Psicoterapeuta incinta e senso di abbandono con tristezza e ansia

Inviata da Vanessa il 12 feb 2018 Psicoterapia

Salve a tutti. Recentemente ho già parlato qui del rapporto che ho con la mia psicoterapeuta, o meglio, del mio forte attaccamento nei suoi confronti. Mi trovo qui a scrivere di nuovo perchè sto vivendo un momento particolare, la mia psicologa è incinta da qualche mese ed io sto provando una marea di emozioni contrastanti.
Inizialmente, quando me l'ha comunicato, ero molto sorpresa però in senso positivo, ero felicissima per lei e immaginarla con un figlio mi trasmetteva gioia e tenerezza. Ultimamente, invece, quando ci penso provo un'ansia intensa e mi assale una tristezza allucinante... Ho paura di venire in qualche modo abbandonata perchè penso che quando partorirà ovviamente non potrà lavorare per un po' e non potrò vederla... Fin qui sono comprensibili le mie emozioni ma, oltre a questo, mi sento come se fossi sostituita da qualcuno che vivrà con lei e starà sempre con lei, mentre io non posso, ma lo desidero tanto... In questo periodo, per alcuni problemi legati alla sua gravidanza, mi sta ricevendo a casa sua per fare le sedute ma, nonostante stia continuando a vederla, da quando ho saputo che è incinta mi sembra che sia finito tutto... Perchè? Come faccio a vivere più serenamente questa cosa e a starci meno male? Ogni tanto mi viene voglia di litigarci e di non vederla più almeno penso (erroneamente) di riuscire a dimenticarla meglio e riniziare a pensare alla mia vita senza di lei. Ma non credo che così facendo mi sentirei meglio, anzi... ma, nello stesso tempo, mi "difenderei" da un possibile abbandono improvviso che non mi darebbe il tempo di prepararmi mentalmente. Vorrei parlarne con lei ma è così difficile per me esprimere queste cose, mi sento una scema e credo siano argomenti delicati anche per lei... Le ho già accennato qualcosa e la prossima volta credo ne parleremo meglio, ma ho paura...
Secondo voi farei bene a lasciare la terapia ora? O continuo e vedo come vanno le cose? Vi ringrazio per aver letto e aspetto con ansia le vostre risposte. Cordiali saluti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Veronica,
tutto ciò che ha scritto sarebbe importante che fosse condiviso, col suo modo e nei suoi tempi, con la sua terapeuta: le sensazioni negative che sta provando, la tentazione di terminare la terapia per evitare un “abbandono improvviso”, così come la difficoltà che manifesta nell’esprimere ciò che sente (e che costantemente svaluta) sono materiale prezioso per la terapia. Mi sento di consigliarle, avendo lei riconosciuto questa voglia di “fuggire” per proteggersi, di provare a resistere a questo impulso e cercare invece, in terapia, di acquisire una maggiore consapevolezza di questo e altri meccanismi. Lei e la sua terapeuta valuterete insieme, poi, come sia meglio agire nel suo interesse e nell’ottica del suo benessere in questo periodo un po' complicato.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1113 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Veronica, innanzitutto la invito a non darsi etichette tipo "mi sento una scema" visto che ogni emozione che proviamo è lecita non dipendendo dalla nostra volontà. Piuttosto, sarebbe utile capire come mai lei stia provando queste emozioni e solo confrontandosi con la sua terapeuta possono essere capite o, almeno, inferite le cause. Provi, insieme alla collega, a generalizzare cio' che sta provando. Ad es., "ogni volta che si intromette qualcuno in una mia relazione (di qualunque tipo) mi sento...". Quello che le sta succedendo non è solo, sicuramente, perché la terapeuta è incinta, ma perché in determinate situazione il vissuto che sperimenta è legato al suo mondo emotivo in generale e nelle relazioni nello specifico. Insomma, il suo vissuto è una miniera di informazioni cliniche che sarebbe utilissimo condividere e dargli un significato con la collega.
Buona fortuna
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

672 Risposte

961 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte