Orientamento sessuale: ansia e calo del desiderio sessuale - PARTE 2

Inviata da Matteo · 6 nov 2015 Ansia

Salve, la ringrazio tantissimo per la risposta. Io temo che sia come ha detto lei, però come faccio a sapere di non sbagliarmi? L'unico modo è andare da uno psicoterapeuta, ma mi sono appena trasferito in Inghilterra e non parlo assolutamente bene l'inglese per ora, quindi sarebbe inutile andare da uno psicoterapeuta, non capirei nulla e non saprei farmi capire. Questo vorrà dire che dovrò tenermi questo problema per un anno ancora, e sono due anni che ho questi pensieri.
Penso che io debba aumentare la mia autostima per essere più sicuro con le ragazze, ma mi chiedo anche a che servirebbe fare tutti 'sti sforzi se poi fossi davvero gay. Se sapessi per certo di essere etero cercherei di migliorarmi, ma in questo momento non riesco a sforzarmi poiché l'unica cosa che voglio è potermi eccitare vedendo una ragazza e non so cosa potrebbe aiutarmi in questo e se effettivamente mi servirebbe. Non so proprio come fare. Io mi sono sempre innamorato delle ragazze, e una cosa che ho notato è che delle ragazze di cui mi innamoro non provo desiderio, mentre magari di quelle meno belle provo desiderio sessuale. Ho letto da qualche parte che questa si chiama sindrome della vergine-prostituta. Penso di avere un sacco di paranoie che tutte assieme mi stanno facendo impazzire. Probabilmente essendo ansioso e con poca autostima tendo ad ingrandire tutto, e quando avrò più autostima sarà meglio, ma è pazzesco come a questa età non riesca ad eccitarmi pensando ad una ragazza che mi piace. Solitamente le persone normali si eccitano vedendo una ragazza con un bel fisico. Io anche se ho molta ansia, non dovrei eccitarmi vedendone una? È da talmente tanto che non mi eccito spontaneamente davanti ad una ragazza che non mi ricordo nemmeno più cosa si provi o quando avvenga. Facevo molto uso di pornografia e ho poi scoperto che ha effetti collaterali sul desiderio sessuale. Però ci sono troppe possibili cause del mio problema da analizzare e non sa da cosa partire o quale considerare. Se per lo meno sapessi qual è il mio problema potrei riuscirci, ma è davvero arduo capirlo. Una cosa che mi mette fretta e mi da rabbia, è che al contrario di quando ero piccolo, ora sono davvero un bel ragazzo. Tutte le ragazze mi vengono dietro, e io vedo gente brutta divertirsi alle feste, fare di tutto con le ragazze, e poi ci sono io, che potrei spassarmela ma invece ho 'sto problema. E se scoprissi di essere gay mi darebbe ancora più fastidio perché saprei di perdermi tutto il divertimento. So che se scoprissi di essere gay il divertimento con le ragazze non mi interesserebbe, ma penso che a quest'età divertirsi con le ragazze sia una delle cose più tipiche e divertenti di noi giovani, e io me le sto perdendo tutte per sto problema. La ringrazio ancora dell'aiuto e spero di essermi spiegato bene. So che è difficile dare consigli a distanza e che non posso risolvere il problema qui, ma mi è stato già molto d'aiuto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 NOV 2015

Caro Matteo,
anche io ti avevo risposto ieri solo che, per disattenzione, ho poi cancellato la lettera...mannaggia, succede...
Sostanzialmente ti dicevo che, a mio parere, non credo che tu sia gay ma che sei enrtrato in un "loop" di pensieri che ti stanno condizionando e soprattutto per il fatto che la tua mente è risucchiata lì e ha perso il giusto "distacco" e semplicità necessarie per la vera comprensione.
Assillato dalla mente hai perso l'immediatezza delle risposte fisiche istintive e per questo, il corpo non invia segnali autentici.
Io non ho mai sentito ragazzi gay che devono fare tutta questa fatica per scoprire che sono gay. Di solito il fatto s'impone all'evidenza e assume una irrefrenabilità sconcertante; non certo è necessario convincersene mentalmente e nemmeno dover fare tutte queste prove di cui tu parli.
Trovo invece molto vero il fatto che, alla tua età, può essere una frase anche scherzosa di amici e amiche a mettere un dubbio atroce!
Anche il fatto di non provare specifica attrazione per il genere femminile credo sia un derivato di una situazione molto ansiogena che si è creata.
Quindi la cosa principale da fare è di mettersi calmo e lasciar affluire spontaneamente sensazioni ed emozioni, senza che la ragione ( al momento molto rimuginante) intervenga troppo coi suoi perché.
Ritrova spontaneità e autenticità.
Sono a disposizione e anche per contatti skype.
Cari saluti
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6993 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2015

Carissimo Matteo,
la tua richiesta d'aiuto ha decisamente bisogno di trovare supporto. Datosi che ti sei trasferito, ed hai difficoltà con la lingua, potresti provare con un supporto online.
Penso che per quanto la nostra professionalità possa esserti utile, mediante delle singole risposte, la risoluzione della problematica avrebbe bisogno di un iter differente.
Un caro saluto
Dott.ssa Serena Congiu

Dott.ssa Serena Congiu Psicologo a L'Aquila

9 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 NOV 2015

Credo Matteo, che tu stia inconsapevolmente subendo il "ricatto" di un meccanismo di difesa chiamato "razionalizzazione". I tuoi pensieri si accavallano fino al punto di sembrare quasi ossessivi e tutto questo per costruirti intorno una corazza al fine di proteggerti da quella che forse è la tua difficoltà principale: provare piacere. Il tuo corpo non riesce a provare un senso di piacere che sia coinvolgente ed appagante. Poco importa se quel piacere sia femminile, maschile, transessuale, e via discorrendo. Il piacere è una sensazione che non riguarda soltanto la sfera genitale, ma tutti e 5 i sensi. Parlare nel tuo caso non aiuta molto, perchè la tua mente riesce ad utilizzare le parole come ulteriore elemento di confusione, innescandoti il seme del dubbio per cui ritorni nel tuo circolo vizioso e ti imprigioni ancora di più in te stesso. Paradossalmente, se tu fossi gay ti sarebbe molto più facile viverti un momento di intimità con le ragazze, perchè non avresti alcuna aspettativa e dunque alcuna ansia. A te preoccupa tantissimo non provare sensazioni fortemente eccitanti nel contatto intimo con le ragazze, ma in realtà credo che una parte di te abbia una grande paura di provare sensazioni fortemente eccitanti nel contatto intimo coi ragazzi, cioè potrebbe farti paura scoprire che ti piace provare un contatto intimo coi ragazzi. L'unico modo che hai per cominciare a sciogliere questa matassa è, a mio modesto avviso, quello di educarti al "piacere in generale", quello cioè dei 5 sensi: esercitati cioè a sentire il gusto delle cose che mangi, il profumo delle cose che annusi, la sonorità delle cose che ascolti, la morbidezza delle cose che tocchi e infine la vibrazione delle cose che senti. Abitua il tuo corpo a "sentire", a percepire cioè sulla pelle tutte, ma proprio tutte, le esperienze che vivi. Il dettaglio poi della tua sessualità, una volta che ti sarai abituato ad "investire libidicamente" (cioè a liberare il tuo Eros) su cose e persone, quindi a fare esperienza profonda di ogni contatto che vivi, si risolverà da sè e probabilmente ti farà essere molto più sensuale come amico, come compagno, ma anche come persone in generale in qualsiasi situazione ti troverai a vivere. In bocca al lupo per la tua esperienza londinese!

Dott. Francesco Attorre Psicologo a Barletta

14 Risposte

34 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 NOV 2015

Sinceramente, le domande simili alla tua, ormai, data la mia annosa e perennemente rinnovata esperienza, da me non vengono più lette per intero data l'informazione spazzatura racimolata malamente su internet.Non te ne avere a male, comunque, ti posso garantire che l'essere omo piuttosto che etero non fa la differenza. Ho la netta sensazione, piuttosto che ci sia un blocco affettivo/ sessuale in relazione alla figura primaria di sesso femminile.
Pertanto ti suggerisco caldamente di rivolgerti ad umo specialista della tua zona.
Non continuare ad alimentare le tue ossessioni come hai fatto finora senza alcun successo. Augu
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

641 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 NOV 2015

Gentile Matteo,
ribadisco il concetto che,a mio avviso, il tuo problema è essenzialmente nel pensiero fisso che, siccome diverse ragazze ti trovano bello e ti vengono dietro, tu hai il "dovere" di spassartela sessualmente con loro ed è questa cosa che ti crea il problema e che chiamerei "ansia da prestazione sessuale doveristica"".
Dovresti accettare di relazionarti ad una ragazza senza vederla (e vederti) come oggetto (soggetto) sessuale ma come essere umano con cui scambiare pensieri, emozioni e sentimenti. Con questa logica il sesso verrà in automatico al momento giusto e se non dovesse accadere non sarà certo la fine del mondo.
Credo che solo se entrerai in questa ottica ti libererai dalle tue ossessioni che ti fuorviano anche relativamente all'orientamento sessuale.
Ovviamente ci vuole un lavoro di psicoterapia. Nel tuo caso alcuni miei colleghi su questo sito offrono sedute online via skype e, sebbene questa è una metodologia che non mi entusiasma, in casi come il tuo di residenza all'estero può essere un aiuto.
Potresti perciò perseguire questa possibilità che è meglio che niente.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7041 Risposte

20143 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23650

domande

Risposte 85500

Risposte