Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Sempre Arrabbiata ogni istante.

Inviata da Angelita · 19 dic 2019 Aggressività

Salve ,
Volevo porvi il mio grande problema, ormai dico di.essere fatta per il 70%di rabbia.
Sono sempre perennemente in uno stadio di fastidio, rabbia, ansia,nausea e negatività.
Mi danno fastidio anche dei piccoli suoni, come può essere il masticare di una gomma, lo starnutire , insomma ogni rumore crea rabbia , ho avuto una brutta infanzia, una peggiore adolescenza, sono orfana, la più grande di 4fratelli, sono sposata, non riesco ad avere una gravidanza ,.ci tento da sei anni, non provo più libido, non sopporto più neppure i baci di mio marito, nonostante io lo ami più di chiunque altro, litigo spesso con lui , perché dice che urlo ..urlo sempre...ha ragione, urlo..non riesco più ad essere dolce, garbata, sono sempre stizzita e polemica, digrigno i denti tutto il giorno, me lo.fanno.notare, io non me ne.accorgo! Ho problemi con mia suocera, mi ha sempre trattata male, ma io per il quieto vivere e per amore.di mio marito...sopporto anche cose gravi " provo sempre invidia ,non riesco a stare in posti dove c'è gente, vorrei urlare fino a non avere più voce, vorrei prendere a pugni qualsiasi cosa, ma riesco solo a piangere e rimuginare, la notte non riesco a dormire, devo prendere un sonnifero naturale.o.chimico, soffro di asma che mi parte dallo stomaco, sento che mi prenderà una crisi di asma dai segnali che mi manda lo stomaco. Mio padre è morto perché alcolizzato, è morto solo 6mesi fa, per 10anni sono stata la sua infermiera la sua amica , la sua nemica , sua figlia,nel senso che ha sovrastato la mia vita la sua malattia.
Credo.che con mio marito si stia sgretolando tutto, lui cerca di darmi e farmi stare nel migliore modo possibile, non mi fa mancare niente...da un complimento ad un fascio di rose, non lo merito , io so solo additarlo, sgridarlo, umiliarlo, mentre dentro di me lo vorrei abbracciare...cosa mi succede? Credo di essere pazza, AIUTO.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 DIC 2019

Cara Angelita,
grazie per averci raccontato ciò che sta vivendo.
Da quello che leggo, lei sente che i fastidi e la rabbia di oggi trovano ragione nella sua storia di vita, nelle difficoltà che ha vissuto, ma è come se tutto fosse confuso. Sembra inoltre che senta anche che la sua vita vissuta in questo modo non le piace e teme stia facendo soffrire anche suo marito. Credo che la rabbia, come anche i sintomi fisici che racconta, possano essere visto come l'espressione di difficoltà più profonde che quindi hanno bisogno di essere prese in considerazione.
Proprio per questo, potrebbe prendere in considerazione di iniziare un percorso di psicoterapia, di persona o online, che le permetta, da un lato a capire cosa le sta succedendo, dall'altro a vedere delle possibilità diverse di vivere le cose.

Alessandro Busi
Psicologo e psicoterapeuta a Padova e Mestrino

Dott. Alessandro Busi psicologo-psicoterapeuta Psicologo a Padova

33 Risposte

26 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2019

Cara Angelita,
mi sembra chiaro che dovrebbe trovare modo di sfogare questa gran rabbia. Ognuno trova modi diversi: chi va a correre, chi usa metodi specializzati come la terapia bioenergetica, condotta da psicologi, dove appunto si esprime la propria rabbia, anche urlando o prendendo a calci e pugni oggetti morbidi. D'altra parte è anche possibile dare voce alla propria rabbia parlando, ed è ciò che si fa in terapia. Mi sembra anche che sia presente una forte ambivalenza nei confronti di suo marito. Forse prova rabbia PROPRIO perché è così controllato e comprensivo. Di tutto questo non ha senso parlare qui. Lei deve decidere, se il suo disagio è troppo grande, di fare qualcosa per sè, rivolgendosi ad uno/a professionista. Altrimenti è solo perdita di tempo.
Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

889 Risposte

365 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 DIC 2019

Cara Alessandra,
Un fattore molto importante e positivo del tuo racconto è che sei perfettamente consapevole che le tue reazioni sono sproporzionate agli stimoli. L'egodistonia ti aiuterà ad essere più consapevole dei fattori che causano i tuoi eccessi di rabbia se intraprendi una terapia. Non è un romore molesto o uno starnuto a fare da trigger alla tua reazione, ma i ricordi e le emozioni spiacevoli che covano dentro di te fin dalla tua infanzia. Sembra essere una rabbia antica, che affonda le sue radici profonde dentro la tua anima.
Tuo marito è cosi gentile e comprensivo con te, probabilmente perché è in sintonia con la tua sofferenza, e conosce la parte buona di te che ama. Tu invece sembri solo detestarti impietosamente.
I sensi di colpa conseguenti finiscono per farti stare peggio...
Perche non intraprendi una terapia EMDR per trattare gli eventi traumatici che ti hanno così profondamente segnata?
Potresti averne immensi benefici e ritrovare te stessa.
Auguri!
Dott Panzera

Dott.ssa Jole Anna Panzera Psicologo a Roma

27 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 DIC 2019

Cara Angelita, forse è arrivato il momento di rivedere i grandi dolori della sua vita che come lei stessa riferisce hanno radici molto antiche. Non mi stupisce il suo costante stato di ansia e rabbia visto tutto quello che le è successo, può iniziare adesso a prendersi cura di se e della sua storia rivolgendosi ad uno psicoterapeuta.
Cordialmente, Dott.ssa Michela Roselli

Dott.ssa Michela Roselli Psicologo a Aprilia

135 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 DIC 2019

Cara Angelita, la comprensione di quanto lei racconta va declinata entro la specificità dell'intreccio tra la storia di vita, ovvero le esperienze pregresse che hanno fatto di lei ciò che ora, e la progettualità, ovvero dell'orizzonte d'attesa cui le tende in questo momento della Sua vita.Alla luce di tale incontro, le difficoltà diventano comprensibili, significabili, e di conseguenza, risolvibili. In virtù di questa stessa comprensione, è possibile rispondere alla sua domanda: non è pazza, sto semplicemente facendo esperienza all'interno di un'apertura di mondo in cui ogni cosa La interpella in modo negativo, La infastidisce, Le si appiccica addosso. La perdita del papà e di conseguenza del ruolo che ricopriva nei suoi confronti può comportare una perdita di progettualità con conseguente ripiegamento su di sé che alle caratteristiche della modalità depressiva: rabbia, ideazione, invidia e senso di colpa alcune delle tonalità affettiva entro cui si declina tipicamente quello stato di mancanza o incertezza del futuro. La rabbia assume i connotati di un tentativo di azione E di modifica della situazione: in questo senso non è di per sé negativa, ma semplicemente la strategia che in questo momento Lei ha trovato per provare a scuotersi. La frustrazione che prova e l'ansia che descrive rivestono un senso che Le appartiene e che va reso esplicito. È fondamentale un'indagine anamnestica che consenta di raccogliere le informazioni che permettono di declinare tutto questo all'interno di una storia di vita unica: la Sua. È già possibile identificare un modo di narrarsi secondo medesimezza che deve essere modificato tramite una psicoterapia. Contatti un terapeuta nella Sua zona e cominci il percorso con fiducia e motivazione: la situazione si può risolvere. Il Consiglio però è quello di non indugiare ulteriormente. In bocca al lupo, cordialmente.DMP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

544 Risposte

374 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 DIC 2019

Gentile Angelita,
La ringrazio per il coraggio della sua condivisione, forte e dolorosa, ma anche esasperata e bisognosa di comprendere cosa le sta accadendo. Sento che la sua rabbia sta cercando di comunicarle qualcosa, è un messaggio che, se inascoltato, alza il volume sempre più forte. Penso che un percorso psicologico possa aiutarla a dare un senso a ciò che sta vivendo, trovare uno spazio dove poter esprimere le sue emozioni, trovare accoglienza e sostegno, coinvolgendo magari anche suo marito per sostenerla.
Le auguro un Natale di accoglienza e rinascita.

Dott.ssa Maria Chiara D'Avino
Psicologa, Poggiomarino (Na)

Dott.ssa Maria Chiara D'Avino Psicologo a Poggiomarino

1 Risposta

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Aggressività

Vedere più psicologi specializzati in Aggressività

Altre domande su Aggressività

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22500

domande

Risposte 83600

Risposte