Morte dei genitori: la perdita delle figure di riferimento

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Nonostante siamo coscienti che prima o poi i nostri genitori non saranno più al nostro fianco, l'esperienza della perdita è ovviamente traumatica.

23 ago 2017 · Tempo di lettura: min.
Morte dei genitori: la perdita delle figure di riferimento

La morte dei propri genitori è un'esperienza devastante: come affrontare il lutto?

La perdita di una persona cara è una situazione che provoca un grande dolore. Quando a morire è un genitore, questo dolore può manifestarsi in maniera ancora più forte. La sensazione di perdita non è solamente legata al non avere più la possibilità di vedere il proprio padre o la propria madre. Un genitore è una figura di riferimento che si ha fin da piccoli: quella sensazione di protezione che ci offre, infatti, non può essere sostituita. Con loro va via una parte della nostra vita che ci ha visto crescere e fare le nostre esperienze.

Nonostante la consapevolezza che prima o poi i nostri genitori non saranno più al nostro fianco, l'esperienza di perderli è senza dubbio traumatica. Quelle azioni, i consigli, il periodo di crescita che abbiamo vissuto con loro fanno parte della nostra intimità e per questo è difficile condividere questo lutto con altre persone. Affrontare la perdita è sempre una sfida con se stessi. Spesso compaiono anche i sentimenti di colpa per non aver fatto abbastanza, per non esserci stati sempre, per non aver capito un comportamento o una raccomandazione. Eppure, è necessario affrontare il lutto e andare avanti, pur portando il ricordo sempre con sé.

La negazione o il senso di colpa remano in direzione contraria rispetto a questo obiettivo.

Come vivere e superare il lutto

È necessario vivere il lutto per poterlo superare. Negarlo è controproducente anche se la tristezza per la perdita può sembrare spaventosa e complessa da affrontare. Nei limiti piangere, parlarne con le persone care o ricordare, infatti, possono essere azioni utili per accettare la morte ed evitare che insorgano altre problematiche come la depressione. Quali strategie ci aiutano a superare il lutto e a riprendere in mano la nostra vita nonostante il grande dolore?

Accettazione

La morte è difficile da capire ma è inevitabile. Per questo non rassegnarsi alla perdita è controproducente. Accettala e cerca di sfogarti piangendo, ricordando o cercando di fare progetti per il prossimo futuro. Non devi dimenticare, semplicemente devi apprezzare il tempo che hai potuto trascorrere con i tuoi genitori.

Evita il senso di colpa

Non hai la capacità di decidere sulla vita o sulla morte delle altre persone, per questo evita di sentirti colpevole. Gli errori che puoi avere commesso nella tua relazione con i tuoi genitori non sono più importanti e perdonarti per degli sbagli è il modo più corretto per crescere a livello personale.

Non chiuderti in te stesso

Con i genitori se ne va un pezzo della nostra sfera personale più intima. Nonostante ciò, chiudersi in casa o non voler vedere altre persone può essere comprensibile durante i primi giorni di lutto. In seguito, è necessario fare uno sforzo perché il superamento del lutto dipende solo da te. Fuori ti aspetteranno persone che hanno bisogno di te ma di cui anche tu hai bisogno.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in elaborazione del lutto.

Godeteveli finché ci sono, perché non ci saranno per sempre.

shutterstock-377831188.jpg

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento