Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ri-traumatizzare il paziente in psicoterapia

Inviata da Sara il 3 mag 2015 Trauma psicologico

Salve a tutti, vorrei il parere di un esperto. Ho 28 anni e ho fatto una terapia dinamica di quasi 4 anni. Mi vergogno un po' a dirlo, mi sembra di esagerare, ma temo che il mio ex terapeuta mi abbia come ri-traumatizzata: mi ha negato la sua disponibilità a riprendermi come paziente dopo l'interruzione (avvenuta in maniera pacifica), nonostante avessi bisogno, e non mi ha dato spiegazioni chiare del motivo (a parte un vago "di solito non riprendo i vecchi pazienti") :( mi sono sentita RIFIUTATA e ABBANDONATA nel momento del bisogno, proprio le mie paure peggiori! CI ha messo tanto a conquistarsi la mia fiducia, mi diceva spesso che ero distante e che non avevo emozioni verso la terapia ma quando ho iniziato ad averle mi sono sentita non voluta. Questa cosa mi ha davvero turbata tantissimo, ne ho concluso che faccio bene a non coinvolgermi in nessuna relazione, che bisogna sempre essere solo razionali etc. E mi vergogno di essermi sentita così. Vorrei sapere se posso dire di esser stata in qualche modo "ri-traumatizzata", se è il caso di continuare la terapia con un'altra persona (anche se ho perso la poca fiducia che avevo)... o se semplicemente sono io che sono troppo sensibile. A volte ho pensato di incontrarlo per parlare di questa situazione ma 1) ho paura di sentirmi negare ogni tipo di chiarimento, 2) sono troppo orgogliosa. In tutto ciò soffro ancora di periodi ansioso-depressivi (che stavano migliorando con la terapia).

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Sara
certo che il comportamento del suo ex-terapeuta è stato ben strano ed è certo che abbia costituito per lei un trauma ulteriore.
Io credo però che il suo terapeuta non abbia agito così per "abbandonarla", quanto per "difendersi" da lei avendo realizzato interiormente di non riuscire (per qualche motivo) a gestire la relazione terapeutica.
Da quanto lei racconta circa ciò che lui le diceva, e cioè di " essere fredda e di non provare emozioni nella terapia" si deduce che questo collega fosse molto bisognoso di avere riscontri positivi dal paziente-cliente ( forse a causa di sue insicurezze) e che avesse bisogno lui di essere sostenuto in qualche modo.
Detto questo ora lei (che comunque con l'aiuto di questo terapeuta ha fatto dei passi avanti) è nelle condizioni di riprendere un percorso costruttivo in psicoterapia e dovrebbe farlo con una persona nuova che corrisponda meglio alle sue nuove esigenze di essere accolta e compresa.
Questa che ha vissuto la consideri come " l'ultima scena degli abbandoni", cala il sipario ed ora i temi centrali della psicoterapia saranno altri, l'autonomia può essere quello centrale e quindi il suo nuovo terapeuta dovrà essere Autonomo e non troppo dipendente da gratificazioni e conferme.
Un sincero augurio
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6739 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sara, io parlerei di ri-trau matizzazione più come vissuto personale che come condotta "oggettiva" del collega. Sicuramente può sembrare strano il fatto che non l'abbia riaccolta (io, per esempio, dico a tutti che, in futuro, potranno sempre contare su uno spazio personale con me). Tuttavia le motivazioni possono essere varie e non necessariamente ricondotte alla collega, sebbene così, a pelle, alcune sue (della collega)dichiarazioni, non mi siano piaciute. A questo punto, credo che, affidarsi ad un altro/a collega sia la cosa migliore, magari con obiettivi terapeutici un po differenti, ed in ogni caso, sarete voi due insieme a fissarli.
Buona fortuna, dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta Costruttivista Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

677 Risposte

980 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima Sara,
Le consiglierei di riprovarci con un'altro terapeuta, magari donna.
Se è interessata sarei felice di accoglierla.

Annarose Gschwändler Psicologo a Sezze

9 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
come mi dispiace leggere le sue parole! Ha proprio ragione a sentirsi arrabbiata con il suo ex terapeuta, che ha peccato di una grande superficialità, per come scrive di essere stata liquidata. Anche secondo me lei è stata ritraumatizzata...non riesco proprio a comprendere i motivi che hanno spinto il collega ad agire così con lei. Le consiglio di non lasciare a lui il potere di confermare questo trauma, ma di rielaborare questi vissuti permettendosi un'altra terapia con un professionista che abbia una particolare attenzione agli aspetti intrapsichici e interpersonali. Le auguro di risanare le sue ferite.
Cordialmente.
Dott.ssa Daniela Barone

Dott.ssa Daniela Barone Psicologo a Padova

21 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
ammetto di avere difficoltà nel comprendere la decisione del suo terapeuta e spero pertanto che ci sia alla base una buona motivazione terapeutica. Detto questo, concordo con i colleghi che le hanno consigliato di rivolgersi ad un altro professionista, in quanto è evidente la sua volontà di riprendere il percorso.
Le faccio un grande in bocca al lupo.
Dott.ssa Ilaria Visconti

Anonimo-125947 Psicologo a Firenze

49 Risposte

117 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Sara, nelle sue parole ho sentito molto il dolore per essersi sentita rifiutata e abbandonata proprio dalla persona alla quale pensava di poter far riferimento nel momento del bisogno! Il rifiuto e l'abbandono potrebbero essere due temi molto importanti nella sua storia e la invito a cercare un altro terapeuta con cui stabilire un alleanza, una relazione di fiducia, ed esplorare insieme questi vissuti. Credo che sia davvero impossibile non coinvolgersi in nessun tipo di relazione... e anche se fosse possibile.. credo che vivrebbe comunque sempre con la paura di essere "ritraumatizzata". Come esseri umani, infatti, siamo per nostra natura portati a cercare contatto e relazioni con altri esseri umani. Una seconda terapia potrebbe aiutarla ad individuare eventuali esperienze dolorose del suo passato e aiutarla a superare il pericolo di possibili ritraumatizzazioni. Un sincero in bocca al lupo. Resto a disposizione per ulteriori domande. Dott. Massimo Perrini - Psicoterapeuta Psicoanalista Relazionale a Roma.

Dott. Perrini Massimo Psicologo a Roma

86 Risposte

134 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
Forse è' una prassi che utilizza il terapeuta, potrebbe provare a chiedere spiegazioni in merito. Mi permetto di dirle di non scoraggiarsi e cercare un altro terapeuta, se ha avuto miglioramenti,con il percorso terapeutico li metta in campo con un'altra persona e faccia un percorso nuovo. Potrebbe essere che ha bisogno di lavorare su altri aspetti della su vita.
Non si senta rifiutata e abbandonata ma ciò che ha appreso dalla terapia passata, lo metta in pratica, se la terapia si era conclusa significa che un certo tipo di lavoro era riuscita a farlo, si rimetta in gioco in modo diverso.
Cordiali saluti.
Dr.ssa Verena Elisa Gomiero

Dott.ssa Gomiero Verena Elisa Psicologo a Padova

85 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
la spiegazione che le ha dato il suo terapeuta per non riprenderla in terapia non mi sembra sufficiente e penso perciò che le debba migliori spiegazioni. Se esistono delle controindicazioni a prendere un paziente in terapia, esistono anche degli obblighi morali che ci impediscono di rifiutarlo, a meno che appunto non ci siano dei motivi deontologicamente fondati. In linea generale la psicoterapia è una terapia e come tale può anche essere errata e provocare danni: Non sembrerebbe questo il suo caso, dal momento che le ha prodotto dei miglioramenti, perciò si tratta probabilmente di indagare meglio se ci siano problemi nel rapporto professionale. Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

708 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno'
Se ha tratto giovamento dalle sedute non vedo il perche' non continuare con un altro terapeuta. Certo capisco le sue resistenze e la paura del cambiamento, o meglio rivolgersi a un nuovo terapeuta -fatto che di per se' puo' far emergere nuove tematiche non trattate col precedente terapeuta. Il professionista e' libero di scegliere il cliente come anche questo ultimo.
Dott Piatanida Silvia Roma

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

174 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19300

domande

Risposte 78250

Risposte