Non riesco, o non voglio?

Inviata da Sabrina · 27 set 2016 Terapia di coppia

Non c'è altro titolo che vorrei dare al mio piccolo, ma allo stesso tempo, grande problema. L'indecisione. Il non sapere cosa fare o meglio, cosa volere.
Ho lasciato il mio ragazzo, dopo 4 anni, per una persona speciale, unica, che riempiva tutti i vuoti che avevo. Sono andata contro amici, quelli di una vita, per stare con lui. Il mio Marco...il principe azzurro che avevo sempre sognato. Mi faceva sentire speciale, mi ha sempre riempito di attenzioni, e nonostante il brutto periodo che stavo passando, non mi ha mai lasciata sola.
Con il tempo si è rivelato tutt'altro, forse un pò per colpa mia, forse perché davvero ho sbagliato a non dar peso a cose che in realtà sono importanti? Ma per me mentire su un giudizio dato ad una persona del mondo dello spettacolo, non è un grave errore.. un errore imperdonabile, da far perdere addirittura la fiducia.
Tengo a precisare che parlo di persone laureate e trentenni...! Perché, secondo il mio parere, questi non sono motivi validi per litigare tra due persone adulte! Ma per lui si. Una volta mi chiese cosa pensassi di un attore in tv e dopo aver espresso il mio giudizio, mi ha riportata a casa risentendosi di trovarlo più "brutto" del personaggio televisivo. Così, per quieto vivere, ho mentito su altri personaggi, considerando questo, una bugia a fin di bene. Chiaramente col tempo ha iniziato a d avere dei dubbi e si chiedeva: ma come fa quel tipo in tv ad essere più brutto di me? E ho iniziato a dirgli la verità anche sui pareri chiesti nei mesi passati. Allora ha messo in discussione tutta la nostra storia, dandomi della falsa, bugiarda e considerandomi come tutte le altre ragazze.
Sento di rivivere i 4 anni con il mio ex dove mi sentivo sempre umiliata per un nonnulla, e inferiore ad ogni cosa.
Lui invece, non mi ha mai fatta sentire così. Si parlava di matrimonio, diceva di aver trovato una persona speciale, mi addormentavo tutte le sere senza neanche un pensiero negativo. Ed ora eccomi qui, non capisco cosa sbaglio, perchè devo meritarmi questo. perchè devo sentirmi sempre così umiliata? Gli ho dato tanto, forse tutto.
Per quanto pensi di trovar stupidi i suoi motivi, non riesco a star senza lui. Non riesco, o non voglio? Forse ho paura di rimanere sola? So solo che spesso penso al suicidio, sto assumendo antidepressivi e pillole per dormire. QUesto non mi fa stare bene.
Ringrazio per l'eventuale aiuto. Di vero cuore..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 SET 2016

Cara Sabrina,

mi hanno colpito in particolar modo le sue ultime parole? forse ha paura di rimanere sola? Se fosse sola cosa succederebbe? forse è vero sia che non riesce, sia che non vuole lasciare questo ragazzo, ecco che allora nell'impossibilità dell'azione, tutta la rabbia è rivolta verso di sè e allora appare il pensiero del suicidio e la possibilità di assumere antidepressivi.
Anche nella precedente relazione non si sentiva vista ed erano presenti svalutazioni nei suoi confronti. Perchè permette questo? Provi a cercare le risposte a queste domande, spesso è difficile farlo da soli e talvolta può essere utile rivolgersi ad una psicologa.
un caro saluto
Dott.ssa Monica Salvadore
Psicologa Psicoterapeuta Torino

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

857 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2016

Cara Sabrina,
ti tormenti chiedendoti come sia possibile far naufragare una bella relazione per futili motivi. Certamente il tuo ragazzo si è mostrato molto suscettibile e insicuro, al punto da non saper accettare una banale osservazione positiva su un altro uomo. Infatti l’ha vissuta con insofferenza, come un affronto personale, sentendosi svalutato, e anche il suo attacco verbale nei tuoi confronti rivela un atteggiamento egocentrico. In seguito lo scoprire che gli hai mentito "a fin di bene" ha ulteriormente accresciuto la sua sensazione che lo reputi un bambino al quale occorre dare il contentino e il suo orgoglio ne è stato ulteriormente colpito. Questa è la situazione dal suo punto di vista, ma occorre che tu dia importanza anche alle tue emozioni e al tuo punto di vista.
Non hai ancora deciso se porre fine anche a questa storia, ma soffri molto per l’umiliazione di sentirti accusata di errori di cui non senti di essere così gravemente colpevole e continui a rimuginare mettendo in discussione te stessa. Certo potreste confrontarvi nuovamente sulla questione in modo aperto e assumendovi la responsabilità dei vostri rispettivi sentimenti e desideri, ma se ritieni che non ci siano i presupposti per tale confronto ad armi pari, forse è davvero lui a non essere la persona giusta per te.
Una psicoterapia può aiutarti a capire perché è così difficile interrompere questa relazione, mentre sei tu che hai fatto questo stesso passo nel tuo precedente rapporto sentimentale. Darti questo spazio di sostegno può aiutarti a uscire dal giro dei pensieri di autosvalutazione e dal senso di fallimento, per focalizzarti invece sui tuoi desideri più profondi e sulle tue risorse.
Cordialmente
Anna Maria Deutsch psicologa-psicoterapeuta a Sassari

Anna Maria Deutsch Psicologo a Sassari

52 Risposte

32 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2016

Gentile Sabrina,
forse hai idealizzato troppo questo ragazzo che essendosi offeso seriamente per una cosa banale ha mostrato di essere immaturo e narcisista.
D'altra parte anche tu, cambiando versione per compiacerlo, hai mostrato di avere poca assertività e autostima tanto da arrivare a pensare addirittura al suicidio nell'ipotesi di dover fare a meno di lui.
Questa totale mancanza di autostima e crollo dell'umore è una cosa molto grave e, indipendentemente dagli antidepressivi che voglio sperare tu assuma sotto controllo medico, richiede al più presto una buona psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7516 Risposte

21034 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2016

Cara Sabrina,
il titolo del suo piccolo, grande problema dice molto su di lei. Percepisco che lei ha una gran forza interiore ma che si trova in un momento della vita dove non riesce a comprendere quale sia la strada da intraprendere per poter stare meglio. La sensazione di stallo le fa pensare al suicidio, una forma di rabbia/aggressività che manifesta verso se stessa ma che in realtà vorrebbe (ma non può )rivolgere all'esterno. Un sostegno psicologico sicuramente può aiutarla a sciogliere il nodo, a valutare ogni possibilità di scelta,valutandone insieme le conseguenze,e a decidere la soluzione che più la farà star meglio in futuro.
In bocca al lupo

Dott.ssa Denaro Francesca.Prato

Dott.ssa Francesca Denaro Psicologo a Prato

103 Risposte

143 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2016

Cara Sabrina,
immagino che la sua differenza sia profonda. Le domande che si pone sono interessanti: riuscire a stare senza l'altro, desiderare o meno una rottura, riuscire a stare da sola. Solo lei puó conoscere la risposta è nessuno, per quanto esperto, potrà mai sostituirsi a lei in questo. Certo, queste risposte ora devo apparire quanto mai confuse... Provi a chiedersi cosa accadrebbe se vi lasciaste? E se continuaste a stare insieme? Come si sentirebbe in entrambi i casi? Come sarebbe la sua vita?
É solo un iniziale spunto di riflessione...
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Alternativamente-Centro di psicologia di Annalisa Anni Psicologo a Padova

505 Risposte

930 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2016

Cara Sabrina,
A quanto pare non si è rivelato alla fine proprio un principe azzurro e come dici bene tu non ti meriti di esser trattata così e di pagare la sua insicurezza disfunzionale. Non hai nulla di cui colpevolizzarti e sento un colpo al cuore e rabbia quando dici che pensi al suicidio. Hai solo cercato di proteggerlo e lui non ha capito neanche questo. Non hai nulla di sbagliato. Capisco che fa tanto male veder cadere l'immagine della persona che avevamo tanto idealizzato. Parti da qui. Guardalo per quello che è, tenendo conto che tu hai fatto il meglio di quello che potevi fare e saprai prendere la decisione giusta per te.
Sinceri saluti
Dott.ssa Alessandra Xaxa Psicologa Augusta (SR)

Anonimo-162687 Psicologo a Vittoria

138 Risposte

138 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2016

Gentile Sabrina,
non sembrerebbe il suo un grave problema, ma forse la vostra relazione ha bisogno di un'"aggiustatina", per così dire su alcuni aspetti. Penso perciò che potrebbe o potreste facilmente superare il dissidio con l'aiuto di uno psicologo psicoterapeuta, se non ci riuscite da soli.
Se vuole approfondire è necessario un rapporto che professionale che è possibile attraverso una consulenza o una terapia.

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

747 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2016

Gentile Sabrina,
Quello che mi colpisce nella sua storia è che sembra quasi che lei si stia dando la colpa di tutto, quando invece forse non è così. Risentirsi per un commento su un personaggio televisivo non mi sembra un comportamento da persona matura. Siamo proprio sicuri che questo ragazzo sia la persona adatta a lei? Ho la sensazione che a questo ragazzo piaccia semplicemente stare al centro dell'attenzione, essere considerato il migliore e ha trovato in lei una persona che forse lo fa sentire tale. Ma con queste premesse può esserci una relazione matura ed equilibrata? Lascio a lei la risposta.
Se questa persona non la fa stare bene, prenda tutto il coraggio che ha per costruirsi una nuova vita per conto suo, senza aggrapparsi alla sicurezza di avere questo ragazzo al suo fianco. A volte certe separazioni giovano molto di più che non lo stare insieme con una persona che non sa far funzionare una relazione e pretende tutte le attenzioni solo per se stesso.
Oltre alla terapia con antidepressivi, penso che le sarebbe utile parlare della sua situazione con uno/a psicologo della sua zona. La aiuterà a tirar fuori le sue risorse per uscire da questo non facile e delicato momento della sua vita.
Le auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta a Sustinente (MN) e Padova

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

725 Risposte

2232 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101150

Risposte