Non capisco se sono innamorata o cosa della mia spicologa

Inviata da Fabrizia · 31 mag 2016 Orientamento professionale

Buongiorno,
sono Fabrizia, vado per i 32 anni e da 6 sono in terapia per abbandono e trascuratezza infantile , diciamo cosi..la mia dottoressa ha 14 anni più di me.
Premetto che non sono omosessuale ma amo le donne da sempre.
Appena ho incontrato la mia Dottoressa sono praticamente impazzita.
Cotta nel vero senso della parola.
Circa a metà del nostro lavoro con molta fatica ho confessato tutto anche se Lei se ne era già accorta (mi disse al tempo).
Io sono molto emotiva molto sensibile molto tutto.. allora insieme abbiamo pensato di alternare delle sedute con una sua collega.
Questa cosa l'ho gradita solo dopo alcuni mesi ma ho voluto provare comunque anche per gratitudine nei confronti della mia Dottoressa.
Questa cosa è durata un anno e qualche mese poi sono tornata con la Dottoressa di sempre.
Dentro di me era cambiato poco ma qualcosa si era calmato.
Adesso ricominciando sono tornata a provare dei sentimenti molto intensi a volte mi sento soffocare per quanto io la pensi o la desideri..
continuo a farglielo presente ma sembra che Lei sia tranquilla o che non calcoli tanto quello che provo (penso sia cosi perché convinta di un semplice transfert)
fatico a dormire fatico a concentrarmi nel quotidiano penso stia diventando veramente la mia vita.
Tutto ciò non è reciproco lei è sempre stata chiara e professionale solo che bo è un rapporto molto vero molto particolare .
Io dovrei interrompere lo so ma mi sento morire all'idea ...
anche perché ho interrotto molto relazioni per la mia scarsa capacità di "guidare" le mie emozioni, quindi questa vorrei anche salvarla..

non so che fare.
grazie in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 31 MAG 2016

Gentile Fabrizia,
non è molto chiaro cosa lei intende quando dice che non è omosessuale ma ama le donne da sempre e, in particolare è "cotta" della sua psicologa e "a volte si sente soffocare per quanto la desidera".
Se lei ha vissuto un passato di abbandono e trascuratezza è facilmente comprensibile che considera la relazione terapeutica uno spazio privilegiato in cui si sente accolta e protetta e vede la terapeuta quasi come un sostituto materno ideale.
Occorre però chiarezza e cioè capire se le manca il calore di una figura materna oppure qualcos'altro che che con questo non ha nulla a che fare.
Anche la sua dottoressa non mi sembra che la stia aiutando molto a capire di cosa lei ha bisogno e come e dove soddisfare questi bisogni differenziandoli e mettendo ordine nella mente.
Penso che la chiarezza sia indispensabile per gestire correttamente le relazioni senza andare ulteriormente in confusione e conseguente ansia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAG 2016

Cara Fabrizia, quella di cui tu parli nell'esporci la tua problematica è una situazione di dipendenza. E' una condizione comune a molte persone che decidono di seguire un percorso di psicoterapia e poi si ritrovano per così dire "invischiate" nella relazione. Il fatto stesso che tu ci dica essere in terapia per abbandono e trascuratezza infantile è indice di quanto tu abbia portato nel rapporto con la terapeuta tutto ciò che probabilmente non hai potuto avere nella tua infanzia: attenzioni, vicinanza, assenza di giudizio. Tutto ciò ha preso la forma dell'innamoramento ma può darsi che sia solo una grande e faticosa fase di passaggio dopo la quale ti sentirai davvero nella relazione con la terapeuta per quello che è il tuo bisogno.
Saluti,
Dott.Alessandro Cacace

Dott. Alessandro Cacace Psicologo a Torino

6 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88500

Risposte