Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Forte calo del desiderio sessuale, pensiero di essere gay

Inviata da francesco · 1 lug 2016 Orientamento sessuale

Salve dottori mi chiamo Francesco ho 25 anni, da qualche mese ho notato una forte difficoltà ad eccitarmi fantasticando sulle ragazze, che il con materiale pornografico che solitamente utilizzo durante la masturbazione, con orgasmi molto lenti ad arrivare, quasi forzati. Cercando di ragionare ho notato anche (non riesco a definire da quanto tempo, forse 2-3 mesi) che non ho più erezioni spontanee, neanche mattutine, se inizio a masturbarmi, raggiungo l'erezione, anche se il pene non sembra pienamente turgido e l'orgasmo tarda ad arrivare. Ho pensato a mille possibili cause tra cui quella di poter essere gay, ma non ho gli ho dato molto peso perchè mi sembrava una cosa assurda.
La paura è diventata più concreta dopo aver fatto una ricerca in internet nel tentativo di cercare le cause di questo calo del desiderio, in particolare dopo aver letto tra le cause psicologiche ''omosessualità latente'', per farvi capire l'ansia che ho avuto nelle 2-3 settimane successive vi dico solo che in confronto la possibilità di avere un cancro alla prostata mi dava sollievo.
Cercherò di riassumere la mia vita sessuale fino all'inizio del 2016 per darvi un'idea dei motivi che mi hanno spinto a pensare di poter essere gay.
Sin da piccolo mi sono sempre sentito attratto fisicamente ed emotivamente verso le femmine, scoperta la masturbazione il pensiero erotico era rivolto esclusivamente alle coetanee e materiale porno che si riusciva a trovare abbastanza raramente fino all'arrivo di internet. Per tutto il periodo delle superiori non sono riuscito ad avere rapporti con ragazze (eccetto qualche bacio o contatto sopra i vestiti); la mia timidezza e il sovrappeso che ho sempre avuto, non mi hanno mai fatto sentire sicuro di poterci provare con una ragazza, nonostante mi sia preso centinaia di cotte, di conseguenza la masturbazione è stata sempre molto presente nella mia vita. Finite le superiori ho iniziato l'università, ho perso qualche chilo, mi sentivo più sicuro dal punto di vista fisico, ma con le ragazze l'insicurezza è rimasta ed ho continuato a masturbarmi molto (2-5 volte al giorno) spesso con pornografia online immaginando di fare quelle cose con ragazze che mi piacevano. Qualche volta ho visionato anche filmati gay ma avevo abbastanza disgusto e non mi eccitavano. 2 anni fa ( 23 anni) ho avuto il primo rapporto sessuale con una ragazza di 28 anni, che aveva gia molta più esperienza di me, dato che aveva anche una figlia di 4 anni. Lei non mi eccitava particolarmente perchè piuttosto in sovrappeso, ma vista l'occasione di perdere la verginità ho provato... Il rapporto si è consumato in macchina, ero agitato, il pene non è andato in erezione finchè la ragazza non ha iniziato a masturbarmi e praticarmi sesso orale, ma al momento della penetrazione ho perso l'erezione di botto, ho provato diverse volte, ma riuscivo a penetrarla per poco tempo e non provavo molto piacere, alla fine non ho raggiunto l'orgasmo. L'evento mi ha disturbato abbastanza, mi sono chiesto come mai non avessi provato un piacere indescrivibile come hanno gli attori nei video porno, ma ho dato la colpa un po' all'ansia un po' alla non attrazione fisica. Qualche mese dopo ho avuto contatti fisici con un paio di ragazze ma non sono potuto andare oltre, ma stavolta avevo una forte erezione al contatto con i loro corpi, ero eccitato al pensiero di fare sesso con loro. L'anno scorso ho conosciuto una ragazza, ci siamo frequentati per 4 mesi molto sporadicamente visti i 400km a dividerci, passavamo la fine della serata in macchina a scambiarci coccole, mi piaceva molto, ero anche eccitato, ma la cosa fondamentale era farle capire che tenevo a lei aldilà del sesso, soprattuto perchè lei aveva timori riguardo ad una relazione a distanza anche se temporanea (1anno);quando pensavo di averla conquistata mi ha detto che per lei non era fattibile ed abbiamo smesso di sentirci. Sono stato piuttosto male i mesi successivi, non solo per il suo rifiuto ma anche per quelli precedenti. Io non sono mai stato un ragazzo che usciva la sera per cercare del sesso (forse perchè ho sempre sfogato molto con la masturbazione), piuttosto ho sempre cercato una ragazza da amare, ma quelle poche a cui ho chiesto di uscire hanno accettato ma dopo un paio di appuntamenti si sono sempre defilate con mille scuse. Oltre al malessere mi era salita anche una discreta rabbia verso le donne, non mi meritavano. All'inizio di questo anno, la mia coinquilina una sera dopo aver entrambi bevuto alcol, mi ha chiesto di fare sesso, si era lasciata da poco con il ragazzo e non sapevo come dirle di no, Anche lei è piuttosto in sovrappeso ed anche se vivendo insieme ho fantasticato qualche volta su di lei, quella sera ho avuto praticamente la stessa performance della prima volta, agitazione e poco piacere. Questa seconda esperienza negativa mi ha portato a credere di non essere in grado di godere con le donne e forse anche al declino del desiderio sessuale.
Parallelamente, dopo quel periodo di malessere per la relazione a distanza non conclusa, ho deciso per la prima volta di andare su una chat erotica, riuscendo magari a fare webcam con qualche ragazza, purtroppo per me, solo 2 volte sono riuscito a trovarle, essendo però la chat era piena di gay e bisex, ho provato a fare chat/cam con loro, la cosa mi eccitava nella sua trasgressività, il fatto che godessero nel vedermi non sò... ma raggiunto l'orgasmo chiudevo tutto e mi sentivo a disagio. Un uomo era disposto a pagarmi per farmi del sesso orale, ma non ho proprio trovato il coraggio di farlo. La cosa è andata avanti per un mesetto, finchè non ho pensato di aver raggiunto veramente il fondo, sentivo che il mio comportamento stava diventando malsano, così ho chiuso tutto e ci ho messo una pietra sopra. E' stato proprio questa cosa a scatenarmi il panico alla vista della scritta ''omosessualità latente'', il fatto di aver goduto alla vista di peni di altri maschi che si masturbavano per me. Dal momento esatto in cui ho letto quella scritta 2 mesi fa, ho iniziato a fare tentativi di masturbazione con pensieri e filmati sia etero che gay per vedere cosa mi eccitasse di più, ho iniziato a guardare con ansia i maschi per strada, nei programmi tv, sui social, avvertendo movimenti strani ai genitali specialmente con quelli considerati più belli dalle ragazze o che sembrano molto sicuri di loro stessi...cose del genere (anche qui non saprei...).
Ho letto molte cose riguardo questi argomenti nelle ultime settimane, sempre in cerca di risposte, ma più leggo e meno riesco a capire il mio problema.Alcuni articoli che ho trovato in rete argomenti che nella mia ignoranza in materia tendo a ritenere associabili al mio problema, vorrei indicarveli per sentire il vostro parere.
1. comportamento ossessivo compulsivo
2. eccesso di pornografia online: questo mi ha colpito perchè, avendo io una vita sessuale ''reale'' quasi assente sono sempre stato spinto a masturbarmi molto ( a volte fino ad avere mal di testa solo per arrivare alla sensazione dell'orgasmo) e sempre alla ricerca di nuovi video, ho visto praticamente di tutto ( etero, lesbo, con animali, esibizionismo, cuckold...) quasi fissandomi a periodi su una tipologia di video, finche' non ne trovavo una nuova con cui masturbarmi... inoltre come questo sovraccarico di imput sessuali possono portare a differenti risposte alla dopamina come una sorta di dipendenza, con richieste sempre maggiori...
Le uniche cose che sono riuscito a capire al momento sono che non riesco più ad eccitarmi vedendo le forme femminili di ragazze anche molto belle in giro, non riesco più a fantasticare su di loro, non ho erezioni spontanee ne con pensieri gay ne etero, ma se cerco di masturbarmi raggiungo una piena/o quasi erezione; però impiego di più ad avere un orgasmo pensando a sesso etero, mentre se mi masturbo pensando di fare o ricevere sesso orale da un maschio mi provoca un orgasmo più rapido. Possibile che questo pensiero di fare sesso orale tra maschi si sia in un certo senso intruso nella mia mente impedendomi di pensare ad altro per eccitarmi?
Possibile che il poco piacere provato a letto con le donne mi abbia condizionato cosi tanto da non riuscire a provare molto piacere nemmeno nella masturbazione etero?
Secondo voi dovrei smettere di ''forzare'' l'erezione con la masturbazione solo per avere un orgasmo?
Può essere un problema di autostima ed insicurezza?
La situazione in generale mi ha creato un bel po di ansia, spesso durante la giornata sento la frequenza cardiaca aumentare, passo ogni minuto a pensare a tutta questa situazione (ieri ero in attesa per dare un esame all'università ed ero più preoccupato a pensare alla mia situazione che all'esame imminente) ,mi risulta difficile concentrarmi nello studio , inoltre mi addormento molto tardi di notte e la mattina non riesco/voglio alzarmi dal letto.
Vorrei fare una visita urologica ed ascoltare il parere di uno psicologo, ma per ora ho gli esami ed essendo fuori sede non posso tornare a casa prima di 20-25 giorni, per questo motivo mi farebbe piacere sentire i vostri pareri.
Scusate il testo lungo e probabilmente anche sconnesso, ma come noterete la confusione nella mia testa regna sovrana.

Grazie a tutti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 LUG 2016

Gentile Francesco,
dopo aver letto tutto ciò che hai scritto nella tua lunga mail, ritengo che la tua insicurezza e timidezza di base, unita a qualche performance sessuale scadente per ansia da prestazione, a quella delusione amorosa quando c'era un vero coinvolgimento emotivo da parte tua, all'eccessivo consumo di pornografia che ti ha spinto a chat trasgressive ed infine a convinzioni fuorvianti per un non corretto filtraggio delle informazioni acquisite su Internet, ti abbia portato al livello attuale di ansia con paura di poter essere gay, cosa che mi sentirei di escludere.
Penso, inoltre, che dovresti evitare di isolarti rifugiandoti nella masturbazione compulsiva con annessa visione di filmati porno di qualunque tipo essi siano e che dovresti iniziare un percorso di psicoterapia per migliorare il tuo livello di autostima e le tue competenze sociali.
Contemporaneamente, tramite una rete amicale da costruire, dovresti attivarti per conoscere e frequentare ragazze in modo da avere la possibilità, attraverso una scelta ponderata della ragazza più interessante e interessata, di instaurare innanzitutto una valida relazione sentimentale completata poi gradualmente e senza "forzature" dalla componente sessuale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6881 Risposte

19182 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22600

domande

Risposte 83700

Risposte