Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Innamorato di una collaga universitaria fidanzata

Inviata da Giovanni il 26 giu 2018 Terapia di coppia

Salve, sono Giovanni e voglio raccontare la mia storia con la speranza che possa ricevere una risposta da un punto di vista esterno.
Un anno fa ho conosciuto una ragazza nella mia università che mi ha subito preso mentalmente e fisicamente, ci ho provato subito dopo poche settimane, ricevendo però un rifiuto, dicendomi che era fidanzata, all'epoca lo ero anche io, ma l'infatuazione era così forte che non ho saputo resistere. Ci teniamo a distanza, ma dopo pochi mesi ci ritroviamo a lavorare insieme ad un progetto, cominciamo a vivere la quotidianità, diventiamo amici confidenti e da piccole attenzioni ci ritroviamo a scambiarci forti e lunghi abbracci evidenziando che qualcosa nel nostro rapporto è cambiato. Entrambi ancora fidanzati ci avviciniamo sempre di più fino al giorno in cui ci baciamo. Entrambi increduli di quello che sta succedendo, teniamo nascosta questa storia a tutti i nostri amici dell'università, che senza dire nulla percepiscono il legame che c'è tra noi. I nostri avvicinamenti si fanno sempre più frequenti fino a quando ci ritroviamo a letto insieme. Le cose sembrano andare alla perfezione fino al giorno in cui la sua situazione familiare si complica, un parente gravemente malato e gli impegni universitari che si intensificano, lei esplode allontanandosi da me. Nel chiedere spiegazioni confessa di essere esplosa e di aver tolto tutto dalla sua testa (compreso il fidanzato che ha successivamente reintegrato nella sua vita). Mi allontano anche io, lei sta male nel vedermi lontano, ma non fa passi in avanti per stare con me. Nel frattempo il parente gravemente malato purtroppo muore, e lei mi confessa che mi avrebbe voluto al suo fianco. Io le sono vicino per il lutto, ma la decisione di sparire dalla sua vita (anche se da parte mia molto sofferta) rimane accesa. Destino vuole che dobbiamo collaborare in un nuovo progetto, questa volta senza nessuna presupposto, dopo una serie di assurde coincidenza ci ritroviamo e ci baciamo nuovamente riprovando quella passione che ci aveva uniti già una volta. I nostri incontri segreti ricominciano, ma questa volta qualcosa è cambiato, lei dici di avere sensi di colpa e di non sapere quello che vuole fare della nostra relazione, ma non riesce a prendere una decisione. Da parte sua ci sono continui segnali di interesse, ma mai un passo deciso. Questa situazione mi spinge ad allontanarmi ingiustamente sperando facesse qualcosa o almeno confessasse esplicitamente quello che provava, ma non serve a nulla. Ci riavviciniamo di nuovo, questa volta però comincio a darle attenzioni senza volere nulla in cambio, di nuovo per una serie di assurde coincidenze ci ritroviamo e ci baciamo. Leggo nei suoi occhi che è innamorata ed io lo stesso. Le confesso che la amo, lei non ricambia con le stesse parole, ma nei sui gesti percepisco che prova lo stesso per me.

In queste ultime settimane ho preso coraggio e ho lasciato la mia ragazza, non per lei, ma perché ormai mi ero reso conto che non potevo tenerla legata a me se non provavo più nulla per lei. Prima di lasciare la mia ragazza mi sono dichiarato alla mia collega dicendole che volevo stare con lei e ho preteso una risposta, una decisione. Alla mia domanda se volesse creare qualcosa con me, ha risposto di no. Non le ho dato un tempo limitato per decidere, ma ho preteso una risposta in quello stesso momento e dovendomi dare una risposta istantanea mi ha detto di no, subito dopo mi abbraccia dicendomi che si sarebbe pentita di quella scelta.

Adesso la situazione è questa: da allora non ci sentiamo, né parliamo, ma per un nuovo progetto in università siamo costretti a vederci, anche se non con la stessa quotidianità di prima, io sono freddo e si evince chiaramente che sto facendo uno sforzo nel non parlarle e per vie traverse ho scoperto che anche lei soffre nel non sentirmi, ma continua ad essere fidanzata e a non fare un passo avanti.

Vorrei arrivare ad una soluzione o comunque trovare la strada giusta da percorrere e non so proprio cosa fare.

Spero di non essere stato troppo prolisso e di aver dato un'idea generale della storia.

Confido in una vostra risposta illuminatrice.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Giovanni,
ho esposto chiaramente la situazione alla quale penso le uniche risposte corrette possono derivare dalla ragazza di cui innamorato.
Lei ha adottato l’atteggiamento corretto, sia interrompendo la relazione con la sua fidanzata per la quale non provava più amore, sia dichiarando esplicitamente i suoi sentimenti a questa collega.
Le mosse successive ora dipendono da quest’ultima, la quale forse dovrebbe chiedere un supporto psicologico per la possibile elaborazione del lutto che l’ha colpita e per riuscire a fare chiarezza nei suoi sentimenti e conseguentemente fare delle scelte.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1280 Risposte

1091 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Giovanni,
questa relazione che lei descrive sembra molto intensa e destinata a proseguire.
Questa ragazza appare indecisa, segue comportamenti contrastanti, non sempre è coerente. Qualcosa potrebbe bloccarla a livello di ambiente esterno o interno, provi a sondare il terreno.
Dopo aver compreso meglio la situazione potrebbe fare un ulteriore tentativo per riavvicinarla parlandole a cuore aperto osservando cosa accade.
Per superare questo momento di difficoltà e comprendere meglio come muoversi le consiglierei di fare qualche colloquio di counseling.
I miei migliori auguri
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2442 Risposte

2061 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Giovanni,
Da quanto scrivi sembra che questa ragazza sia coinvolta emotivamente nel rapporto con te, ma che per qualche motivo non possa concedersi di viverlo pienamente. I condizionamenti possono essere di vario tipo: far soffrire il fidanzato, deludere i familiari, o semplicemente rischiare il certo per l'incerto.... e la paura del senso di colpa e' sicuramente presente. Se è così però non rispettando i suoi sentimenti si condanna all' infelicita'. Dovresti provare a riavvicinarti a lei e a parlarle senza pretendere che dichiari i suoi sentimenti, ma cercando di capire cosa la blocca, per poi aiutarla ad aprirsi. In questo percorso ti potrebbe essere molto utile qualche seduta di counseling psicologico per non fare passi falsi. Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.
Cordialmente
Dr.ssa M. Sara Sanavio
Perugia
O via Skype

Dr.ssa M.Sara Sanavìo Psicologo a Perugia

225 Risposte

93 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte