Non amo più mio marito..può un matrimonio finire?

Inviata da Sara. 14 feb 2017 · 5 Risposte · Terapia di coppia

Buongiorno,
ho 31 anni e sono sposata da quando ne avevo 23..Io e mio marito siamo insieme da quando avevo 17 anni e lui 24. Siamo cresciuti insieme, in simbiosi, abbiamo fatto le prime esperienze e ci siamo amati alla follia. Dal nostro rapporto sono nati due bellissimi bambini, di 5 e 2 anni.
Dopo la seconda gravidanza però qualcosa è cambiato.
Il mio sentimento nei suoi confronti è andato scemando e piano piano si è dissolto. Come tutti i rapporti lunghi e importanti ci sono stati alti e bassi ma periodi bui per così tanto tempo non ce n'erano mai stati. Lui ha ammesso di avermi messo in secondo piano dopo la nascita dei nostri figli, ma non riesce a capire e ad accettare che sia cambiata, che sia diversa da com'ero. Vorrei separarmi ma lui ci sta così male perchè dice che gli distruggerei la vita, che mi vuole ancora bene e che insieme supereremo anche questa. Ma il problema è che io non me la sento di superare anche questa...è come se non mi interessasse più.
Ho iniziato una relazione con una persona che frequenta un gruppo di persone e che conosco da tempo..mi fa sentire bene e con lui riesco ad essere me stessa...sono a mio agio e mi fa ridere tantissimo..cosa che adoro.
Con mio marito invece non mi sento nemmeno più a mio agio e vederlo soffrire così tanto a causa mia mi sommerge d sensi di colpa. Se penso alla separazione poi non so come comportarmi per i miei figli...non so più cosa fare..se rinunciare ad essere felice per i miei figli e restare dove sono..fingendo..oppure se prendere in mano la mia vita e trasformarla in qualcosa di più..Grazie a tutti

5 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Sara,

    il senso della su lettera si racchiude nella riga finale: “prendere in mano la mia vita e trasformarla in qualcosa di più”.

    Quello che non mi è chiaro è come arrivi al passaggio che restare accanto a suo marito equivalga a staticità mentre cambiare partner a trasformazione.

    Il potere di cambiare è un a consapevolezza che nasce da dentro e che si può esprimere in qualunque circostanza e condizione esistenziale.

    Non ci sono eventi di serie A o di serie B. Lei può trasformare la sua vita che resti o meno con suo marito.

    Possiede in se tutte le risorse per realizzare infinite possibilità.

    Se lo ritiene opportuno in questo momento delicato può richiedere un sostegno. Può essere utile infatti quando ci si avventura per una strada sconosciuta e potenzialmente impervia equipaggiarsi per far fronte agli ostacoli e agli imprevisti.

    Cordialmente,
    Dott.ssa Elena Consenti
    Psicologa - Psicoterapeuta Latina

    Pubblicato il 14 Febbraio 2017

    Logo Dott.ssa Elena Consenti
    Dott.ssa Elena Consenti Latina

    42 Risposte

    677 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12400 Psicologi a tua disposizione
    • 13450 Domande inviate
    • 62300 Risposte date
    • Le persone sono in un dinamismo continuo.Lei sicuramente non è la stessa donna dei suoi sedici anni:In passato si amavano perdutamente due giovani che oggi sono adulti e mutevolmente cambiati.Lo amore eterno non esiste,la passione dura al massimo 18 mesi,Poi subentrano nel matrimonio molte trasformazioni che maturano i sentimenti.Molte coppie riescono per una vita a volersi bene,riescono a creare interessi comuni,riescono a dare insieme quello affetto che chiedono i figli e i nipoti.Ma in tutto questo io vedo grande altruismo,il sacrificio di una vita sullo altare della famiglia,Non parliamo di amore eterno,quello non esiste.
      dr.LUCIANO DI RIENZO


      n

      Pubblicato il 01 Marzo 2017

      Logo Luciano Di Rienzo

      70 Risposte

      14 Valutazioni positive

    • Gentile Sara,
      prima di fare passi azzardati andrei da uno/a psicologo psicoterapeuta da sola o in coppia (sarà anche lo psicologo a valutare, ma mi sembra più probabile che sarebbe meglio andarci in due, almeno in un secondo momento, se i colloqui individuali non sortiscono effetto).
      Mi sembra infatti che, date le premesse, ovvero un amore alla follia, ci dovrebbero essere margini per un recupero dell'attrazione.

      D'altra parte non sempre le separazioni sono recuperabili per cui è bene ponderare bene una tale scelta.
      saluti

      Pubblicato il 15 Febbraio 2017

      Logo Valentina Sciubba

      1054 Risposte

      633 Valutazioni positive

    • Gentile Sara,
      penso che lei e suo marito abbiate bisogno di iniziare subito un percorso di psicoterapia di coppia per comprendere puntualmente e con pazienza cosa è accaduto che ha fatto deteriorare il vostro rapporto e se c'è possibilità di riparare.
      Questo lei lo deve non tanto a suo marito ma soprattutto a se stessa e ai suoi figli prima di decidere per una non auspicabile separazione per la quale tutti certamente soffriranno.
      Ora che è in piena crisi è facile sovra-investire distrazioni che la fanno ridere e sentire più leggera ma credo si tratti di fuoco di paglia che avrebbe breve durata.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore
      medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

      Pubblicato il 14 Febbraio 2017

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      4706 Risposte

      13528 Valutazioni positive

    • Buongiorno sara,

      la separazine è un passo importante che coinvolge in primis voi due come coniugi e poi voi due come genitori.
      Ci si può separare dal proprio coniuge; quando scema l'amore e viene meno il desdierio dell'altro, dell'altrui condivisione e confonto; quando viene meno il desiderio di provare e riprovare, allora forse è arrivata la fine del legame.
      Ma non ci si separa da genitori. Si rimane per sempre genitori, insieme.
      Si può procedere per passi, uno dopo l'altro.
      Innanzitutto parlando con suo marito; dei suoi desideri, delle sue intenzioni.
      A partire da una separazione legale è possibile poi comunicarlo ai figli. I bambini hanno il diritto di essere informati, con delicatezza e onestà.
      Si rivolga a un avvocato della sua città e se credete, insieme al papà, anche a uno psicoterapeuta perchè voi possiate essere sostenuti in questa fase delicata di passaggio della vostra vita famigliare.
      In bocca al lupo!

      Cristina Fumi
      psicologa-psicoterapeuta
      Milano

      Pubblicato il 14 Febbraio 2017

      Logo Dott.ssa Cristina Fumi

      220 Risposte

      192 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande