Storia travagliata: non riesco a dimenticare

Inviata da Anna · 20 set 2016 Terapia di coppia

Buonasera,
sono una ragazza di 28 anni che si è trasferita in una nuova città dove ha subito incontrato un ragazzo di 32 anni (conosciuto in un sito di incontri). I primi due mesi sono stati bellissimi, ci vedevamo spesso e lui diceva di volere una storia seria, nonostante io gli avessi proposto una relazione aperta, ma ho ceduto alla sua richiesta. Improvvisamente lui si allontana, e dopo un paio di settimane dice di non voler continuare più, perché non è pronto per una relazione. Passa una settimana o due, ci sentiamo, ci incontriamo e gli chiedo il motivo di quest'ansia nel non voler proseguire, gli dico che anche io non sono sicurissima di lui ma in fondo ci stiamo solo conoscendo. Si convince a ricominciare, ma si è riscritto a quel sito d'incontri, cosa che io scopro solo molto dopo. Si sente con una ragazza, fino a che mi lascia di nuovo con la scusa che ha bisogno di stare da solo. Lo accetto e mi iscrivo anche io al sito, e lo vedo, e scoppia il finimondo perché lui mi aveva assicurato che non era perché non voleva me, ma perché voleva stare solo. Non so come ma ci riavviciniamo, con la promessa che si cancella dal sito e che smette di sentire quella ragazza. Passano un paio di mesi tranquilli, le cose sembrano migliorare molto. Purtroppo causa di uno sfratto gli chiedo se posso rimanere da lui un paio di settimane nel caso in cui non riuscissi a trovare una casa in tempo. Lui mi dice che "preferirebbe non farlo ma non mi lascerebbe sotto un ponte". Questa risposta mi ferisce, rimetto in discussione la relazione. Lui mi chiede di ripensarci, mi dice che forse per la prima volta inizia a provare qualcosa di più profondo per qualcuna. Per tre settimane faccio un grande sforzo cercando di passare sopra a questa cosa, accetto di passarci sopra ma quando arriviamo al dunque lui fa un passo indietro e mi dice che se mi ha dato quella risposta evidentemente non è innamorato di me. Storia chiusa, è la fine di gennaio. Ovviamente continuiamo a sentirci, capita di fare sesso, fino a che a fine aprile gli dico che non ce la faccio più e che non voglio più sentirlo. Lui dice che non dobbiamo sentirci per un po', e che dopo avremmo pure potuto essere amici. E' sempre stato fissato con il voler essere amici, mi diceva che non mi voleva perdere. Intanto lui conosce una ragazza e iniziano a frequentarsi. Nonostante ciò allo scadere del mese mi scrive. Ricominciamo a sentirci, ogni due-tre giorni. Gli chiedo se c'è qualcuna nella sua vita e me lo nega. Gli dico che potrei essere pronta a essergli amica, gli propongo di vederci ma dice che non si sente ancora pronto. Esce fuori che non è pronto perché dice di essere attratto da me. Questa storia di stuzzicamenti vari, di diecimila sms scambiati, va avanti fino a inizio agosto, quando gli propongo di avere una relazione sessuale. Doveva venire a casa mia ma non lo fa e mi confessa tutto. Nei giorni seguenti rimproverandolo mi dice che, da quando ha conosciuto lei, ha iniziato a desiderarmi ancora di più. Io ho pensato che è così perché sono stata molto aperta sessualmente con lui, e ho accettato sue fantasie sessuali che altre non hanno accettato. Lui mi dice che molto probabilmente continuerà a desiderarmi anche se farà quello che vuole fare con me con la sua nuova ragazza, o con chiunque altra. Intanto dice di volere fare sesso con me ma poi alla fine si nega. Mi offendo profondamente, scopro chi è lei e le racconto tutto. Inizialmente lui non vuole più sentirmi, ma dopo una settimana, evidentemente per una necessità di perdonare e liberarsi dal dolore che qualcuno gli ha procurato volutamente, mi chiede delucidazioni sul perché della mia vendetta. Gli spiego come mi sono sentita offesa per tutto, lo capisce e mi perdona. Forse dato che con quella ragazza era finita (ragazza che non era molto presa da lui, ma lui sì) mi ripropone di diventare amanti, dopo pensarci un po' accetto perché volevo vedere come reagivo a essere in intimità con lui, volevo capire meglio cosa provavo. Lo abbiamo fatto, per me è stato strano, era un corpo che non conoscevo e allo stesso tempo conoscevo. Ma dentro di me ero fredda, anche se fuori ero tutta un baci e baci. Comunque era tardi e mi rompeva vestirmi e ritornare a casa, così gli dico che sarei rimasta a dormire da lui. Lui mi dice che non vuole, che si sente a disagio. L'ennesima offesa, mi sono sentita una scopata a domicilio. Scappo via e il giorno dopo decidiamo che non può continuare e cancelliamo l'uno il numero dell'altra. Quello che io ora non riesco a capire sono i miei sentimenti contrastanti, lo vedo e non provo nulla, gli sono lontana e in parte lo odio e in parte mi sento legata emotivamente a lui. Perché mi sento così legata a una persona falsa e con evidenti problemi? Razionalmente vedo i suoi difetti, emotivamente vorrei che non ci fossero, vorrei che non fosse successo tutto ciò. Penso a lui e mi chiedo cosa faccia, mi chiedo come stia, mi chiedo se si senta innamorato di quella ragazza e se mi pensi ancora. Mi chiedo perché mi ha pensata per tutti i sette mesi che sono passati da quando ci siamo lasciati. Perché nessuno dei due è riuscito ad andare avanti? Lui mi ha detto più volte che non prova sentimenti per me, a parte volermi tantissimo bene (cosa che stento a crede, viste le offese che mi ha recato) e desiderarmi ardentemente. Come si può e pensare e desiderare tanto una donna di cui non provi niente e con cui hai avuto una relazione di soli sette mesi?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 SET 2016

Gentile Anna,
dal suo lungo racconto si evince che anche lei è molto simile a questo ragazzo per quanto riguarda la instabilità emotivo-affettiva e la dissociazione della sessualità dalla affettività.
Posto che su queste basi nessuna relazione sentimentale potrà essere costruttiva essendo continuamente soggetta ad alti e bassi all'insegna di una elevata instabilità, prima di intraprendere altre nuove relazioni le suggerisco di iniziare a prendersi cura di se stessa mediante un adeguato percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7126 Risposte

20287 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 LUG 2017

Gentile,
capisco la sua sofferenza in questa situazione: non deve essere stato facile vivere in attesa di qualcosa che, probabilmente, lui non ha. L'unica persona in grado di darle le risposte che cerca è lui stesso e è probabile che per adesso a lui stia bene così. Si prenda anche lei del tempo per concentrarsi su se stessa e inizi a pensare a ciò che vuole e ciò che non è più disposta ad accettare in una relazione, finendo per l'accettazione dello stato delle cose.
Per approfondimenti non esiti a contattarmi.
Un saluto
Dott.ssa Ilaria Albano
Psicologo a Roma

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologa Psicologo a Milano

269 Risposte

322 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 SET 2016

Gentile Anna,

fin dalle premesse del suo scritto si evince la volontà di non volersi impegnare, prima da parte sua e poi anche dell'uomo di cui parla. Perché solo quando non siete insieme lei lo vorrebbe con sé mentre quando vi vedete poi c'è sempre un qualcosa che lui fa o dice, dunque un aspetto di lui, che a lei non sta bene e la fa allontanare? Alla luce di quanto descritto, una storia sì travagliata ma basata principalmente sui rapporti sessuali e le fantasie messe in atto, lei cosa vorrebbe? Al suo fianco desidera una persona così o il suo attaccamento è dato dalle altre storie che lui ha avuto e dunque dal fatto che lui possa desiderare/costruire qualcosa con altre persone che non siano lei, che invece non può nemmeno dormire una notte accanto a lui? Credo sia giusto che, più che soffermarsi su quello che pensa lui o sui perché che lo riguardano, lei rifletta sulle domande che pone a se stessa, come ad esempio il perché abbia scelto una persona così sfuggente e perché si sente legata a lui.
Desiderare sessualmente una persona non equivale necessariamente al desiderarla come compagna con cui instaurare una relazione stabile e duratura.

Un cordiale saluto,
CBucci

Dott.ssa Cristiana Bucci Psicologo a Milano

24 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 SET 2016

Buongiorno gentile Anna,
ho letto attentamente la sua richiesta dove emerge un suo tentativo di leggere la storia avuta sotto la voce amore mentre l' amore non c'è. E' importante cercare di piegare la realtà ai nostri sogni, ma insistere - sopratutto quando si ha a che fare con persone - può diventare qualcosa di destabilizzante e doloroso. Non è chiaro se il suo concedersi intimamente sia una parte centrale della sua personalità o un modo per provare a conquistare quest'uomo che non si tirerà mai indietro di fronte ad un invito sessuale il momento in cui era quello solo l'intento dell'iscrizione al sito di incontri. Il resto sono parole per trattenere, per sedurre e portare a se. Come mai non riesce a separarsi da questa esperienza? Davvero crede che ci sia stato dell'altro? Non crede che più volte lui è stato chiaro nei suoi intenti (rifiutandola in momenti in cui Lei aveva bisogno)? Non crede di meritare altro, qualcuno che la rispetti e combatta per Lei e per il suo amore? Queste domande potrebbero aiutarla a ri-sintonizzarsi con il suo desiderio profondo di essere amata, ma il rispetto lo deve principalmente a se stessa e poi, dopo, gli altri, percepiranno quanto si rispetta e di conseguenza la rispetteranno.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte