Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non voglio più vivere ma ho paura di morire

Inviata da Vicky il 23 apr 2017 Crisi adolescenziali

Buonasera,
ho 22 anni e da sempre ho un carattere introverso. Durante le elementari, le medie e l'inizio delle superiori sono stra anche vittima di bullismo.
A causa di tutto questo ora mi ritrovo ad avere pochi amici, i quali hanno le loro compagnie e giustamente non sono il loro primo pensiero nello scrivermi o uscire. Da 6 mesi ho anche un ragazzo, però non sta andando benissimo anzi... ogni volta che ho bisogno di aiuto non sa esserci e questo mi provoca molto dolore, non penso durerà.
Non sono neanche mai stata brava a scuola, ho finito le superiori con difficoltà, e ho sempre causato ansia ai miei genitori per questo. Non credo di avere un gran futuro nemmeno in campo lavorativo.
Mi sento un fallimento.
È da quando sono nata che ho brutti pensieri sulla morte e tutto ciò che comporta l'ignoto, mi vengono vere e proprie crisi di panico al solo pensiero minimo... ma allo stesso tempo è dalle medie che penso al suicidio. Il fatto è che mi sento ancora più una fallita perché non solo la mia vita non ha un senso, ma ho addirittura paura a farla finita a causa dei miei problemi! (anche se forse dovrei considerarli una salvezza dato che, senza, ora non sarei qui)
Il mio sogno è quello di andarmene almeno dalla mia regione, ricominciare, avere una scusa per essere sola senza vergognarmi (nel senso in una nuova città ovvio che non avrei molti amici almeno all'inizio)... ma ho sempre incontrato ostacoli, ad esempio il fatto che non volendo fare l'università non ho una scusa per andarmene o il mio attuale ragazzo che vede il suo futuro qui dove siamo ora (e forse anche se abbiamo solo problemi mi attacco a lui per evitare di essere completamente sola).
Insomma, mi sento senza speranza.
Sapete, qualche mese fa ero ad una festa dove conoscevo solo la festeggiata, ero ignorata da tutti e sono salita al piano di sopra, ci sono rimasta per un'oretta e nessuno ha notato la differenza. Dopo sono scesa e con una scusa me ne sono andata, camminando per un'ora e mezza di notte verso casa... non so perché ve lo racconto, ma ricordo di aver voluto ardentemente che qualcuno mi uccidesse mentre tornavo a piedi...
Credo di aver bisogno d'aiuto per continuare a vivere.
Scusate il grande papiro e grazie anticipatamente per le risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Carissima, credo che i suoi pensieri sulla morte in realtà siano dovuti a questo senso di impotenza che prova al momento. Ha bisogno di riacquistare fiducia nel futuro. Pensi che siamo noi gli artefici di ciò che viviamo, a volte per mancanza di coraggio, altre volte perché non sappiamo da dove iniziare, altre volte per le difficoltà, sentiamo di non aver fatto abbastanza, o a volte rimaniamo bloccati, senza sapere come partire e ci sentiamo affranti. Per andar via dal luogo dove si è nati e cresciuti ci vuole coraggio, non è una scelta facile, per mille motivi. Prima di pensare ai propri progetti però, dovrebbe fare del lavoro su se stessa. Il suo problema è proprio questo, il voler andar via? Dopo che sarà andata via, da un' altra parte cosa farà? Ha già dei progetti? IO penso che dovrebbe in questo momento concentrarsi sulle sue emozioni, sulle sue sensazioni, sul suo disagio. Da dove viene questo disagio, quali sono le componenti che lo mantengono vivo?
Sono disponibile ad aiutarla, se lo volesse, anche on line.
Cari saluti.
Dott.ssa Barbara De Luca

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte