in modo responsabile. In modo responsabile intendo rispondendo a ciò che tu vuoi, mentre da ciò che racconti molte delle decisioni sono state prese per compiacere delle richieste e non deludere delle aspettative. Ascoltati e dai credito a ciò che senti e che pensi, agisci anche rispettosamente verso l'altro. Per questo percorso di crescita ti consiglio di rivolgerti ad un professionista.
I miei migliori auguri.
Dott.ssa Viviana Rita Cosseddu

Dott.ssa Viviana Cosseddu Psicologo a Benetutti

15 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 OTT 2019

Ciao Sara, occorre capire e sentire chi sei davvero, tu deve trovare completamente te stessa allora tutto diventerà più limpido. Conoscersi é un processo che posso aiutarti a fare attraverso varie tecniche psicosomatiche ed EMDR che ti permettono di conoscerti e palesare quali sono gli elementi emotive le credenze che hai, far crescere quelle che ti fanno stare bene e ridurre le altre. La tua persona sa già cosa hai bisogno basta svelarla e diventarne consapevole. Rimango a disposione

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

206 Risposte

63 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 OTT 2019

Ciao Sara la situazione che descrivi è complicata, da un lato una relazione stabile dall'altro un sentimento nuovo che è più sconvolgente. La cosa che traspare è che non sei felice e forse non lo eri neppure prima di iniziare questa nuova relazione altrimenti non avresti mentito.
Parlare con la tua famiglia ti ha gettato ancora più nel panico loro ti hanno giudicato e tu hai incassato. Forse devi prendere una decisione matura, se i tuoi sentimenti sono quelli che descrivi per il tuo ragazzo il rapporto andrebbe chiuso state soffrendo entrambi. Passa un periodo da sola e cerca di capire cosa vuoi, potrai fare in seguito dei passi per recuperare.
Fatti aiutare se hai bisogno di capire perché hai deciso di mentire a tutti. A volte distanziati dalle relazioni ci fa vedere il tutto da prospettive diverse.
Rimango a disposizione
Dottoressa Lorico

Dott.ssa Concetta Lorico Esposto Psicologo a Piacenza

97 Risposte

88 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte