Senso di vuoto e tristezza

Inviata da francesca · 29 set 2017 Depressione

Buongiorno, sono una ragazza di 21 anni e studio economia all'università. Sono stata insieme al mio ragazzo da quando avevo 16 anni ed è stato il mio primo e unico amore. Lui, invece, è di due anni più grande e prima di me ha avuto diverse esperienze. E' stata una relazione meravigliosa; ci siamo sempre fidati di l'uno e dell'altro, ci siamo sempre rispettati ed eravamo una di quelle coppie "speciali" che durano per sempre, se così si può dire. Da un anno a questa parte però, dato che ho avuto solo lui come fidanzato, ho sempre avuto il "pallino" di voler fare altre esperienze e conoscere altre persone e di non rimanere "intrappolata" in questa relazione per sempre, nonostante io con lui ci stessi sempre bene. Questo ultimo anno ci siamo lasciati diverse volte, su richiesta mia, senza mai arrivare ad una decisione perchè non riuscivamo mai a staccarci definitivamente. Infatti, negli utlimi mesi, abbiamo deciso, di non definirci fidanzati ma sentirci ogni tanto e vederci ogni tanto lasciandoci un po più di spazi ma, senza frequentare altre persone. Durante questo periodo ho notato quanto la sua mancanza per me fosse legata dal fatto che mi potesse mancare più come un fratello o come un amico a cui confido tutto piuttosto che come un fidanzato. Una volta desideravo stare con lui sempre, ogni giorno. Con il tempo questo sentimento si è affievolito. Sono stata in vacanza con le mie amiche e con la mia famiglia e mi sono sempre trovata bene e la sua mancanza non era insopportabile come una volta. Mi sono anche resa conto che forse sarei stata anche pronta a uscire con altre persone. Per questo motivo, ho deciso di mettere fine a questa storia qualche giorno fa, che non faceva bene a nessuno dei due, perchè se davvero fossi voluta tornare con lui ci sarei tornata, invece continuavo a dire di no alle sue richieste di riprovarci, senza però chiudere con lui definitivamente. Allora gli ho chiesto di non scrivermi durante queso periodo cosi da poter davvero stare soli per un po di tempo. Rispetto alle altre volte questa situazione mi sembra definitiva e la cosa mi spaventa tanto. Ora mi sento vuota e tutto quello di cui ero convinta, ora è come se si fosse dissolto. Gli vorrei scrivere per chiedergli di vederci e riprovarci ma so che dopo poco sarei di nuovo scontenta perchè so di aver bisogno di stare un po da sola ma, mi sembra davvero impossibile. Inoltre, la paura di essere dimenticata da lui e di essere rimpiazzata mi devasta. Credo nel destino, e so che tra noi non è finita qua e, che se è amore vero torneremo insieme. Ora però non so come affrontare questo momento senza di lui e senza la sua presenza, che bensì in questi mesi non fosse persistente, c'era comunque. Spero di poter ricevere qualche consiglio che mi aiuti a capire, grazie mille.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 OTT 2017

Buongiorno Francesca,
sta affrontando un periodo di crescita, non solo capendo che adulta vuole diventare ma anche attraverso la fine di una relazione.
In adolescenza si è legata a questo ragazzo con il quale ha vissuto molte esperienze e situazioni e con lui è approdata alla fase adulta, ora ha 21 anni. Il desiderio di sprimentrsi, crescere è normale, quello che la spaventa è il fatto che negli ultimi 5 anni, nonostante i cambiamenti dell'adolescenza (rendersi più indipendenti dai genitori, provare a capire cosa voler fare nel futuro, ecc) ha avuto al fianco il suo ragazzo mentre ora si trova in un momento in cui è da sola. Questo fa paura, si trova a dover affrontare in modo diverso ogni giornata, ma questo è anche l'inizio di molte possibilità.
Per superare questo primo periodo provi a fissarsi dei piccoli compiti e obiettivi da raggiungere quotidianamente, che la tengono impegnata (lo sport, la famiglia, lo studio, le amiche, le uscite, hobby...), in modo da riempire il vuoto che sente e costruendo allo stesso tempo delle basi per il suo futuro.
Cordiali saluti
Dott.ssa Ambra Caselli (Brescia)

Dott.ssa Ambra Caselli Psicologo a Castegnato

119 Risposte

127 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Gentile Francesca, la sua situazione che descrive è spia di grande confusione. Siamo consapevoli che è difficile capire che cosa si vuole e che ogni scelta comporta l'esclusione di tutte le altre possibilità. Credo sia il caso di avere uno o più colloqui con un professionista esperto ( da scegliere fra gli psicoterapeuti iscritti all'albo degli psicologi della sua regione, magari privilegiando che offre il primo colloquio gratuito) al fine di chiarire i motivi profondi che la portano a questa situazione di incertezza. Talvolta si tratta di aspettative irrealistiche, a volte è la paura, anche di sbagliare, altre volte è un comportamento che informa tutte le decisioni...occorre capire bene quale è il problema di fondo e cercare una soluzione...Augurandole ogni bene, la saluto.
Susanna Bertini Torino

Dott.ssa Susanna Bertini Psicologo a Torino

49 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Gent. Francesca,
cosa ti impedisce di avere degli spazi alternativi alla coppia, sia pure compatibili con la forma di fedeltà che avete stabilito con il tuo ragazzo?

Studio di Psicoterapie Brevi Psicologo a Molfetta

35 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Cara Francesca, credo che quel "pallino" che lei avverte di dover fare altre esperienze sia un normale e fisiologico bisogno di crescita personale..non sta cercando un nuovo compagno, sta cercando se stessa e la sua identità che, data la sua giovane eta', e' in continuo mutamento...non abbia paura di perdere cio che possiede e che la fa sentire sicura..attraversi questo sentiero sconosciuto e buio della sua vita con la spontaneità e la curiosita' di un bambino..vedra' che la paura di cio' che e' ignoto si trasformera' nella gioia e nell' entusiasmo della scoperta e della crescita...quando avrà trovato se stessa potra' guardare alla sua relazione con occhi diversi e comprenderne per davvero il significato.
Le faccio i miei auguri

Dott.ssa Elena Pace

Dott.ssa Elena Pace Psicologo a Cardano al Campo

4 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Buongiorno Francesca,
Hai fatto un'analisi molto dettagliata dei tuoi sentimenti e di ciò che pensi. Le relazione d'amore con questo ragazzo è finita. Rimane un grande affetto ed un grande rispetto, e anche un senso di mancanza che è normale provare quando si chiudono relazioni importanti. Con lui hai condiviso tanto del tuo percorso di crescita ed è assolutamente normale sentirsi come ti senti tu.
È anche normale provare disagio nel pensarlo con un'altra o nel pensare che possa dimenticarti, ma questo pensiero non indica l'amore, forse ha più a che fare con il senso di possesso è il bisogno di sentirsi speciali. Rimarrete sempre l'uno per l'altra persone importanti. E chissà che il vostro sentimento non possa evolvere in una bella amicizia, ma per questo ci vuole tempo.
Datti il tempo di abituarti a questa nuova situazione,
Resto a disposizione,
D.ssa Maura Lanfri

Dott.ssa Maura Lanfri Psicologo a Forlì

133 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Salve Francesca.
Essendo questa la tua prima relazione, è perfettamente normale provare questa sensazione di vuoto e relativa paura che lui trovi un altra...e non sapere come affrontare questi pensieri e sensazioni.
Serve, dopo 5 anni trascorsi con lui, trovare un nuovo equilibrio.....e per farlo ci vorrà un po di tempo!
I primi momenti sono i più difficili....poi dopo un po le cose migliorano.
Avere compreso, che da parte tua, il vostro rapporto era ormai diventata solo un amicizia....e aver deciso di interrompere il vostro rapporto....è stato un atto di coraggio....complimenti!
Non ci sono "regole fisse" su come affrontare la fine di un rapporto. Dedicati alle attività che sono importanti...mantieni vive le tue amicizie...svolgi i tuoi hobby e tieni aperto il tuo cuore al possibile arrivo di un nuovo "compagno"....e son sicuro che le cose miglioreranno.
A disposizione.
Dott Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

36 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Gentile Francesca, è una caratteristica comune che dopo il primo periodo di passione intensa e voglia di vedersi sempre via via tutto inizi a calare. Prima c'è l' innamoramento e successivamente si sviluppa l'abitudine. È proprio in questa ultima fase che la coppia ha la possibilità di vivere l'amore basata soprattutto sull' imparare a venirsi in contro, perché una relazione possa durare è importante impegnarsi reciprocamente l'uno verso l'altro. Il.senso di vuoto è altrettanto normale, sta a significare che una parte di lei è ancora in lui, esattamente come.accade in un lutto con conseguente tristezza. Questo dovrebbe farla riflettere su quanto importante è per lei quella persona. Se ritiene necessario mi contatti. Le auguro una felice vita.

Dott. Gottardo Leonardo Psicologo a Padova

1 Risposta

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2017

Gentile Francesca,
dalla sue parole emerge sia bisogno di indipendenza, ma al tempo stesso il timore di perdere una persona importante e di vedersi facilmente sostituita.
La relazione con questo ragazzo, è nata in fase adolescenziale, periodo estremamente ricco di cambiamenti ed emozioni, di grandi innamoramenti assoluti.
L'essere diventata adulta l'ha portata a rivalutare i suoi sentimenti e mettere in discussione l'importanza della sua relazione sentimentale.
Accettare la chiusura di un rapporto è sicuramente doloroso, ma talvolta necessario.
Se lo desidera si conceda un percorso psicologico, che la supporti in questo particolare momento e le permetta una migliore comprensione dei suoi sentimenti.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1360 Risposte

1232 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Buonasera Francesca,
Credo che la sua scelta le abbia già dato una risposta. È normale sentire un senso di vuoto e distacco nel momento in cui interrompiamo una storia, peraltro così importante come la sua. È importante poter riuscire ad accettare questo vuoto e prendere consapevolezza del fatto che lei senza lui non sta poi così tanto male. Prenda invece da questa storia ció che di positivo le ha lasciato.

Dott.ssa Cristina Lo Bue Psicologo a Palermo

4 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Gentile Francesca,
Quando finisce una relazione è normale provare senso di vuoto e tristezza. In realtà lei non si è ancora separata emotivamente da questo ragazzo, si sente molto coinvolta.
All'inizio si vive lo smarrimento, è opportuno riallacciare amicizie e contatti per avere un supporto emotivo.
Provi a concentrarsi su se stessa, sui propri bisogni e desideri ricostruendo un senso di benessere di base.
Dipendere troppo da una persona non la rende libera di vivere pienamente la propria vita.
Se ne sente la necessità può intraprendere un percorso psicologico per superare questo momento.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2755 Risposte

2238 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Gentilissima,
questo rapporto sembra ricco di tutte le emozioni del mondo!
Il problema qui è il tipo di attaccamento che ha con questo ragazzo! Spessissimo succedono storie come le tue e noi donne abbiamo difficoltà a staccarci da uomini che sappiamo già che hanno trasgredito gli accordi di coppia. L 'incoerenza e la freddezza sono due modalità molto dolorose da subire. Dunque che cosa fare? Resistere o cedere? Qui si tratta di ritotrovare di nuovo te stessa. La tua centralità i tuoi progetti. La dipendenza affettiva a volte può far perdere di vista chi siamo. In questi casi è meglio consultare qualcuno che si occupa di psicoterapia e abbia esperienza di coppie, con cui intraprendere un dialogo approfondito e sciogliere i blocchi e le incomprensioni . Cordiali saluti
Dott.ssa Ornella Convertino

Dott.ssa Ornella Convertino Psicologo a Lissone

9 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Gentile Francesca,
quando si interrompe una relazione durata anni, uno degli aspetti più faticosi e difficili da affrontare, è la ricostruzione del proprio sentimento di identità senza il partner. A maggior ragione quando la relazione che si interrompe è iniziata in giovanissima età e i due partner sono praticamente cresciuti insieme. E’come se venisse letteralmente a mancare (da qui il senso di vuoto) e dovesse essere completamente ricostruita una parte di sé. La paura di essere dimenticata o rimpiazzata rientra nel corso delle cose dal momento che il suo senso di identità è ancora molto dipendente dalla relazione anche se si è interrotta la frequentazione.
Costruire scenari alternativi a livello di amicizia e di interessi può essere di aiuto in questo momento di transizione che va comunque vissuto.

Dott.ssa Patrizia Mattioli

Dott.ssa Patrizia Mattioli Psicologo a Roma

82 Risposte

36 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Cara Francesca, le relazioni che iniziano quando si è molto giovani sono destinate a vari tipi di futuro differenti:possono resistere alle intemperie della vita e del nostro cambiamento,di persone che diventano piano piano figure adulte. Possono non resistere proprio a causa di questi cambiamenti :ognuno dei due Va verso strade diverse. Non dipende da nessuno, è parte della vita e della crescita. Lei è a questo bivio:ancora non le è chiaro se questa relazione può farcela o no. Non si ponga divieti,vincoli interni,decisioni imposte che causano dolore e insoddisfazione. Si lasci libera di vedere ciò che emerge dal suo mondo interno, di far nascere nuovi pensieri e modi di essere. Spontanei. Solo così potra'verificare se questa relazione ha un futuro o era parte di una sua identità adolescenziale. Ma soprattutto si adoperi per costruire una sua identità, nuova,ricca di interessi e valori. Che lei esprime nelle sue parole. Con la sicurezza di essersi ritrovata,o di avete trovato e cercato una identità nuova potrà interfacciarsi anche con il suo ragazzo in modo diverso e per lui inaspettato. Tanti auguri. Dott Giulia Piana Milano

Dott.ssa Giulia Piana Psicologo a Milano

78 Risposte

97 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Buongiorno Francesca, penso che la situazione che Lei sta attraversando in questo momento sia del tutto in linea con quello che sta vivendo. Si è fidanzata molto presto e questo le ha permesso di condividere con il suo ex ragazzo molti momenti piacevoli che non scorderà mai ma al tempo stesso ora sente l'esigenza di allontanarsi un po' per prendere consapevolezza delle sue qualità, delle sue debolezze e dei suoi punti di forza. Sarà difficile stargli lontanto e sarà anche più difficile non scrivergli ma in questo momento della sua vita deve mettere se stessa in primo piano, prendersi del tempo per riflettere, per analizzare le sue paure, per capire cosa vuole realmente ma questo non deve farlo da sola, si confronti con i suoi genitori o con le sue amiche più care. Fa sempre bene parlare un po' di sé alle persone di cui ci fidiamo. Con il tempo capirà se lui è veramente l'uomo della sua vita.

Resto a sua disposizione.
Laura Maiezza

D.ssa Laura Maiezza Psicologo a Milano

6 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Buongiorno,
la tua situazione è assolutamente comprensibile, ancor più vista la giovane età in cui ti sei legata al tuo fidanzato e le trasformazioni di vita a cui si va incontro in questa età. Se hai agito in conformità alle tue convinzioni, come tu stessa dici, hai fatto ciò che dovevi. Ci vorrà tempo. Prova a dedicarti un pò a riscoprire te stessa, i tuoi interessi, affronta insomma il senso di vuoto che ti invade a volte ritirandoti un pò in maniera costruttiva e a volte cercando al compgnia degli altri, all'inizio ti potrà sembrare un impegno faticoso ma poi piano piano sentirai di tornare a respirare. Infine ora probabilmente, nella confusione e nel dolore che si tu che il tuo ex ragazzo state sperimentando se pur in modo diverso, non è probabilmente il caso di riallacciare i rapporti ma più avanti, quando le nubi saranno lontane, non è detto che, volendolo, possiate riscoprire un nuovo tipo di rapporto. Un saluto.

Dott.ssa Gilda Di Nardo Psicologo a Roma

70 Risposte

30 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Buongiorno Francesca, sicuramente la fine di una relazione porta a non avere le certezze che si aveva prima. Penso che lei si trovi in una fase di crescita e cambiamento e questo spaventa. Lei stessa ha detto che se tornasse insieme al suo ex ragazzo sarebbe insoddisfatta quindi si prenda del tempo per sè, per capire cosa vuole.
Resto a sua disposizione.
Saluti

Dott.ssa Rossana Curatolo Psicologo a Pogliano Milanese

40 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Il problema credo che non stia nella tua storia con il tuo ragazzo. I tuoi pensieri nascono a monte, credo riguardano chi sei tu ora, e chi vuoi diventare. La tua autostima ha che fare con sostanziare la. Tua identità, vederne le crepe, così da costruirti, le ferite da rimarginare in modo da diventare serena e vedere un orizzonte che ti darà respiro e serenità. Poi capirai se ami o non ami qualcuno ecc. Ma se nn sai bene cosa senti per cosa lo senti che tipo di emozione é, a cosa é davvero associato, qual é la verità di chi sei.. È difficile scrivere il tuo libro prima bisogna conoscere le singole lettere dell'alfabeto emotivo e così inizierà a fiorire chi sei. Con un metodo psicoterapeutico idoneo e un adeguata relazione si producono i cambiamenti emotivi su obiettivi concordati, questo si trasformerà in azioni che cambieranno te e il mondo intorno cambierà.

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

210 Risposte

65 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Salve Francesca,
Il vuoto e la tristezza sono normali in questo momento in cui ha scelto di prendere le distanze da una relazione così importante.

Queste emozioni non sono il segno che sta sbagliando qualcosa, ma segnalano semplicemente la perdita che sta vivendo e la aiuteranno ad elaborarla nel tempo e a scegliere.

Si dia un po' di tempo per vivere questo vuoto e capire che strada prendere per il suo futuro. In alcuni cambiamenti di vita è necessario fermarsi un po' e dare alla mente lo spazio per evolvere insieme a noi e ai nostri desideri.

Buona giornata
Camilla Marzocchi
Bologna BO

Dott.ssa Camilla Marzocchi Psicologo a Bologna

341 Risposte

175 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2017

Salve Francesca, ho letto più volte la tua richiesta. Quello che sento è che questo per te è un periodo di grande cambiamento emotivo. Ma come tutti i cambiamenti porta con se smarrimento e confusione. Sicuramente tu hai grandi risorse e una buona determinazione ma avresti bisogno di conoscere il modo per affrontare in modo più sereno e lucido questo periodo. Io utilizzo un metodo che con varie tecniche ti aiuterebbe a gestire meglio intanto quei momenti di ansia che arrivano quando pensi al vostro distacco. A rilassarti prima di tutto perché stai entrando in una dinamica in cui più ti agiti più pensi e più pensi e più ti agiti portandoti così ancora più confusione. Quindi prima cosa dovresti imparare a rilassarti, a diminuire l'ascolto di quei pensieri costanti che ti fanno perdere la concentrazione anche magari nello studio. Poi imparare a concentrarti sulle tue sensazioni, diventare più consapevole di te stessa e di ciò che vuoi veramente. Spesso i pensieri ci portano fuori strada da quello che siamo perché ci concentriamo di più sull'esterno della nostra vita rispetto che su di noi. Io potrei aiutarti a fare un percorso di consapevolezza in cui potresti imparare come gestire i momenti di confusione, ritornare a dare importanza a te stessa e chiarirti su cosa hai davvero bisogno e scoprire la tua forza interiore per comprendere quanto le nostre paure derivino tanto dai nostri pensieri che condizionano le nostre scelte. Spero di esserti stata d'aiuto per chiarire quale percorso tu voglia affrontare per stare meglio.

Dott.ssa Noci Giorgia

Dott.ssa Noci Giorgia Psicologo a Piacenza

4 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte